Durante questi mesi ci siamo abituati all’idea di camminare distanziati e di non recarci in luoghi affollati e soprattutto chiusi. Le norme anti-covid ci accompagneranno chissà ancora per quanto e pure studi esperti hanno valutato ancora bassa la protezione offerta da queste misure.

In particolare, la distanza di sicurezza di un metro sarebbe una misura troppo blanda (confermano i virologi) in quanto fino a due metri le “dropless” viaggiano nell’aria.

Carlo Signorelli, professore di igiene al San Raffaele di Milano ha spiegato che la precipitazione delle goccioline respiratorie è molto alta entro un metro, più bassa ma ancora presente tra uno e due metri, ed è trascurabile dopo i due metri.

Ovviamente, la possibilità di contagio deriva anche da altri fattori, soprattutto essa si alza quando ci troviamo in luoghi chiusi e affollati, ed è li che bisognerebbe addirittura distanziarsi di due metri e portare le mascherine.

Non è poi di secondo piano la questione riguardante la diversità tra regione e regione di “potenza” di contagio. Di conseguenza, chiariscono gli studiosi, bisognerebbe prendere misure piu’ drastiche ed opportune laddove c’è un più alto rischio di dare sfogo alla cellula batterica.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.