Resta sintonizzato

Featured

Il personalismo di Di Maio impantana le trattative mentre mancano poche ore alle Consultazioni finali

Pubblicato

il

ROMA – Lo stesso sentimento che ha portato il Movimento 5 stelle a governare con la Lega sta mantenendo sulle spine milioni di italiani. Quel sentimento di governare a tutti i costi che tanto ha esternato l’anno scorso il capo politico Luigi Di Maio, lo si rivede oggi in veste rinnovata in contrasto con le proposte di Nicola Zingaretti segretario del PD.

Dopo le legittime richieste di formare un governo di discontinuità il PD si è anche dichiarato ad accettare un governo Conte 2.0 con il fatto però che il tutto non diventasse un rimpastone del vecchio governo gialloverde e che nei ruoli apicali dei vari ministeri principali ci fossero membri del partito democratico. Fin qui nulla quaestio. Almeno fino a quando il riconoscimento di un vicepremier assegnato al PD non fosse vista come un’umiliazione da parte del capo politico del M5S Luigi Di Maio che a tutti i costi vuole trattenere per sé la poltrona da vicepremier.

Infatti il capo pentastellato vuole conservare il ruolo di vicepremier con il ragionamento che il PD deve accettare il fatto di vedere Giuseppe Conte come persona terza e non come espressione del Movimento 5 Stelle. Evidentemente il caro “Giggino” da Pomigliano crede di avere a che fare con gente pari al suo elettorato, che bevuti il mandato zero, possono bersi qualsiasi altra baggianata.

È evidente che se Giuseppe Conte è fin dall’inizio della trattativa un nome imposto e segnalato dal Movimento, egli rappresenta il partito pentastellato a tutti gli effetti e fa d’uopo quindi che il ruolo di vicepremier venga assegnato all’altro partito con cui si intende fare il governo. Non si riesce a capire questa presa di posizione di Di Maio. Un po’ come capita ai bambini quando si impuntano sull’ottenere a tutti i costi un giocattolo dalla vetrina di un bel negozio. Addirittura si parla di telefonate accese intercorse tra lui e Zingaretti dove Di Maio recitava testuali parole: “Non puoi umiliarmi, devo fare il vicepremier”.

Che significa non puoi umiliarmi? Di Maio si è già umiliato facendo il governo con la Lega. In nome di quelle poltrone il M5S si è già rimangiato tutto quello che ha sempre professato e ora che bisogna fare un governo la cui durata consentirebbe di eleggere nel 2022 il successore di Mattarella per impedire di darlo a Salvini dopo una vittoria nelle urne, si mette a trattare le sue posizioni personali? Allora tanto vale non prendere in giro gli italiani e dire apertamente a cosa si sta mirando.

Di Maio nelle sue ultime esternazioni rilasciate ai cronisti che presiedano i vari palazzi romani ha dichiarato: “Qualcuno è più interessato a Di Maio che al bene degli italiani”. Beh in alternativa al pensiero unico che ogni politico dovrebbe avere verso il bene pubblico un’introspezione, ogni tanto, non guasterebbe.

Intanto per le 19 è fissato l’ultimo incontro delle Consultazioni. Incontro che vede di fronte al Capo dello Stato proprio la delegazione pentastellata, poi al termine Mattarella comunicherà agli italiani la decisione presa.

Se in queste ore, almeno sui nomi, il M5S e il PD troveranno un accordo di massima allora non sarebbe un’ipotesi che il Presidente della Repubblica rimetta il mandato nelle mani del futuro Premier e consentirà un ulteriore tempo di dieci giorni affinché i partiti che dovranno indicare la nomenclatura dell’esecutivo riescano a pianificare anche un’agenda governativa basata sui contenuti visto che finora nessuno dei gruppi politici saliti al colle ha ancora toccato tasti dolenti come sicurezza, immigrazione, taglio dei parlamentari, iva, decreto sicurezza etc.

Attualità

Covid-19 in Italia. I dati del giorno: più di 450 i decessi nelle ultime 24 ore

Pubblicato

il

Sono 23.987 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia quest’oggi, venerdì 26 marzo, a fronte di 354.982 tamponi eseguiti.

Il tasso di positività, secondo il bollettino del Ministero della Salute e della Protezione Civile, si attesta come giovedì al 6,8%.

Nelle ultime 24 ore i decessi sono stati 457, per un totale di 107.256 dall’inizio della pandemia.

Aumentano di 8 unità le terapie intensive (3.628 in tutto), mentre sono 48 in più i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid.

I guariti odierni sono 19.764.

Sono 3.628 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Covid in Italia, 8 più rispetto a giovedì nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri in rianimazione sono 288.

Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 28.472 persone per coronavirus, in aumento di 48 unità rispetto alle 24 ore precedenti.

Continua a leggere

Attualità

Coronavirus. La situazione in Campania: il bollettino dell’Unità di Crisi

Pubblicato

il

Quest’oggi, venerdì 26 marzo, come di consueto, l’Unità di Crisi della Regione Campania ha comunicato il consueto bollettino quotidiano relativo alla situazione del Coronavirus in Campania.

Questi i dati del giorno:

Positivi del giorno: 1.947 (*)
di cui
Asintomatici: 1.250 (*)
Sintomatici: 697 (*)
* (Positivi, Sintomatici e Asintomatici si riferiscono ai tamponi molecolari)
Tamponi molecolari del giorno: 18.599
Tamponi antigenici del giorno: 3.394
Deceduti: 42 (24 deceduti nelle ultime 48 ore, 18 deceduti in precedenza ma registrati ieri)
Totale deceduti: 5.158
Guariti: 2.894
Totale guariti: 226.818
Report posti letto su base regionale:
Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 181
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (Posti letto Covid e Offerta privata)
Posti letto di degenza occupati: 1.586
Continua a leggere

Featured

CAMPANIA. Nuova ordinanza pronta: riaperti mercati con percorsi separati

Pubblicato

il

Il Governatore De Luca sta limando gli ultimi dettagli prima di annunciare e, pubblicare, probabilmente in giornata, una nuova ordinanza.

Con quest’ultima, sulla base degli ultimi dati acquisiti in relazione alla situazione epidemiologica, a modifica della precedente ordinanza numero 10, la Regione Campania dispone che le attività mercatali relative ai generi alimentari, agricoli e florovivaistici sono consentite.

Le attività saranno, però, subordinate all’adozione da parte dei Comuni di piani di sicurezza finalizzati a regolare gli accessi alle aree mercatali, con percorsi separati, a evitare assembramenti e comunque nel rispetto dei protocolli di sicurezza

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante