Resta sintonizzato

Cronaca

Napoli: allaccio abusivo alla rete elettrica, denunciato titolare pompa di benzina

Pubblicato

il

Agenti della Polizia locale appartenenti alla Polizia Investigativa Centrale, in abiti civili, hanno effettuato un intervento, unitamente al personale tecnico del ENEL, mirato al contrasto del fenomeno dell’allaccio abusivo alla rete elettrica.

Tra i controlli effettuati, nel quartiere Fuorigrotta si è riscontrato l’allaccio abusivo da parte del titolare di una pompa di benzina con annesso autolavaggio sito alla via Terracina. I tecnici dell’ENEL hanno riscontrato che tutti gli impianti utilizzavano un bypass che escludeva la lettura del contatore che risultava manomesso. Il danno economico, accertato, ammonta ad oltre 80.000 €.

La rimozione ed il sequestro del contatore abusivo ha di fatto sospeso l’attività dell’autolavaggio e per il titolare si è provveduto a trasmettere la Comunicazione di Notizia di Reato alla Autorità Giudiziaria per i reati previsti e puniti dagli artt. 624 e 625 del Codice Penale.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Poggiomarino: sversavano e incendiavano rifiuti nel parco archeo-fluviale di Longola. Arrestati.

Pubblicato

il

NAPOLI – Vivere in Campania ormai ha un solo odore: quello dei rifiuti incendiati. La disperazione dei cittadini, già distrutti dalle quotidiane sfide ai roghi non si placa nemmeno nella giornata di oggi.

Proprio stamane, due braccianti sono stati colti in flagrante mentre sversavano ed incendiavano dei rifiuti composti da residui di lavorazione tessile nel parco naturalistico della Longola.

I Carabinieri della stazione di Poggiomarino, durante un servizio ad hoc disposto dalla compagnia di Torre Annunziata, hanno perlustrato il perimetro naturalistico del parco archeologico della Longola e proprio durante l’iter hanno riscontrato i due uomini mentre erano intenti nella abituale depositazione dei rifiuti.

Analizzando la natura, si è compreso questi fossero composti da residui di lavorazione tessile, oltre che da vari arbusti e sterpaglie. Al termine della denuncia l’area, di circa 1500 metri quadrati, è stata sottoposta a sequestro.

Continua a leggere

Cronaca

“Operazione Cutter”: derubavano i veicoli commerciali nelle aree di servizio autostradale

Pubblicato

il

NAPOLI – A seguito di una denuncia sporta da più autotrasportatori, la Procura della Repubblica di Frosinone ha principiato delle indagini per comprendere la natura dei furti denunciati. Dopo le lunghe indagini, sono state identificate quattro persone dedite alla commissione di furti pluriaggravati a danno dei veicoli commerciali in sosta nelle aree di servizio autostradali.

Nella mattinata odierna è stata eseguita un’ordinanza dispositiva di misure cautelari nei confronti di tre persone, tutte dimoranti a Napoli, ritenute responsabili di una serie di furti commessi nelle aree di servizio situate nel tratto autostradale compreso tra Caserta Nord ed Anagni.

Le modalità operative erano ben cogitate. Esse consistevano, in primo luogo, nella perlustrazione delle aree di servizio a bordo di veicoli noleggiati da soggetti prestanome, al fine di individuare il mezzo in sosta da depredare mentre il conducente stava effettuando la pausa.

Una volta individuata la vittima, iniziava il piano. Veniva praticato un taglio del telone di copertura del semirimorchio, al fine di verificare la natura della merce trasportata. Subito dopo sopraggiungeva un autocarro, con un complice a bordo, sul quale veniva velocemente trasbordata la merce sottratta approfittando del fatto che il conducente del mezzo depredato stesse dormendo.

Il gruppo criminale prediligeva per le proprie azioni l’area di servizio La Macchia di Anagni, ove sono stati realizzati almeno due furti, nel corso dei quali sono stati rubati capi d’abbigliamento e utensili per la lavorazione del metallo.

Subito dopo aver commesso il furto i responsabili si dirigevano, a bordo dei mezzi utilizzati, verso il luogo di provenienza, ovvero la zona sud di Napoli, ove veniva scaricata la merce rubata, che successivamente veniva piazzata sul mercato illecito attraverso alcuni ricettatori.

L’ acquisizione dei filmati di registrazione delle telecamere di sicurezza delle aree di servizio e della rete autostradale hanno consentito di acquisire elementi utili alla comprensione della dinamica e all’emissione di un’ordinanza dispositiva di misure cautelari nei confronti di tre soggetti.

Una quarta persona indagata per gli stessi fatti già si trova in carcere per altri motivi, sempre legati a reati commessi in danno di autotrasportatori.

Continua a leggere

Cronaca

Pomigliano. Uomo aggredisce prima le forze dell’ordine, poi la moglie e la figlia

Pubblicato

il

NAPOLI – I carabinieri di Pomigliano d’Arco, provincia di Napoli, hanno fermato un 36enne del posto già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo è stato denunciato per lesioni e violenza a pubblico ufficiale. L’arrestato è al momento in attesa di giudizio. I militari, allertati dal 112, sono intervenuti inizialmente per risolvere una lite in famiglia.

L’uomo aveva aggredito la compagna e la figlia 17enne della donna e, feritosi alla mano con un coltello da cucina, è stato bloccato ed arrestato dai carabinieri.

Durante le operazioni l’uomo ha tentato di scagliarsi nuovamente contro la compagna. E’ stato a quel punto necessario l’intervento di un’altra pattuglia dei carabinieri per fermare il 36enne.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante