Resta sintonizzato

Attualità

Campania, Ciarambino (M5S): “De Luca asservito alla Sanità privata”

Pubblicato

il

Il capogruppo campano M5S Valeria Ciarambino, ancora una volta, ha sferrato un attacco mirato al Governatore De Luca, questa volta sulla Sanità:

Gli sviluppi dell’inchiesta sui lavori di ampliamento della clinica Pineta Grande sono l’ultima schiacciante prova del totale asservimento della Regione Campania guidata da De Luca alla sanità privata. Quello che andiamo denunciando da cinque anni e che abbiamo condensato in un recente esposto alla Procura della Corte dei Conti, ce lo ritroviamo oggi, nero su bianco, nelle accuse dei magistrati che attribuiscono alle associazioni degli ospedali privati un ruolo di totale controllo sulla sanità campana.

Nel nostro esposto – continua Ciarambino – abbiamo ricostruito, atti e fitta corrispondenza tra Aiop e Regione alla mano, un sistema sanitario regionale completamente subalterno a quello privato, consolidato con l’accordo per la disponibilità di posti letto Covid a prezzi e condizioni a vantaggio dei soli privati, sebbene la curva dei contagi fosse in decrescita e si stessero liberando posti nel pubblico.

Auspichiamo – l’esponente del Movimento 5 Stelle – che si faccia chiarezza al più presto su uno dei passaggi chiave dell’inchiesta. Ovvero, sulla famosa circolare attuativa del progetto di ampliamento della clinica Pineta Grande, firmata da Postiglione e dall’allora commissario Vincenzo De Luca e che nella ricostruzione della magistratura sarebbe stata scritta sotto dettatura del patron della struttura di Castelvolturno tramite il presidente di Aiop. Un episodio che rivelerebbe, una volta per tutte, che sotto De Luca il sistema sanitario regionale è a uso e consumo dei privati“.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Sorpresi a incendiare rifiuti e pneumatici: nei guai due persone

Pubblicato

il

I carabinieri della Stazione di Parete, hanno effettuato dei controlli in località Centore, frazione di Trentola Ducenta, dove nella notte, hanno notato una colonna di fumo innalzarsi da un terreno privato posto all’interno di una stradina interpoderale. Tuttavia, l’immediato intervento ha permesso ai militari dell’Arma di sorprendere, in flagranza di reato, due persone intente ad incendiare rifiuti di vario genere, tra i quali pneumatici, plastiche varie, materiali provenienti da demolizioni e sterpaglie. Inoltre, sul posto, sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Aversa. Pertanto, l’intera area, è stata sottoposta a sequestro, mentre le due persone, sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Napoli Nord, per combustione illecita di rifiuti.

Continua a leggere

Attualità

No Vax: l’Asl dispone la sospensione di 13 dipendenti tra medici e infermieri

Pubblicato

il

Seri provvedimenti sono stati presi dalle Asl campane, nei confronti di 13 dipendenti che, professandosi ‘no vax’, hanno deciso di non sottoporsi al vaccino anti Covid. Pertanto, sono stati sospesi dal servizio e lasciati senza stipendio. In particolare, si tratta di 11 dipendenti dell’Asl Napoli 3 Sud e di due dipendenti dell’Asl di Avellino. Questi, si aggiungono ai 59 dipendenti dell’Asl Napoli 1 Centro, già sospesi due giorni fa, poiché si erano rifiutati di ricevere anche solo la prima dose di vaccino, senza riuscire a giustificarsi adeguatamente. Tuttavia, i dipendenti non vaccinati, avranno 5 giorni di tempo per addurre valide motivazioni o andranno incontro alla sospensione fino a vaccinazione avvenuta.

Continua a leggere

Attualità

Fuochi d’artificio sequestrati, nei guai tre finanzieri che se ne erano appropriati

Pubblicato

il

Tre militari della Guardia di Finanza, in servizio nel Napoletano, si sono appropriati di fuochi d’artificio anziché distruggerli. Pertanto, è stata aperta un’inchiesta, iniziata a margine di un ingente sequestro di materiale pirotecnico avvenuto a fine 2020. Secondo le prime informazioni raccolte, è emerso che i tre, si erano appropriati di 235 kg di fuochi d’artificio per poi stilare un verbale di presa consegna da parte di questi ultimi, indicando falsamente tutto il materiale sequestrato. Nel corso delle perquisizioni effettuate, è stata trovata merce contraffatta oggetto di sequestro nei mesi scorsi.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante