Beneficiari del reddito di cittadinanza impiegati come steward nelle spiagge libere, per controllare che i bagnati rispettino le regole, cioè il distanziamento sociale e il divieto di assembramento. La proposta è stata avanzata dal Movimento Cinque Stelle. La Liguria sarà la prima Regione a mettere in pratica l’idea, ma altre Regioni potrebbero seguire il suo esempio. Tra i punti principali delle linee guida c’è appunto la possibilità per i Comuni di utilizzare chi ha il reddito di cittadinanza per fare lo steward sulle spiagge libere, il divieto di frequentazione ai venditori ambulanti, la possibilità che a gestire le spiagge libere siano i balneari, ma con ingresso gratuito e ritorno economico solo con il possibile affitto di sdraio e ombrelloni. Un’app e un sito per prenotare il posto in spiaggia in anticipo.

Per ogni ingresso alle spiagge, preferibilmente unico, ci saranno operatori che controlleranno l’accesso dei cittadini che hanno prenotato il posto tramite l’utilizzo di app, e in mancanza di prenotazioni distribuiranno i cartellini con il numero corrispondente agli stalli liberi. Nel caso di più punti di accesso gli operatori saranno in contatto via radio per le comunicazioni. Ed è su questo servizio che potranno essere impiegati i percettori del reddito di cittadinanza.

Secondo i dati diffusi dal presidente di Anpal, Mimmo Parisi, emerge che ad oggi sono 39.760 le persone che hanno avuto un contratto di lavoro dopo aver ottenuto il reddito di cittadinanza, 11mila in più rispetto al 10 dicembre 2019 (+38,2%).

“Questi dati dimostrano – ha detto Parisi – che la fase 2 del Rdc è più che partita. E’ un ottimo punto di partenza per gli ulteriori passi necessari per portare a regime gli interventi finalizzati ad accompagnare i beneficiari al lavoro, come ad esempio l’Assegno di ricollocazione, il completamento dei sistemi digitali per un migliore scambio di dati e informazioni con i sistemi regionali e per facilitare il contatto continuo con il mercato del lavoro”.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.