Consigliere Pezzullo, lei nei giorni scorsi ha ufficializzato “Fratta + Verde”. Dove nasce l’esigenza di formare una sua lista?

Più che esigenza parlerei di progetto politico ambizioso che sto coltivando insieme ad un gruppo di amici ed amiche che amano Frattamaggiore. Siamo fortemente intenzionati a dare il nostro contributo per migliorare la vivibilità della città in cui viviamo e lavoriamo nell’interesse del cittadino e soprattutto dei nostri figli e delle generazioni future

L’ex sindaco Francesco Russo sta tentando da mesi un ritorno in campo, secondo le ultime indiscrezioni, contro l’amministrazione uscente. E quindi contro il suo partito nonostante sia stato segretario cittadino in questi anni. Come giudica quest’azione “anti Pd” da parte di Russo?

Russo non saprei, non so quali siano le sue intenzioni. Anche le dinamiche interne al PD non mi riguardano per cui non saprei veramente cosa rispondere, io non sono abituato a guardare in casa degli altri

Da dove partono le larghe intese con l’attuale sindaco Del Prete?

Le larghe intese così come tu le definisci sono a mio avviso sempre auspicabili se fatte per l’interesse comune, sono da condannare se invece vengono utilizzate per scopi personali. Io già al secondo turno delle elezioni comunali del 2015 ho pubblicamente appoggiato Marco Del Prete, quindi possiamo dire il dialogo con il primo cittadino c’è sempre stato e mi ha consentito di ottenere qualche risultato significativo per la città. Infatti grazie al confronto continuo con il sindaco ho evitato che si mettesse in piedi l’esternalizzazione della gestione dei tributi comunali che avrebbe certamente contribuito ad aumentare la tassazione comunale. Poi da qui a qualche mese su mia proposta si vedrà la realizzazione nella villa comunale di via Biancardi di una pista di jogging tra le prime nel suo genere nelle nostre zone, infatti sarà luminescente perché realizzata con una resina particolare che assorbe l’energia solare e la rilascia durante la notte facendo cosi illuminare il percorso. La mia è stata sempre un’opposizione propositiva e costruttiva e mai urlata. E quindi fine a se stessa.

Ci può spiegare nei dettagli l’idea del grande parco urbano a Frattamaggiore?

Frattamaggiore è tra i paesi più cementificata d’Italia per scelte politiche che vengono da lontano e che hanno contribuito a rendere meno vivibile il nostro territorio. E’ necessario un’inversione di tendenza e creare, non più grossi casermoni, ma un polmone verde a servizio della città. La mia idea sarebbe quella di realizzarlo nei pressi di via Lupoli e che vada ad abbracciare anche tutta l’aria a confine con il cimitero Consortile . Un progetto ambizioso ma a volte con forza e tenacia i sogni diventano realtà, basta crederci. Nella mia vita è stato sempre così. Se i cittadini ci daranno forza nelle urne sicuramente non li deluderemo il Parco si farà.

LASCIA UN COMMENTO