Resta sintonizzato

Afragola

AFRAGOLA. La Consigliera Moccia: “La mia città passerà il Natale come se fosse a lutto”

Pubblicato

il

AFRAGOLA – L’assenza delle luminarie ad Afragola oltre che a destare delusione e indignazione sul territorio, fa nascere anche il dibattito tra gli addetti ai lavori.

Ieri abbiamo potuto leggere il pensiero del Consigliere Boemio e a tal riguardo oggi si è espressa anche la Consigliera dei “Democratici popolari per Afragola” Grazia Moccia che ha tenuto a far sapere anche il suo punto di vista e a ribadire che le sue dichiarazioni non sono affatto una risposta al leader di Campania Libera di Afragola, che in effetti condivide solo in parte, ma semplicemente un modo per far capire agli afragolesi quanto sia importante anche il suo punto di vista che sicuramente sarà condiviso da una gran fetta di afragolesi.

La Consigliera Moccia, oltre alla tristezza del Natale è anche costretta a lottare, fin dall’inizio del suo insediamento, per ottenere una giusta rappresentanza in giunta e un po’ di considerazione da parte del sindaco Grillo e davanti ai nostri taccuini ha dichiarato: “Oggi la città, la mia città festeggerà il Natale come se fosse in “LUTTO“! Da che ho memoria nelle case buie durante le  festività natalizie dove non c è nemmeno un piccola lucina ad illuminare ad intermittenza è una casa dove si vive un profondo dolore per la perdita di una persona cara e per tanto in segno di tale dolore si resta al buio! Lutto!

Ad Afragola – continua la consigliera – ci sono famiglie che hanno bisogno di un sostentamento senz’altro ma anche voglia di respirare aria di festa!
E con loro anche le famiglie che dignitosamente riescono a mettere sotto al proprio albero dei regali. Bisogna anche scendere per strada ed essere accolti e travolti dalla magia del Natale senza esagerazioni ma razionalizzando”.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Afragola

Afragola. Finto carabiniere in manette

Pubblicato

il

Nella mattinata di oggi, venerdì 18 giugno, gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Napoli Nord, durante il servizio di controllo del territorio, hanno fermato una persona a bordo di un’auto all’interno dell’area di servizio San Pietro ubicata sul Ramo C dell’autostrada A/1, trovandola in possesso di alcune uniformi dei Carabinieri.

L’uomo ha sostenuto di essere un Maresciallo Capo dell’Arma dei Carabinieri ma i poliziotti hanno accertato la falsità di tale affermazione e lo hanno invitato a seguirli con il proprio veicolo presso i loro ufficio.

Durante il percorso, però, il soggetto ha speronato l’autovettura di servizio e si è dato alla fuga.

Ne è nato un lungo inseguimento che si è concluso, dopo aver speronato altre due volte l’autovettura di servizio, in via Enrico Berlinguer ad Afragola all’interno dei parcheggi di un centro commerciale.

Leonardo Ciccarone, 58enne di Alberobello con precedenti di polizia, è stato arrestato per usurpazione di titoli o di onori, lesioni personali, resistenza ed oltraggio a Pubblico Ufficiale.

Continua a leggere

Afragola

Afragola. Addio al prof. Botta. Il saluto degli alunni dell’Istituto Brunelleschi

Pubblicato

il

Una perdita che ha shockato la comunità e l’Istituto Brunelleschi di Afragola. La morte del professore Botta ha lasciato un vuoto nel cuore degli alunni e dei suoi colleghi.

“Amico degli alunni” lo hanno definito. Uomo che dialogava con i propri studenti e l’insegnamento della propria materia era spesso intervallato da momenti di retoriche storie personali, che gli hanno consegnato l’etichetta di “maestro di vita”.

Addio Ferdinando Botta

Continua a leggere

Afragola

Afragola. Le rubano la macchina e va a denunciarne il furto. L’estorsore la chiama mentre è in Caserma e il Carabiniere riconosce la voce. 42enne arrestato

Pubblicato

il

Una donna subisce il furto della propria utilitaria, parcheggiata in strada nel comune di Afragola. Non si perde d’animo e raggiunge la locale stazione carabinieri per presentare denuncia. Ma poco prima di firmare il verbale e andare via riceve una telefonata. Non riconosce il numero, non era salvato nella sua rubrica e così attiva il vivavoce lasciando che anche il carabiniere di fronte a lei ascoltasse la telefonata. Una mossa vincente che ha consentito ai militari della stazione di Afragola di arrestare per tentata estorsione un 42enne del rione salicelle già noto alle forze dell’ordine.
Era lui ad avere la sua auto, ha confessato alla denunciante. Per riaverla avrebbe dovuto pagare 1500 euro, consegnandoli in un luogo concordato. I carabinieri hanno facilmente riconosciuto la voce dell’interlocutore perché già Noto. In pochi minuti lo hanno raggiunto nella sua abitazione e dopo aver individuato cellulare e sim grazie ai quali aveva contattato la donna, lo hanno arrestato. In manette è stato tradotto al carcere di Poggioreale ed è ora in attesa di giudizio.
Sala Stampa – Comando Provinciale Carabinieri di Napoli
Via Mario Morgantini 4 – Napoli

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante