Resta sintonizzato

Attualità

Vince l’appalto ma il clan gli impedisce di lavorare: “Questa è zona nostra”: due arresti

Pubblicato

il

Un fornitore di prodotti casalinghi costretto a non fornire una scuola comunale di Marano, nonostante avesse vinto una gara, poichè uomini del clan Orlando gli avevano intimato di lasciare la “loro zona”. Due persone sono state arrestate per tentata estorsione in concorso e illecita concorrenza con l’aggravante del metodo mafioso.

Due uomini vicini al clan gli impedivano anche solo di “entrare” in quella che consideravano la propria zona d’appartenenza. Per due persone sono scattate quest’oggi le manette: si tratta di due giovani napoletani, C.A. e D.M. rispettivamente di 31 e e 25 anni ed originari di Marano di Napoli, che devono ora rispondere di tentata estorsione in concorso e illecita concorrenza, con l’aggravante del metodo mafioso.

I due sono stati arrestati stamattina dai carabinieri di Marano, dopo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Procura Distrettuale Antimafia. I due sarebbero persone appartenenti al clan degli Orlando, che opera nel territorio maranese dell’hinterland napoletano. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, i due arrestati sono anche impiegati di una società del posto dedica al commercio della carta ma riconducibile al clan Orlando: proprio per questo, a gennaio, avrebbero cercato di intimidire il legittimo vincitore di un appalto di gara per la fornitura di prodotti casalinghi, che avrebbe dovuto rifornire una scuola comunale. I due, come si evince dalle immagini di un impianto di videosorveglianza presente nei pressi dell’istituto, si sono avvicinati all’uomo, intimandogli di non effettuare più consegne a Marano, perché “zona loro”, e che dunque solo loro avessero diritto a farlo. I due, arrestati questa mattina perché gravemente indiziati di tentata estorsione in concorso e illecita concorrenza con l’aggravante del metodo mafioso, sono stati portati nel carcere di Secondigliano.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Ladri in trasferta per rubare dei gioielli, in manette tre napoletani

Pubblicato

il

Lo scorso weekend, la Squadra di Polizia Giudiziaria della Polizia Stradale di Genova e La Spezia, ha eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in carcere, nei confronti di altrettanti soggetti residenti nel napoletano, arrestati con l’accusa di concorso in rapina aggravata ai danni dei rappresentanti di gioielli. L’indagine, ha avuto inizio a seguito di una rapina effettuata a marzo ai danni di un rappresentante di gioielli della provincia genovese. In particolare, quel giorno, due soggetti a bordo di una moto, con casco nero integrale, si erano avvicinati all’auto dei malcapitati, sottraendogli una borsa contenente gioielli per un valore di 130 mila euro.

L’attività d’indagine, ha consentito di individuare i transiti autostradali dei veicoli utilizzati per le rapine e anche la loro base, una struttura ricettiva in Toscana. Pertanto, tutti i soggetti, sono stati tratti in arresto lo scorso sabato, mentre si trovavano nelle loro case. I tre arrestati, sono stati poi condotti presso il carcere di Poggioreale a Napoli, mentre un quarto componente, è stato denunciato a piede libero.

Continua a leggere

Attualità

Sorpreso con pistola, droga e cartucce: arrestato 40enne

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Casal di Principe, hanno tratto in arresto nel corso della mattinata odierna, un 40enne del luogo. In particolare, i militari dell’Arma, hanno perquisito l’abitazione dell’uomo e sequestrato una pistola Beretta provento del furto e 41 cartucce dello stesso calibro, nonché 56 grammi di marijuana. L’uomo, alla vista dei carabinieri, ha tentato invano di disfarsi dell’arma, del munizionamento e dello stupefacente, lanciandoli dal proprio balcone nel giardino del vicino di casa. L’arrestato, è stato poi condotto presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere, in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Attualità

Crispano, varata nuova modalità di gestione delle cedole e dei voucher per le scuole

Pubblicato

il

Il Comune di Crispano, a partire dall’anno scolastico 2021/22, ha adottato una nuova modalità di gestione delle cedole per gli alunni e le alunne delle scuole primarie statali e paritarie del territorio comunale. Pertanto, le cedole e i voucher, saranno forniti in formato digitale e potranno essere utilizzate presso le cartolibrerie/librerie accreditate, con avvisi da ricercare di volta in volta sul sito www.comune.crispano.na.it, mediante l’esibizione di un semplice Codice Pin, associato al codice fiscale dell’alunno beneficiario. Per quanto riguarda invece, la procedura di domanda, può essere presentata dal 21 settembre 2021 al 30 settembre 2021.

La procedura da seguire, è molto semplice, infatti sarà possibile rivolgersi al call center della ditta Astrotel ai seguenti numeri telefonici: 08251806043. Dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19. A tal proposito, il sindaco di Crispano Michele Emiliano, si è così espresso:

Una procedura che, insieme all’assessore all’istruzione Carolina Cosentino, abbiamo voluto fortemente in previsione del possibile caos che si sarebbe potuto creare e, come alternativa valida, nella gestione di un servizio così importante. Una scelta per aiutare le mamme e i papà di Crispano a ottenere le cedole, senza dover affrontare lunghe e faticose procedure. Come sempre, siamo al lavoro per voi”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante