Resta sintonizzato

Benessere

Come eliminare il Coronavirus dalle superfici. Tutte le indicazioni del Ministero della Salute

Pubblicato

il

Il Coronavirus ci accompagna ormai da mesi e quello che abbiamo capito è che per ricominciare a vivere in modo sereno, o quasi, è imparare a convivere con lui. Ma perchè ciò sia possibile bisognerebbe non lasciarsi prendere da mille paranoie e soprattutto essere opportunamente informati.

E’opportuno però che le informazioni siano affidabili e sicure, ed è per questo che lo stesso Ministero della Salute ha provveduto a darne alcune. Molte saranno utili non soltanto nelle nostre case ma anche sui luoghi di lavoro come in ufficio o al negozio. Da più di una settimana sono infatti riprese le attività produttive rimaste ferme per due mesi.

La ripresa ha ha comportato l’adozione di diverse precauzioni per ridurre i rischi legati al contagio, come l’impiego delle mascherine negli ambienti chiusi, il distanziamento fisico e l’adozione di procedure per disinfettare spesso le superfici e i luoghi di lavoro. Per fare chiarezza su quest’ultimo punto, e offrire qualche indicazione pratica in più, il Ministero della Salute ha diffuso una circolare sulle procedure di sanificazione di strutture non sanitarie e per l’abbigliamento.

Come è noto ormai a tutti il Coronavirus si diffonde attraverso le piccole gocce di saliva (droplet) che le persone emettono tossendo, starnutendo o parlando. Sono proprio queste gocce che tendono a cadere e a depositarsi sulle superfici: il contagio può così avvenire toccandosi magari il viso con le stesse mani poste su una superficie sulla quale si sono depositate queste gocciline. E’ soprattutto per questo che il consiglio più importante è quello di lavarsi costantemente le mani.

Le superfici sono così tra i più importanti mezzi di contagio. A seconda dei materiali il virus può rimanere su di esse da un’ora ad una settimana. Ma la presenza del Covid-19 sulla superficie non vuol dire che esso sia ancora attivo e quindi capace di causare un’infezione. Sulla carta può rimanere fino a 30 minuti, sui tessuti per un giorno, sulle banconote per due giorni, sulla plastica per quattro e sullo strato esterno delle mascherine chirurgiche fino a 7 giorni.

La pulizia delle superfici deve perciò essere effettuata di frequente e con particolari accorgimenti soprattutto sui posti di lavoro. Il ministero della Salute ha identificato una sequenza di attività da svolgere per sanificare gli ambienti:

-La normale pulizia ordinaria con acqua e sapone riduce la quantità di virus presente su superfici e oggetti, riducendo il rischio di esposizione;
La pulizia di tutte le superfici di mobili e attrezzature da lavoro, macchine, strumenti,  nonché maniglie, cestini, deve essere fatta almeno dopo ogni turno;
Il rischio di esposizione è ridotto ancor più se si effettuano procedure di disinfezione utilizzando prodotti disinfettanti con azione virucida autorizzati (PMC o biocidi). È importante la disinfezione frequente di superfici e oggetti quando toccati da più persone;
I disinfettanti uccidono i germi sulle superfici. Effettuando la disinfezione di una superficie dopo la sua pulizia, è possibile ridurre ulteriormente il rischio di diffondere l’infezione;
I disinfettanti devono essere utilizzati in modo responsabile e appropriato secondo le informazioni riportate nell’etichetta. Non mescolare insieme candeggina e altri prodotti per la pulizia e la disinfezione.
Bisogna indossare sempre guanti adeguati per i prodotti chimici utilizzati durante la pulizia e la disinfezione, ma potrebbero essere necessari ulteriori dispositivi di protezione individuale (DPI, specie per i prodotti ad uso professionale) in base al prodotto.

Se un negozio, un ufficio, un’azienda o un’abitazione sono rimasti completamente chiusi e senza passaggi di persone al loro interno per almeno 7-10 giorni è sufficiente procedere con una pulizia ordinaria perché il coronavirus non resiste fuori da un organismo per più di una settimana.

La circolare consiglia di prestare particolare attenzione per le superfici maggiormente a rischio come: maniglie delle porte, interruttori della luce, telefoni, computer, rubinetti e lavandini e schermi touchscreen. Sono oggetti con cui entrano in contatto molte persone, soprattutto in luoghi come uffici, negozi e aziende, ed è quindi importante che siano disinfettate con maggiore assiduità e accuratezza.

Oltre al lavaggio con acqua e detergenti, anche di tipo disinfettante, può essere utile rimuovere dagli ambienti materiali morbidi e porosi (tappeti, arredi con fodere di stoffa) per rendere più semplice la pulizia ed è consigliabile eliminare dagli ambienti gli arredi superflui.

