Solitamente sono le ragazze ad essere vittima di certe “violenze” ma in questo caso ci si sorprende del contrario: una donna di 41 anni di Camposampiero non avendo accettato la fine della relazione col suo ex, ha inviato ai conoscenti i loro video hard.

Uno dei filmati è finito anche sul cellulare dell’attuale compagna del 49enne residente nel Miranese.

La donna che ha progettato la “vendetta” è stata iscritta nel registro degli indagati dal sostituto procuratore di Padova Sergio Dini, titolare delle indagini, per i reati di minacce, molestie, diffamazione e per revenge porn (vendetta pornografica).

La relazione tra i due è iniziata nel 2017, ma l’uomo non si è mai innamorato e così dopo poco ha deciso di chiudere quella storia appena nata. Lei invece, molto presa, non ha accettato di essere scaricata.

Voleva tornare insieme al suo amore e non riuscendo nel suo intento, ha orchestrato la sua vendetta a luci rosse. La 41enne si è ricordata di quei quattro video girati mentre erano in atteggiamenti intimi e ha deciso di sfruttarli per dare vita al suo piano diabolico.

Il 9 gennaio dell’anno scorso la 41enne, gelosa e arrabbiata, ha così inoltrato a quindici suoi conoscenti i quattro filmati, inviando uno dei video anche all’attuale fiamma del 49enne. In due di essi si vede chiaramente il volto del veneziano, in altri due non è chiara invece l’identità dell’uomo nudo ripreso.

Quando il quarantanovenne è stato avvisato dalla sua compagna e da alcuni amiciin merito a ciò che era accaduto, si è subito presentato alla stazione dei carabinieri di Camposampiero dove ha presentato denuncia nei confronti della sua ex donna per i reati di minacce, molestie, diffamazione e revenge porn.

I carabinieri, coordinati dal maresciallo Claudio Girolimetto, qualche giorno dopo la denuncia, hanno perquisito l’abitazione della donna sequestrandole il computer e il telefono cellulare.

Gli uomini dell’Arma sono andati alla ricerca dei quattro video a luci rosse incriminati e di altri file presenti nel pc e nello smartphone.

Ora la 41enne di Camposampiero rischia di essere rinviata a processo. Dal gennaio del 2019, dopo l’intervento dei carabinieri, sembra però aver capito la lezione, non ha infatti più spedito video hard.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.