Resta sintonizzato

Campania

Caos in Forza Italia. Il vento della Lega “soffia” sulle elezioni regionali. Ecco come crolla il “muro azzurro”

Pubblicato

il

Tempi duri in Forza Italia. L’ennesima rivoluzione di Berlusconi, che non vuole farsi da parte nemmeno sotto tortura, rischia di “uccidere” definitivamente il partito. Perché se davvero il Cavaliere ha intenzione di rifondarlo dalle fondamenta, lo capiremo nei prossimi giorni. Modi, tempi e fuoco amico contro la coppia Toti-Carfagna saranno gli elementi attraverso cui comprendere la veridicità del nuovo corso. Nessuno ci crede ma vogliamo sperarci. Andiamo avanti. Nelle prossime settimane la nuova dirigenza azzurra discuterà dei vari coordinamenti regionali nel Paese. Lo stesso dicasi per la Campania. La regione guidata dall’ex sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, si appresta ad andare al voto nel 2020. Entriamo nei dettagli.

Il dibattito si è acceso da settimane. Dagli ambienti forzisti non filtra ottimismo. E neppure un’alternativa chiara sul piano politico. In avanti capirete perché. Il partito di Cesaro è uscito con le ossa rotte dalla competizione europea. Nonostante l’elezione di Martusciello, avvenuta grazie alla scelta di Berlusconi di optare per il collegio Nord Ovest, Forza Italia, con tanto di voti, amministratori e truppe cammellate, ha ottenuto circa 100mila voti in meno rispetto ad una Lega “inesistente” per struttura e classe dirigente. Un misero 13% che obbliga il nuovo corso azzurro ad un ripensamento sulle reggenze regionali. Dinanzi ad un risultato così scandaloso, nessun partito farebbe orecchie da mercante. Ed ecco che nelle ultime ore sono iniziati i primi mugugni pur di mantenere poltrone e visibilità. Il dato è chiaro. Forza Italia o cambia o sparisce. Torniamo in Campania. Perché oggi ancor di più emerge il rapporto Lega-Forza Italia in vista delle elezioni regionali? Molto semplice. Nei giorni scorsi su “Cronache di Napoli” è stata pubblicata un’intervista al coordinatore regionale, Domenico De Siano.

Il senatore ischitano riconosce, sulla base dello storico risultato europeo e supportato dall’apertura di Caldoro, un ruolo di primaria importanza nella futura coalizione del centrodestra: “Siamo sulla stessa linea. Non che il governatore debba essere necessariamente della Lega, le possibilità sono tante, ma dobbiamo sederci al tavolo senza alcun tipo di pregiudizio e tenendo ben presente che al momento il Carroccio è quello che ha ottenuto un risultato migliore rispetto alle altre forze della coalizione. Si aprirà una discussione, quindi, ma ripeto sarà importante non avere pregiudizi di sorta”. Parole e musica del reggente campano. Che attribuiscono alla Lega potere decisionale pure sul candidato governatore. Non obbligatoriamente, sia chiaro. Ma la possibilità resta in piedi. Eppure c’è qualcosa che non va. Facciamo un piccolo passo indietro. In piena campagna elettorale per le Europee, poco più di un mese fa, Forza Italia ha tenuto una manifestazione pubblica alla Stazione Marittima a Napoli. Presenti in sala tanti amministratori e fedelissimi del giglio forzista.

Durante l’iniziativa interviene il capogruppo in consiglio regionale, Armando Cesaro: ” Abbiamo massimo rispetto per i nostri alleati, i leghisti, ma l’indicato presidente della Regione Campania sarà un uomo nostro, sarà un uomo di Forza Italia. Perché questa è la Regione Campania e non la Lombardia. Quindi staremo insieme ma noi indicheremo il candidato presidente”. Una prova di muscoli inutile buona per strappare qualche applauso. Un presa di posizione forte da parte del giovane consigliere regionale. Volta a rimarcare la centralità di Forza Italia in un contesto politico ed elettorale in cui le Regionali non c’entravano nulla. Non a caso qualche giorno dopo si sarebbe votato per le Europee. A distanza di un mese, quelle parole sembrano contraddittore se pensiamo alla posizione assunta da De Siano (politica vuole che parli a nome del partito) sul tema delle alleanze. Cosa è caduto nel giro di poche settimane? Chi e cosa ha fatto cambiare idea ai dirigenti azzurri? Se la linea del partito trova sponda in un’alleanza con la Lega, come mai quello stesso partito aveva un’idea diversa un mese fa? O parliamo di una posizione di parte rispetto alla linea del partito? Sembrerebbe di si. Una posizione “sconfessata” dalla volontà di De Siano di riconoscere alla Lega (come giusto che sia) una leadership conquistata sul campo. Mistero della fede.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campania

Ruba il cellulare ad un turista: 16 enne finisce in manette

Pubblicato

il

Ieri pomeriggio i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Mezzocannone hanno udito delle urla ed hanno visto una donna che stava rincorrendo un ragazzo. I poliziotti successivamente bloccano il ragazzo all’angolo a via Marramarra che lo hanno trovato in possesso di un telefono e hanno accertato che poco prima era stato strappato dalle mani del padre della donna mentre controllava una mappa stradale. Un 16enne napoletano è stato arrestato per furto con strappo.

Continua a leggere

Campania

Aggiornamenti sul Covid in Campania

Pubblicato

il

Sono 477 i cittadini campani che nella giornata odierna sono risultati positivi. Si registrano 6 decessi nelle ultime 48 ore. I positivi del giorno sono 477 e i test eseguiti del giorno sono 16.544. I deceduti sono 6 nelle ultime 48 ore e un solo deceduto in precedenza ma registrato ieri. I posti letto in terapia intensiva sono 656, i posti letto in terapia intensiva occupata sono 26 mentre i posti letto in degenza disponibili sono 3.160 infine i posti letto in degenza occupati sono 323.

Continua a leggere

Campania

Durante la partita a Leicester scontri allo stadio

Pubblicato

il

Ieri 9 tifosi arrestati allo stadio di Leicester per una rissa scoppiata nel pomeriggio prima del debutto del Napoli in Europa League. la polizia del  Leicestershire  ha confermato che i nove sono ancora in stato di fermo in attesa del giudizio.

Oltre agli scontri verificatesi nello stadio verso le 18 è stato arrestato anche un tifoso del Leicester, nella zona di Millstone Lane e nel corso del tumulto del pre-partita sono stati incriminati altri due tifosi un inglese e un italiano per aver pronunciato insulti a sfondo razzista.

Contrariamente a quello che si è venuto a sapere la polizia ha smentito di aver arrestato subito la fine della partita lo stadio ospitava minimo 500 tifosi napoletani Dopo un fitto lancio di oggetti da e verso il settore ospite, e l’intervento degli steward dello stadio, la situazione è tornata lentamente alla calma.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante