Resta sintonizzato

Attualità

Reddito di Emergenza: requisiti e importo

Pubblicato

il

Nella conferenza stampa di presentazione del Decreto Rilancio, il Premier Giuseppe Conte ha annunciato, tra le altre misure economiche, il Reddito di Emergenza per famiglie con gravi difficoltà.

Requisiti:

– residenza in Italia, che dovrà essere verificata;

– patrimonio mobiliare, con riferimento al 2019, inferiore a 10.000€. Questa soglia è aumentata di ulteriori 5.000€ per ogni componente del nucleo familiare diverso dal richiedente, fino ad un massimo comunque di 20.000€;

– reddito familiare inferiore all’importo del Reddito di Emergenza stesso;

– ISEE non superiore a 15.000€.

Condizioni di incompatibilità:

Non potranno ricevere il Reddito:

– i beneficiari di una delle indennità riconosciute dal Decreto Cura Italia di marzo;

– i nuclei familiari con un componente titolare di pensione diretta o indiretta (ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità);

– i nuclei familiari con un componente titolare di un rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione lorda è superiore alla quota Rem spettante;

– i componenti del nucleo familiare che si trovano in stato detentivo;

– i ricoverati di lunga degenza (o in altre strutture residenziali a totale carico dello Stato). Questi vengono esclusi dal parametro di scala di equivalenza, con il nucleo familiare che potrà comunque farne domanda.

– i percettori del reddito di cittadinanza che prendono meno di quanto gli verrebbe riconosciuto con il nuovo Rem.

L’importo del Reddito di Emergenza non è fisso, varia a seconda del numero dei componenti del nucleo familiare. Si parte da un minimo di 400,00€ per arrivare ad un massimo di 800,00€.

Il REM sarà erogato per due mesi, mentre per la richiesta ci sarà un apposito modulo predisposto dall’INPS da presentare entro la fine di giugno 2020.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Napoli: “impossibile utilizzare i mezzi”. La denuncia di un cittadino

Pubblicato

il

NAPOLI – “I mezzi di Napoli? Inesistenti!”. Così denuncia un ragazzo al programma radiofonico La Radiazza al conduttore Gianni Simioli, dopo aver narrato la sua epopea sul canali social.

Sul tavolo degli imputati si trova ancora una volta l’apparato dei mezzi di trasporto napoletani che soprattutto negli ultimi tempi, lasciano poche speranze ai cittadini.

Dopo la ripresa delle attività commerciali e delle aperture scolastiche ed universitari il peso della inefficienza del sistema si fa sentire maggiormente sul piatto della bilancia e non mancano testimonianze che altro non fanno che confermare quanto già riconosciuto dalla collettività.

Ciao Gianni , buonasera , ti scrivo per raccontarti quello che ho vissuto stasera (sabato sera, ndr) in prima persona, qualcosa che per molti potrebbe sembrare ‘na fesseria ma che per me ha significato toccare con mano un enorme problema si di inciviltà che di organizzazione della città: rimanere letteralmente a piedi a causa degli orari della metro e della maleducazione di ragazzini di 14/15 anni” così scrive il ragazzo al radiofonico Simioli.

Giovanni racconta di essere salito sul treno alla stazione Toledo, un treno strabordante di persone. Elemento che senz’altro lascia a desiderare considerando la non debellazione del virus Covid-19.

Quando si sono chiuse le porte, però, il convoglio non è partito e allora un gruppo di ragazzini ha danneggiato una porta e alcuni finestrini di un vagone.

Il risultato: la corsa, l’ultima della Linea 1, è stata cancellata e i passeggeri hanno dovuto lasciare il treno cercando altri mezzi di fortuna o proseguendo a piedi per raggiungere le proprie destinazioni.

“Una volta che siano riusciti a scendere – conclude il suo racconto Giovanni – io ho dovuto farmela a piedi da via Toledo al Vomero (che poi non fa male) perché non è concepibile non avere un alternativa alla metro, soprattutto di sabato sera, quando la città è più viva che mai”.

Continua a leggere

Attualità

ZTL a Marechiaro: il Comune revoca la proroga e si scatena il caos

Pubblicato

il

NAPOLI – Il Comune di Napoli nella settimana appena trascorsa aveva prorogato fino al 30 di ottobre la Ztl a Marechiaro.

Esigenza dovuta all’importante caos registrato negli ultimi tempi dovuto non solo alla viabilità dei residenti, ma di tutti coloro siano intenzionati ad accedere alle spiagge della zona posillipina.

Nonostante i primi risultati positivi, la proroga è stata ritirata ed appena le telecamere dei varchi elettronici sono state spente (normalmente tale azione sarebbe stata effettuata il 20 del mese di settembre) i passaggi sono stati presi di mira dai cittadini che si sono recati nella zona in numerosi.

Tale è stata la calca che la Questura di Napoli la scorsa settimana ha chiesto al Comune di riattivare la Ztl nel weekend e prorogarla fino al mese prossimo, precisamente al 30 ottobre. Data giustificata anche dalle previsioni meteo che si registrano favorevoli sino a tale giorno.

Il Municipio, però, come detto, prima ha pubblicato l’ordinanza per riattivare la Ztl a partire da sabato 25 settembre, poi, dopo 4 giorni, l’ha revocata, perché la segnaletica e i cartelli che sono presenti in zona non sono stati aggiornati con le nuove date e avrebbero potuto trarre in inganno gli automobilisti e perché vanno riprogrammate anche le telecamere del varco elettronico.

Non si contano i tentativi dei napoletani di aggirare le telecamere, ad agosto sono stati ripresi addirittura con le mascherine anti-Covid sulle targhe degli scooter.

“Problematiche di rilevante congestione da traffico veicolare e sovraffollamenti nel tratto di Via Marechiaro connessi al considerevole flusso di persone e veicoli privati durante il decorso fine settimana che ha determinato ripercussioni sulla viabilità dell’intera zona”.

Questo quanto espresso dal Comune di Napoli, intenzionato ad adottare provvedimenti importanti per multare gli inosservanti delle regole.

Continua a leggere

Attualità

“Sei sangue e corpo di Napoli”: gli auguri di De Magistris a Sophia Loren

Pubblicato

il

NAPOLI – Oggi corre il compleanno di Sofia Costanza Brigida Villani Scicolone, in arte Sofia Loren. Considerata una delle più grandi attrici della storia del cinema, è, senza alcun dubbio, la diva del cinema italiano.

Inimitabile, sorprendente, talentuosa, affascinante. Sono solo alcuni degli aggettivi che potrebbero esserle attribuiti. Nata a Roma il 20 settembre del 1934, oggi compie 87 anni. Compleanno che, nonostante la sua fama sia immortale, scandisce il tempo di una donna cui dobbiamo il nostro augurio ed il nostro pensiero.

Nata e cresciuta a Pozzuoli, di cui era originaria la famiglia, è stata ricordata dal Sindaco di Napoli in un post pubblicato sui sociale network con le seguenti parole:

“Anche se per noi sei senza età, ti facciamo tantissimi auguri per il tuo compleanno. Cara Sophia, sangue e corpo di questa città, Napoli ti stringe in un forte abbraccio. Diva del cinema internazionale, è un’icona anche di Napoli nel mondo.”

Parole condivise dalla cittadinanza napoletana che sempre la ricorda con grande affetto e premura.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante