Gli equilibri interni al Governo cambiano continuamente. In alcuni momenti i due leader politici, Salvini e Di Maio, collaborano perfettamente, in altri, invece, sembra che i due siano in totale disaccordo e che la rottura sia inevitabile.

A tal riguardo, fondamentali sono i risultati degli ultimi sondaggi sulle intenzioni di voto, che hanno visto una riduzione dei consensi per il partito di Di Maio e un incremento per quello guidato da Salvini. I vari addetti pensano ad un’eventuale rottura dell’alleanza tra i due partiti. D’altronde ci sono varie pressioni che spingono in questa direzione: basti pensare a Berlusconi e Forza Italia, ma anche al centrosinistra.

Infine è molto importante il pensiero della maggior parte degli Italiani, che continua a sperare nel mantenimento dell’alleanza in atto. Dunque l’attuale alleanza di governo rimane lo scenario preferito, ma con aree di dissenso, soprattutto da parte di una consistente minoranza di leghisti, che auspica un ritorno di Salvini nella coalizione di centrodestra.

 

Rispondi