Ieri notte, un giovane 32enne, Salvatore Arciello, è stato investito e schiacciato da un autocompattatore nel deposito della ditta Tekra di Marano, dove lavorava.

Le forze dell’ordine indagano sull’accaduto.

L’autista del camion è indagato a piede libero con l’accusa di omicidio colposo.

L’uomo, nel corso dell’interrogatorio, affiancato dal suo avvocato Rosario Pezzella, ha spiegato le dinamiche dell’incidente, facendo capire agli investigatori che non si è accorto della presenza del collega e che Salvatore non era sul camion, in quanto il mezzo è dotato di sensori per avvertire l’autista quando una persona sta scendendo.

Ora sarà l’inchiesta della magistratura a stabilire cosa è davvero accaduto e quali saranno le pene.

La salma e l’autocompattatore sono stati sequestrati.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.