Resta sintonizzato

Attualità

Il Consiglio approva: Quota 100 e Reddito di Cittadinanza sono realtà

Pubblicato

il

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decretone con la riforma delle pensioni, Quota 100, e il Reddito di Cittadinanza.

Dunque i due provvedimenti, promessi in campagna elettorale dalla Lega e dal Movimento 5 Stelle, sono stati varati dal Governo.

Adesso il compito principale dell’esecutivo è quello di far partire realmente Quota 100 e il Reddito di Cittadinanza.

C’è da dire, però, che non è tutto oro quel che luccica; infatti ci sarebbe una specie di tagliola pronta a scattare: se finiscono i soldi per il reddito (7 miliardi) servirà subito un decreto per ridurre l’ammontare o trovare nuove coperture, lo stesso succede se Quota 100 costa più di quanto stanziato (4 miliardi), con tagli al budget del ministero del Lavoro o al bilancio dello Stato.

Il Reddito di Cittadinanza prevede l’erogazione di 500 euro mensili per una persona single e senza altre entrate da lavoro.

A questa cifra si potranno aggiungere 280 euro in caso di pagamento di affitto e 150 euro per chi ha invece un mutuo.

Dal provvedimento risulta escluso chi è proprietario di due case.

Per accedere alla misura bisogna avere un Isee annuale inferiore ai 9.360 euro.

Il reddito verrà erogato attraverso la cosiddetta ‘Carta Rdc‘.

L’entità del reddito sarà proporzionata al numero dei componenti della famiglia.

Chi aderisce alla misura dovrà sottoscrivere un patto per il lavoro e riceverà fino a tre offerte: la prima entro i 100 km, la seconda entro i 250 e la terza in tutto il territorio nazionale.

Se il beneficiario rifiuterà più di tre offerte perderà il diritto a ricevere il reddito.

La misura potrà essere erogata per un massimo di 18 mesi, prorogabili per altri 18.

Quota 100, invece, permetterà a chi ha almeno 62 anni di età e 38 di contributi versati di andare in pensione in anticipo.

Chi aderirà alla nuova riforma delle pensioni si vedrà ridotto l’assegno pensionistico, a causa del mancato versamento dei contributi per gli anni rimanenti fino al raggiungimento del pensionamento per vecchiaia.

Le finestre per andare in pensione anticipatamente saranno trimestrali per i lavoratori privati e semestrali per quelli pubblici.

Per i privati il primo assegno dovrebbe arrivare ad aprile, per gli statali ad agosto.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Sant’Antimo, scoperti allacci abusivi in un complesso edilizio: nei guai 5 persone

Pubblicato

il

Controlli mirati da parte dei carabinieri della Compagnia di Giugliano, che coadiuvati dal personale tecnico dell’Enel, hanno effettuato un servizio a largo raggio a Sant’Antimo. In particolare, nel corso delle operazioni, gli agenti hanno denunciato a piede libero 5 persone, accusate di furto di energia elettrica, le quali sarebbero residenti nelle palazzine di via Solimene. Pertanto, i cinque, avevano realizzato degli allacci abusivi su un pannello di derivazione che era in strada e che appartiene all’Enel. Sono ora in corso accertamenti, per quantificare il danno economico.

Continua a leggere

Attualità

Blitz dei carabinieri, arrestato 21enne per spaccio

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Ercolano, hanno tratto in arresto per detenzione di droga a fini di spaccio, Gennaro Tassoni, 21enne di Portici già noto alle forze dell’ordine. Il giovane, era a bordo del suo scooter in via Pugliano quando i carabinieri lo hanno notato. Una volta perquisito, è stato trovato in possesso di un panetto di marijuana di 100 grammi e di 40 euro in contanti ritenuti provento del reato. Inoltre, gli agenti, hanno esteso la perquisizione anche a casa del ragazzo, dove hanno rinvenuto diverso materiale per il confezionamento oltre ad altri 150 euro in contanti, prontamente sequestrati. Pertanto, lo scooter, è stato sequestrato poiché privo di assicurazione. L’arrestato, è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Attualità

Paura nel casertano, il maltempo provoca frane e allagamenti

Pubblicato

il

Il maltempo mette in ginocchio il casertano, in particolare a Santa Maria Capua Vetere, dove nella giornata di ieri, una vera e propria bomba d’acqua, ha causato diversi disagi. Infatti, si è verificata una frana all’altezza dello svincolo autostradale in direzione Roma: il bivio per l’uscita, si è rapidamente allagato paralizzando la circolazione stradale. Inoltre, molte attività, non hanno potuto aprire al pubblico a causa di allagamenti di strade e marciapiedi in tutta la città.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante