A Caserta e nella provincia, la Guardia di Finanza ha scovato circa 532 “furbetti” dei buoni spesa.

Avevano richiesto i soldi ai comuni di appartenenza dichiarando il falso, pur di prendere quei buoni. Ovviamente quei buoni non gli spettavano, non c’erano i requisiti, eppure loro se ne sono fregati: probabilmente togliendo cibo a chi davvero ne avesse bisogno. Tra questi ci sono circa 80 pregiudicati, giusto per evidenziare che il lupo perde il pelo ma non il vizio.

Ovviamente ora tutti dovranno rispondere chi di sanzione penale e chi pagando solamente ( si fa per dire) una multa che va dai 5500 euro circa fino, addirittura, a 25.000 mila euro nei casi più gravi.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.