MARANO di NAPOLI – Non passa inosservata la notizia data in esclusiva da Minformo circa le presunte ingerenze del clan dei casalesi nell’appalto delle strisce blu a Giugliano. Uno dei primi politici ad accorgersene è il deputato Andrea Caso del Movimento 5 Stelle che appena letta la notizia pubblicata sul nostro quotidiano online, chiede lumi al sindaco di Marano di Napoli Alfonso Visconti, visto che la Piparking srl – azienda appartenente ai cugini di Antonio Piccolo imprenditore vicino al clan dei casalesi, così come stabilito dal Procuratore antimafia Cafiero de Raho – è affidataria del servizio di gestione delle aree di parcheggio anche nei comuni vicini di Marano di Napoli e Villaricca.

Il deputato Andrea Caso in realtà non si accontenta di chiedere spiegazioni al primo cittadino maranese ma scrive anche al neo Prefetto di Napoli Marco Valentini per avere informazioni più dettagliate su eventuali legami tra questa ditta e il clan dei casalesi, così il suo post su Facebook:

“Voglio dare notizia ai cittadini ed agli organi di stampa di avere provveduto ad inviare una lettera al sindaco di Marano per chiedere di avviare le dovute ed urgenti verifiche sulla società vincitrice dell’appalto per la gestione locale relativa al pagamento negli spazi delimitati dalle strisce blu. Notizie stampa delle ultime ore gettano inquietanti ipotesi di legami con i clan dei Casalesi rispetto alle quali non si può restare indifferenti”

“Marano e Giugliano sono comuni interessati attualmente dalla Piparking – aggiunge il parlamentare antimafia – per il momento ho scritto a Visconti, ma mi auguro si possa muovere anche l’ente giuglianese che ha appena visto la sfiducia di Poziello. Chi amministra non può chiudere gli occhi rispetto ad ombre o dubbi, ma, fare in modo che ogni erba cattiva possa essere estirpata perché non infesti il tessuto politico ed urbano”.

Della cosa ho informato anche il neoprefetto di Napoli e conto di avere presto le informazioni necessarie a chiarire questi strani legami” .

LASCIA UN COMMENTO