CRISPANO – Triste epilogo stamattina al risveglio per i grillini di Crispano che si sono ritrovati la serranda del loro comitato elettorale, ancora da inaugurare, imbrattata con il simbolo degli “anarchici”.

Non si riesce a capire se è stato un atto intimidatorio o una bravata di qualche cretino. Fatto sta che dietro quest’atto di vandalismo è celato comunque un messaggio politico, visto che qui si parla di divergenze di ideali che, come asserisce anche il candidato sindaco del M5S Filippo Castaldo, il cui confronto non deve mai scendere a questi livelli.

Per saperne di più abbiamo contattato proprio il massimo esponente del Movimento crispanese che davanti ai nostri taccuini ha dichiarato: “Ho appreso con spiacevole stupore che la serranda del nostro “spazio 5 stelle” è stata imbrattata con il simbolo degli “anarchici”. Il confronto, seppur nel rispetto delle proprie posizioni politiche, non dovrebbe mai cadere ad un livello così basso.
Voglio ringraziare le forze politiche e tutti coloro i quali hanno espresso la loro solidarietà.
Mi auguro si sia trattato solo di un gesto incivile, noi non ci fermeremo! Affronteremo questa campagna elettorale con lo spirito che ci ha sempre contraddistinto e lo faremo perché ciò che conta realmente è restituire “dignità” e “normalità” al nostro paese“.

Non è mancata, così come dichiara anche il giovane grillino, anche la solidarietà di politici appartenenti a fazioni opposte come quella del candidato sindaco di Unità e Cambiamento Michele Emiliano che attraverso la sua fanpage ufficiale di Facebook scrive: “La mia piena solidarietà al candidato del Movimento 5 stelle di Crispano. Altro che anarchici, incivili e basta.

La scorsa notte, non meglio identificati soggetti hanno imbrattato la serranda della sede del Movimento 5 Stelle con delle scritte di tipo anarchico. Onestamente credevo fosse una vocazione politica scomparsa. Ho già chiamato il candidato sindaco per esprimere a nome mio, della lista e delle forze politiche che rappresento tutta la mia piena solidarietà;

Siamo ancora all’inizio della campagna elettorale che si annuncia lunga e faticosa e dalla quale Crispano dovrà ritrovare una strada di #normalizzazione e #fiducia. Questi gesti avvelenano il clima ma nulla tolgono alla serenità con quale speriamo si possa affrontare questa nuova ripartenza politica e amministrativa della città. Non lo consentiremo!

È un gesto da condannare a prescindere, che si si sia trattato di incivili, come spero, con la voglia di mettersi in mostra o di un più grave messaggio intimidatorio. In questo non faremo sconti a nessuno. Il confronto sarà sulle idee per la città, sui progetti e sugli impegni che vogliamo portare avanti. Ognuno con i propri. Nel rispetto dei ruoli, delle posizioni e degli uomini. Per vocazione personale e professionale sono portato a non cedere mai soprattutto davanti a chi vuole imporre il proprio punto di vista. Che si tratti del tentativo di imporlo a noi o ai nostri avversari. Con noi, con #me, sarete sempre certi di questo. Il nostro è un impegno con un’unica matrice: l’amore civico per #Crispano!”.

Al momento manca all’appello il messaggio pubblico di solidarietà del candidato sindaco del centrodestra Antonio Barra.

LASCIA UN COMMENTO