Una vera e propria task force quella attuata da 31 equipaggi predisposti alle operazioni interforze di controllo straordinario del territorio dei comuni di San Tammaro, Santa Maria Capua Vetere, Mugnano di Napoli, Casoria, Polvica di Nola e Marano di Napoli.

Si tratta del richiamo al Piano d’azione per il contrasto dei roghi dei rifiuti firmato il 19 Novembre 2018 dal presidente del Consiglio dei ministri e dal governatore della Regione Campania.

Sono finite sotto controllo diverse attività commerciali e imprenditoriali coinvolte nello smaltimento dei rifiuti, di cui tre sono state sequestrate. Cinque le persone denunciate, 66 i veicoli sequestrati.

Più nello specifico, sequestrata a Mugnano un’attività specializzata nella lavorazioni di tappeti e moquettes. A Santa Maria Capua Vetere, invece, sono stati sequestrati un capannone (all’interno del quale venivano illegalmente stoccati rifiuti anche pericolosi) e un’autocarrozzeria (sempre per smaltimento e stoccaggio illegale)

Un contributo importante nell’individuare gli obiettivi è stato fornito dai Droni dell’Esercito, grazie al monitoraggio dall’alto e la conseguente maggiore efficacia all’azione di contrasto contrasto allo smaltimento illegale dei rifiuti.

LASCIA UN COMMENTO