Ore 14.45, segui con noi la diretta Facebook del governatore De Luca: questi i principali temi toccati dal Presidente della Regione Campania: il punto sui contagi, ancora Fase 2 e misure in attuazione per la ripartenza.

Aprire tutto ma per sempre” è ancora una volta questo il motto principale con cui apre il suo discorso il Presidente De Luca, stavolta rinominandolo come “Modello Campania”. De Luca chiarisce la situazione creatasi dopo le sue dichiarazioni sulla “Non firma della Campania”: La regione Campania ha semplicemente difeso l’unità dello Stato centrale nei confronti di una divisione regionale. Dev’essere lo Stato Centrale a decidere, non le regioni stesse ad essere delegate nel dimostrare l’avanzamento dell’epidemia“.

Sono due i campi in cui bisogna essere uniti e centralizzati: garantire uguale diritto di salute a tutti i cittadini e dimostrare lo status effettivo dell’epidemia.

La Campania“- continua De Luca “Ha riaperto solo giovedì i battenti poichè il comunicato sul protocollo di riapertura era arrivato due giorni prima del Lunedi’. Era impossibile che tutte le attività fossero già pronte ad attuare le misure di sicurezza per il 18 Maggio.”

Vogliamo i 240 milioni che lo Stato ci ha rapinati, in una situazione del genere la burocrazia non serve.

I 3 miliardi del decreto di rilancio nella sanità dovranno servire ad eguagliare le differenze tra le regioni, e non dovranno essere solo “chiacchiere”.

La Cassa integrazione in deroga le abbiamo chieste per primo e il Governo deve trovare i 40/50 milioni di euro per velocizzare le procedure d’erogazione.” Questi altri tre punti fondamentali toccati dal governatore.

Per sburocratizzare la burocrazia italiana, bisogna cancellare l’articolo della legge Severino (ignobile) che è solamente a favore della casta, e servirà a non produrre più chiacchiere ma fatti.”

De Luca sottolinea che la Regione cercherà di “accontentare” tutte le famiglie e le domande presentate, fino al consumo totale di tutte le risorse a disposizione. “Stiamo facendo uno sforzo immane per evitare che oltre alla crisi epidemiologica ci sia una crisi sociale“.

Il pensionamento minimo da Giugno salirà a mille euro, e il concorso della Regione Campania fra Giugno e Luglio prevede l’assunzione di tremila giovani che hanno partecipato alla prova, in attesa di farne una seconda. ” Piano per il lavoro e piano socio economico, sono questi i segnali di miglioramento su cui si vuole evidenziare il lavoro fatto finora.

La Fase 2– De Luca annuncia ulteriori decisioni sulle aperture di piscine, b&b, zoo, attività portuali e possibilità di imbarcarsi. Sarà bloccata la movida, la chiusura dei baretti è fissata alle 23 di sera. “Tornare alla normalità, non significa tornare a fare quello che facevamo prima” questo l’invito rivolto, soprattutto, ai giovani del paese. “Cancellate l’utilizzo degli alcolici, delle droghe e dei fenomeni che non sono più pochi,ma incontrollati“. Quindi, fin quando, non ci sarà un impegno massiccio delle forze dell’ordine con direttive rigorose per evitare assembramenti e rifiuti di mantenere distanze di sicurezza, saremo ancora in pericolo.

Il nostro turismo sarà sponsorizzato da una campagna di promozione della Campania, il motto comune sarà “Campania divina, Campania sicura”. In Estate avremo, nonostante tutto, alcune manifestazioni ( a norma di distanze) come quella a Ravello dove saranno presenti anche attori famosi come Alessandro Preziosi.

ARIANO IRPINO– Il focolaio sarà spento grazie ai controlli, restano solamente quattro contagi e i risultati dei test fatti all’intero paese sarà pubblicato nella giornata di domani. Gli irresponsabili da cui è scaturito il focolaio saranno indagati dalla magistratura.

L‘auspicio di De Luca è quello di arrivare a zero contagi nel più breve tempo possibile, impedendo quindi la richiusura di tutto. “La Campania uscirà a testa alta da questa epidemia” così si conclude la diretta di De Luca.

 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.