AFRAGOLAClaudio Grillo è solo. Stamattina al Comune glielo si poteva leggere negli occhi. Forse avrà creduto che l’amore verso la propria città potesse essere un sentimento presente anche nei cuori degli squali da scranno, ma non è così. Le becere modalità di fare politica in queste terre desolate a nord di Napoli non fanno prevaricare nessun sentimento e al minimo intoppo: si salvi chi può.

Il sindaco Claudio Grillo è sempre più vittima e ostaggio di un sistema marcio e malato basato sulle prebende, favori, affari e personalismi. La sua voglia di fare ad ogni appuntamento gli ritorna indietro a mo’ di boomerang australiano di legno lamellare.

Infatti da indiscrezioni raccolte in esclusiva da Minformo pare che il primo cittadino nella giornata di ieri abbia avuto un acceso dibattito con il suo capostaff Dr.ssa Carla Picardi, forse per degli obiettivi non raggiunti o per il lento e farraginoso modo di portare avanti i progetti dell’amministrazione. Insomma, a quanto pare il dibattito è stato condito da voce alta e “cazziatoni” all’indirizzo della dottoressa Picardi e la stessa, prontamente, dopo l’acceso colloquio è corsa a raccontare la vicenda all’On. Pina Castiello che a sua volta, pare che abbia chiamato al telefono tutti i consiglieri della Lega e a quelli che satellitano attorno al partito del carroccio intimando loro di non presentarsi in Consiglio comunale all’indomani (oggi ndr).

Di come sia andata la mattinata l’abbiamo raccontata nel precedente articolo ma questo piccolo inconveniente avrà degli strascichi che forse qualcuno attendeva con ansia. Infatti pare che in queste ore si dovrà formare un tavolo di riunione tra i Consiglieri della Lega, l’On. Pina Castiello e l’ex senatore Vincenzo Nespoli per discutere dell’accaduto e guardare avanti. Non è escluso che già nella settimana prossima, al margine di questa riunione leghista, l’ex sindaco Nespoli verrà in Comune a parlare vis a vis col primo cittadino per dettargli l’agenda politica. Vi aggiorneremo sulla vicenda…

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.