CARDITO – Finalmente la città del cardellino avrà il suo Piano Urbanistico Comunale. Dopo circa dieci anni dall’essere stato commissionato, grazie all’impegno dell’Amministrazione Cirillo, a Cardito è stato possibile adottare lo strumento più importante che regola la vita di una comunità. Il PUC (Piano Urbanistico Comunale) è da sempre croce e delizia dei comuni campani, dove l’ente che se ne dota è visto come un’ente dedito alla legalità e trasparenza e quello che fa slittare sistemicamente la sua adozione è tacciato come un’ente amministrato da un sistema clientelare.

A Cardito, per troppo tempo, grazie o per colpa della mancata adozione del PUC, l’amministrazione comunale è stata strumentalizzata come incapace e inefficiente e nel peggiore dei casi, connivente ad un sistema legato alle lobby del cemento.

Stamattina il Sindaco Cirillo nell’illustrarne l’adozione all’interno della Conferenza Stampa appositamente indetta, ha dipanato qualsiasi dubbio a riguardo e nel ringraziare tutti quelli che ne hanno preso parte – giunta, ex assessori, gruppi consiliari e segretari di partito – ha tenuto ad informare la cittadinanza che finalmente Cardito può dare uno sguardo al futuro perché grazie all’impegno della sua amministrazione è stato possibile dotarsi di uno strumento fondamentale ma soprattutto evitare il commissariamento che purtroppo non potranno evitare altri comuni dell’hinterland napoletano.

Un successo storico l’ha definito il primo cittadino carditese, al margine della conferenza stampa e con voce rotta dall’emozione ha informato gli astanti che malgrado la fase interlocutoria cominciata l’anno scorso con la popolazione e il mondo dell’associazionismo, comunque c’è ancora tempo per apportare migliorie e/o modifiche.

LASCIA UN COMMENTO