Le superfici dure e gli oggetti di vetro, metallo e plastica possono essere puliti tramite un primo lavaggio con acqua e sapone, seguito da disinfettante per rendere inattivi i virus. I materiali morbidi e porosi (moquette, tappeti e sedie) sono più difficili da lavare e disinfettare e potrebbe quindi essere necessario ricoprirli con teli di plastica, lavabili o usa e getta.

Per le superfici esterne si possono applicare in generale meno precauzioni, eseguendo una normale pulizia con acqua e detergenti. Come è stato più volte spiegato dal Ministero della Salute a oggi non ci sono evidenze scientifiche sull’utilità di spruzzare disinfettante sui marciapiedi e per strada per ridurre il rischio di contagio. Mentre i benefici non sono stati dimostrati, si è evidenziata la pericolosità della pratica soprattutto per l’ambiente.

Per la sanificazione delle superfici sono indicati prodotti a base di alcol o di sodio ipoclorito (quella che chiamiamo “candeggina”), facendo attenzione che siano utilizzati alla giusta concentrazione: di solito 70 per cento per l’acol etilico e lo 0,1 per cento per il sodio ipoclorito.

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Bonus Mobili 2021. Sale l’importo massimo: i dettagli

Pubblicato

il

Durante lo scorso anno, erano stati 10.000 i soldi accreditabili per il bonus mobili. Per il 2021, invece, si sale a 16.000 €.

Restano le stesse, le spese ammesse e le condizioni di accesso al bonus. Il requisito chiave riguarda ancora chi effettua lavori di ristrutturazione edilizia ammessi al relativo sconto fiscale.

La detrazione, resta quindi al 50% sulle spese di arredamento della casa fino a 16.000€. Il bonus si inserisce in un piano di incentivi introdotto per le unità abitative. Il Bonus mobili, scatta in seguito a quello “ristrutturazioni”, quindi la data dei lavori deve essere necessariamente precedente a quella dell’acquisto dei mobili o degli elettrodomestici in questione.

La proroga del bonus mobili prevista dalla Legge di Bilancio 2021, conferma per sommi capi l’onere di richiedere la detrazione in dichiarazione dei redditi e il riconoscimento in dieci quote annuali di pari importo.

Chi esegue lavori su più immobili potrà richiedere il bonus più volte, con riferimento al tetto massimo di 16 mila euro per ogni unità abitativa oggetta di ristrutturazione.

Per ulteriori dettagli si ricorda che sul sito dell’Agenzia delle Entrate è stato posto un elenco esemplificativo degli acquisti che danno possibilità di accedere al bonus.

Continua a leggere

Attualità

Clochard muore di freddo: aveva 100 mila euro in banca

Pubblicato

il

La triste storia di Umberto Quintino Diaco, clochard di 75 anni, ritrovato morto in un capanno improvvisato con teli e cartoni, a Milano.

Umberto sarebbe morto di freddo e stenti, ma le indagini raccontano di un conto bancario ricchissimo. Circa 19 mila euro di titoli azionari, una pensione che arrivava dalla Germania di 750 euro al mese, una casa di proprietà in Calabria e due furgoni a lui intestati, oltre a 1250 euro in contanti. Tutto per un valore che si aggira sui 100 mila euro.

Possiamo dire che, quindi, la sua è stata una vera e propria scelta di vita. Allontanarsi da tutto e tutto, rifiutare il mondano, il mondo del consumismo e rifugiarsi in una vita privata fatta di stenti e miseria. Ovviamente resterebbe da scoprirne il motivo profondo e il significato da lui associato a questa scelta.

Per ora, neanche la sua famiglia ha saputo dare una risposta a tutto questo “Lo abbiamo cercato, non ha mai voluto farsi ritrovare”, ha raccontato la sorella.

Continua a leggere

Attualità

‘Maschera o mascherina’? De Luca prepara la stretta per Carnevale

Pubblicato

il

Sarà un fine settimana di fuoco, ma i giorni in questione sono quelli che vanno dal 11 Febbraio al 16.

Si parte Giovedì 11, primo giorno di Carnevale che quest anno, coinciderà anche con la tanto amata festa degli innamorati, S.Valentino.

I rischi sono soprattutto concentrati nel weekend, quando a partire dal venerdì fino a Domenica 14 la situazione potrebbe degenerare in mancanze di rispetto nel riguardo dei protocolli anticovid.

Per questo motivo il presidente sta prendendo in considerazione una nuova ordinanza restrittiva.

Probabile che per il weekend esaminato ci sia qualche restrizione particolare. Ad oggi la questione non è stata ancora definita in Unità di Crisi e De Luca non ne ha ancora parlato pubblicamente.

Si attende il rapporto dei bollettini a partire dalla prossima settimana e, probabilmente, qualche ‘strategia restrittiva’ più definita.

L’unica cosa sicura è che per quest’anno ROMEO E GIULIETTA non indosseranno le maschere di Carnevale, ma le mascherine anti-Covid.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante