A Caserta, i Carabinieri, in seguito ad un controllo, hanno deferito in stato di libertà 9 persone, accusate di attività di gestione di rifiuti non autorizzati: l’amministratore unico della ditta, il direttore dei lavori e le 7 persone co-proprietarie dei terreni, sui quali è situata la cava.

Inoltre hanno proceduto alla sospensione cautelativa delle attività di riempimento e ripristino ambientale e al sequestro dell’area interessata dallo sversamento illecito di rifiuti.

I militari hanno scoperto un’attività non autorizzata di riempimento e ripristino ambientale di una cava dismessa di circa 30.000 mq di superficie, situata sul territorio del Comune di San Prisco.

I Carabinieri hanno rinvenuto rifiuti provenienti da lavorazione edile, come calcinacci, inerti e piastrelle.

LASCIA UN COMMENTO