Resta sintonizzato

Campania

Il futuro della Lega in Campania “supera” l’ennesimo inciucio. Ecco cosa emerge (veramente) dal voto europeo

Pubblicato

il

L’ennesimo “cappio” del governo gialloverde rischia di frantumare la tenuta del governo. L’ultima barzelletta legata alla conferenza stampa del premier Conte e all’emendamento “bloccacantieri” è l’antipasto al voto anticipato. Che piaccia o no. La chiamata alle urne sembra cosa fatta. O quasi. Le querelle degli ultimi giorno non sono altro che le scorie del voto europeo. Dal quale emerge un dato politico schiacciante. Senza se e senza ma. L’ascesa della Lega al Sud, con percentuali quasi miracolose se si pensa allo scenario di un anno e mezzo fa, rappresenta la fase ultima che precede il radicamento sui territori. In altre parole, una prateria che attende la coltivazione. Arriviamo in Campania. Parlano i numeri. Qui la Lega ha ottenuto risultati importanti nelle 5 province pur disponendo di candidati “estranei” al dibattito nazionale.

Entriamo nei dettagli. Nella provincia di Avellino il partito ottiene il 22% dei consensi piazzandosi alle spalle del capofila M5S. A Benevento addirittura si piazza al primo posto attestandosi intorno al 27%. In Terra di Lavoro si attesta al 23% disponendo del neo europarlamentare Valentino Grant, banchiere originario di Casagiove. In provincia di Salerno, in piena terra deluchiana, la Lega incassa, anche grazie al risultato di Lucia Vuolo, un buon 24% piazzandosi davanti al Pd e dietro al M5S. La nota stonata arriva dalla provincia napoletana. Rispetto al trend registrato negli altri territori, il partito ottiene un misero 13%. Dietro al M5S e al Pd. Dieci punti percentuali rispetto alla media. Un tonfo clamoroso. Un fallimento scientifico che può e deve far riflettere i vertici nazionali. Un serio ripensamento dei capi campani quasi obbligato con l’obiettivo di creare una classe dirigente sana che al Carroccio del Sud serve come il pane. Possibilmente con un ‘opera di “democristianizzazione” dei parametri leghisti duri e puri. Ovvero un’onda moderata e senza populismi spiccioli. Ma di questo ne parleremo nei prossimi giorni. Torniamo a noi. Gli scranni conquistati a Bruxelles sono frutto, in larga parte, dell’azione politica (e comunicativa) di Matteo Salvini.

Un “ciclone” di cui hanno beneficiato gli eletti al Parlamento Europeo. Un nuovo corso da cui ripartire inaugurato dal leader milanese. Un’inversione di tendenza indispensabile affinché il Carroccio si affermi nel Meridione. Con l’intento di mettere in campo una discontinuità che rompa il “teorema” incentrato sui litigi ridicoli fra Pina Castiello e Gianluca Cantalamessa. Inciuci buoni per il marciapiede che “uccidono” nella culla il vento nuovo in Campania. Il tandem CastielloCantalamessa negli ultimi giorni rischia di “inquinare”, anche a causa del magro risultato elettorale, l’ottimo lavoro svolto dal leader leghista. Il messaggio è fin troppo chiaro. Si “fotografa” l’assenza della politica anziché offrire la ricetta. La differenza è tutta qui. Il dato peggiora agli occhi di tutti se si considera la percentuale senza storia in provincia di Napoli. Su Napoli città stendiamo un velo pietoso. Ogni commento nobiliterebbe il disastro. Ma in provincia il dado è tratto. Pina Castiello è Sottosegretaria al Sud. Cantalamessa è coordinatore regionale. Sequino agli Enti Locali. Costoro avrebbero dovuto creare il valore aggiunto rispetto alla media degli altri territori. Ed invece nelle aree politiche di competenza la Lega ha registrato un crollo vertiginoso. Una vera e propria zavorra che impedisce la crescita del partito. Un vuoto siderale di argomenti oltre il vento in poppa. Anzi. Gli unici argomenti degni di nota degli autorevoli leghisti in terra campana arrivano dalle polemiche a mezzo stampa senza fine fra i responsabili del “tonfo napoletano”.

Castiello e Cantalamessa. Sempre e solo loro. Si invoca la classe dirigente ma ci si comporta da scolaretti al primo giorno di scuola. Niente di più, niente di meno. E fra una stoccata ed n’altra, si invoca da più parti l’ombra del commissariamento. Ipotesi di parte che non corrispondono alla linea romana. Almeno per ora. La Lega in Campania ha bisogno di una classe politica che detti una linea precisa con una struttura funzionale ad un partito vero e proprio. Altro che inciuci e beghe interne. Altro che discontinuità. Si rischia la peggiore continuità di un centrodestra visto e rivisto negli anni. Ai posteri l’ardua sentenza.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campania

Ruba il cellulare ad un turista: 16 enne finisce in manette

Pubblicato

il

Ieri pomeriggio i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Mezzocannone hanno udito delle urla ed hanno visto una donna che stava rincorrendo un ragazzo. I poliziotti successivamente bloccano il ragazzo all’angolo a via Marramarra che lo hanno trovato in possesso di un telefono e hanno accertato che poco prima era stato strappato dalle mani del padre della donna mentre controllava una mappa stradale. Un 16enne napoletano è stato arrestato per furto con strappo.

Continua a leggere

Campania

Aggiornamenti sul Covid in Campania

Pubblicato

il

Sono 477 i cittadini campani che nella giornata odierna sono risultati positivi. Si registrano 6 decessi nelle ultime 48 ore. I positivi del giorno sono 477 e i test eseguiti del giorno sono 16.544. I deceduti sono 6 nelle ultime 48 ore e un solo deceduto in precedenza ma registrato ieri. I posti letto in terapia intensiva sono 656, i posti letto in terapia intensiva occupata sono 26 mentre i posti letto in degenza disponibili sono 3.160 infine i posti letto in degenza occupati sono 323.

Continua a leggere

Campania

Durante la partita a Leicester scontri allo stadio

Pubblicato

il

Ieri 9 tifosi arrestati allo stadio di Leicester per una rissa scoppiata nel pomeriggio prima del debutto del Napoli in Europa League. la polizia del  Leicestershire  ha confermato che i nove sono ancora in stato di fermo in attesa del giudizio.

Oltre agli scontri verificatesi nello stadio verso le 18 è stato arrestato anche un tifoso del Leicester, nella zona di Millstone Lane e nel corso del tumulto del pre-partita sono stati incriminati altri due tifosi un inglese e un italiano per aver pronunciato insulti a sfondo razzista.

Contrariamente a quello che si è venuto a sapere la polizia ha smentito di aver arrestato subito la fine della partita lo stadio ospitava minimo 500 tifosi napoletani Dopo un fitto lancio di oggetti da e verso il settore ospite, e l’intervento degli steward dello stadio, la situazione è tornata lentamente alla calma.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante