Il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, in un’intervista al quotidiano spagnolo El Pais, ha affermato:

Siamo nella fase più acuta. È difficile fare previsioni esatte. Gli esperti sono ancora cauti, ma è ragionevole pensare che siamo vicini al picco. Sabato abbiamo superato le 10.000 vittime e questo ci fa molto male e dovrebbe allertare la comunità internazionale. Ma allo stesso tempo venerdì abbiamo avuto anche il numero record di guariti: 1.434. Voglio esprimere la nostra vicinanza e solidarietà al Governo spagnolo e alla sua popolazione. È un dramma che conosciamo molto bene e posso immaginare le difficoltà che affrontano. Vogliamo uscire da questa crisi il più presto possibile, tra l’altro, per aiutare altri paesi come la Spagna con medici, respiratori e dispositivi di protezione individuale.

La formula che ha dato i risultati migliori è difficile da pronunciare, posso solo dirti i criteri che rivendico: massimo rigore nella reazione, assoluta trasparenza con i cittadini e misure graduali secondo i criteri appropriati e la proporzionalità. E, soprattutto, seguire sempre le indicazioni dei migliori scienziati, anche se la decisione politica viene presa in seguito.

Riapertura? Devi ragionare in termini di proporzionalità. Sarebbe stato un errore introdurre immediatamente una chiusura totale del Paese. Inoltre, è impossibile assumere un impatto economico di questo livello troppo prolungato. Dovrebbe essere fatto gradualmente. Quando abbiamo visto che il contagio era diffuso, le misure di restrizione che avevamo adottato in Lombardia sono state assunte da tutto il Paese. Questo fino a quando abbiamo capito che era necessario essere più radicali e abbiamo imposto la chiusura di attività non essenziali . Ma, insisto, sono misure che devono essere graduali.

La chiusura delle attività produttive durerà a lungo? No, è una misura molto dura finanziariamente. È l’ultima che abbiamo preso e non può essere prolungata troppo a lungo. Per le scuole e le università, tuttavia, puoi provare a introdurre modifiche. Anche per gli esami e le valutazioni di fine anno in modo da non far perdere agli studenti l’anno scolastico o l’esame universitario.

È prematuro dire quando riapriremo tutto. Quando il comitato scientifico afferma che la curva inizia a scendere, possiamo studiare le misure di rallentamento. Ma dovrà essere molto graduale. 

In questo momento in Europa si gioca un gioco storico. Non è una crisi economica che ha toccato alcuni paesi meno virtuosi di altri. Non c’è distinzione qui che ha a che fare con i sistemi finanziari.

Questa è una crisi sanitaria che ha finito per esplodere in campo economico e sociale. È una sfida storica per l’intera Europa. E spero davvero, con un forte spirito europeo, che si sappia affrontare questa situazione. Se no… Guarda, stiamo limitando i diritti costituzionali dei nostri cittadini e l’Europa deve reagire evitando tragici errori.

Alcuni paesi non si rendono conto delle forti restrizioni che questa emergenza produrrà nella sfera economica. L’Italia e la Spagna sono le più esposte al momento, ma lo saranno tutte. I numeri, purtroppo, stanno aumentando in tutti i paesi ed è un’emergenza sanitaria ed economica che colpisce l’intera UE, anche quei paesi che ragionano con un aspetto vecchio, vecchio. Un’ottica inadeguata per questa crisi. Questo è uno shock simmetrico che colpisce tutti ed è eccezionale, come ha giustamente sottolineato il presidente Pedro Sánchez. Ecco perché è necessario rispondere con una reazione forte e unitaria, che utilizza strumenti straordinari.

All’Europa propongo quello che ho chiamato il Piano Europeo di Ripresa e Reinvestimento. Un modo per sostenere l’intera economia europea. Il problema non è quando uscire da questa recessione, ma uscire al più presto. Il tempismo è la chiave, c’è la massima urgenza. Non penso a uno strumento particolare, possiamo ricorrere ad un’ampia varietà. Ma è tempo di introdurre uno strumento di debito europeo comune che ci consenta di superare questa guerra il più presto possibile e rilanciare l’economia. Nessun Paese, anche quelli che credono di avere ora un impatto minore, può escludersi da questa grave crisi. L’Europa deve rispondere alle sfide del mercato globale. La reazione unitaria ti permetterà di competere meglio. 

L’Italia non chiede di condividere il debito pubblico accumulato. Tale debito rimarrà in capo a ciascun paese. Finora l’Italia si è comportata molto bene, anche in prima linea nel suo debito pubblico. Il deficit del 2019 doveva chiudersi al 2,2% e siamo riusciti a farlo all’1,6%. Siamo intervenuti in molti settori per rendere la macchina statale più efficiente e migliorare la nostra capacità di investimento. Nessuno chiede all’Europa di farsi carico dei debiti sovrani, solo per essere in grado di consegnare un colpo unitario per uscire da questo tsunami economico e sociale. E chiunque sente l’Europa nel cuore, deve sostenere questa causa. Se l’UE non è all’altezza della sua vocazione e del suo ruolo in questa situazione storica, i cittadini avranno più fiducia in essa o la perderanno definitivamente?

Il rischio è evidente. Gli istinti nazionalisti, in Italia, ma anche in Spagna e altrove, saranno molto più forti se l’Europa non è all’altezza del compito.

Con la Spagna abbiamo una vecchia tradizione di relazioni e piena armonia. Questa è un’opportunità per consolidarli e rendere la nostra azione comune ancora più efficace. Anche con gli altri paesi che hanno firmato la lettera inviata al Presidente del Consiglio Europeo, Charles Michel. Dobbiamo coinvolgere tutti in questo approccio. L’Unione Europea ha sempre fatto un passo avanti in queste situazioni e noi sovrani abbiamo l’obbligo di spingere per evitare la sfiducia nei confronti dei suoi cittadini.

Ci lavoro. Ma guarda, il numero di disoccupati che seguiranno questo tsunami, per esempio, sarà molto alto. Dobbiamo essere in grado di effettuare una ricostruzione di fronte a questo panorama. 

Il motivo per cui stiamo procedendo gradualmente sta nel fatto che l’emergenza sanitaria è stata quindi una crisi economica. Ora l’aspetto più importante è l’aspetto sociale e, soprattutto, di ordine pubblico. Le persone fanno grandi sacrifici e cresce il disagio, anche psicologico. Non sono abituati ad assumere queste restrizioni sul traffico e confinarsi a casa.

Abbiamo iniziato ad avere un problema materiale, molti cittadini non hanno salari fissi. Ecco perché domenica abbiamo approvato la distribuzione di 400 milioni e un fondo di 4.6 miliardi per i consigli comunali. Lunedì, i voucher possono essere distribuiti per effettuare gli acquisti alimentari di base. È necessario un intervento per impedire alle persone, come in un periodo di guerra, di avere difficoltà a nutrirsi. 

Verrà il momento di chiedersi degli errori commessi e sarà giusto che tutti esprimano la propria opinione. Ma come ha detto Alessandro Manzoni, “del senno di poi son piene le fosse”. In altre parole, ognuno ha la soluzione in seguito. C’è un grande dibattito pubblico in Italia, ma non ho mai sentito parlare di una soluzione alternativa a quelle che abbiamo adottato che abbia avuto una base e un supporto reali. Se tornassi, farei di nuovo tutto allo stesso modo. Ora è il momento di agire e responsabilità. Poi si faranno conti e critiche“.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.