CAIVANO – Un fiume in piena l’ex Senatore Giacinto Russo ieri sera a L’Assise il format di approfondimento politico di Minformo TV. L’ex senatore ancora una volta, davanti a migliaia di persone ha tenuto a precisare quali fossero le sue reali intenzioni per Caivano. Da quella voglia matta e dall’amore che nutre per la propria città, nasce quel sentimento di rivalsa ma soprattutto si rafforza sempre più la volontà di mettere su una coalizione civica che possa realmente rappresentare il cambiamento in questa terra martoriata dalla droga e dall’inquinamento.

Subito dopo la trasmissione si è svolta una riunione che ha visti seduti allo stesso tavolo oltre gli esponenti legati all’idea dell’ex senatore a cui devono ancora scegliere nome e simbolo per la propria lista, quelli di ‘UDC’, ‘La Svolta’, ‘PSI’ vicini a Lello Del Gaudio, ‘Noi Campani’, ‘Caivano Conta’ con Antonio Angelino e Simone Monopoli accompagnato dai suoi sodali Fabio Mariniello e Maria Fusco, quest’ultimi che dovrebbero far parte della lista formata dall’ex sindaco e che si chiamerà ‘Nuova Idea’.

Nell’incontro si è parlato principalmente di idee, l’occasione è stata più che altro a scopo conoscitivo, giusto per guardarsi in faccia e testare la volontà di ognuno. La coalizione civica che verrà sarà fondata principalmente sulle idee che faranno in modo di risollevare le sorti della città. La coalizione civica andrà oltre gli steccati ideologici. I simboli dei partiti saranno, per chi ne detiene l’autorità e i diritti, accuratamente riposti in un cassetto.

Caivano non ha bisogno di ideologie ma di idee. Le ideologie dividono e la città gialloverde, dopo due anni e mezzo di commissariamento straordinario non ha bisogno di divisioni. Già, purtroppo per i caivanesi, in questa fase pre elettorale di divisioni ce ne sono state troppe.

Da indiscrezioni raccolte in esclusiva da Minformo, anche il ‘M5S’ ha tentato un timido approccio con Giacinto Russo per poter entrare a far parte della coalizione civica, visto che da Roma il partito pentastellato ha autorizzato le liste dei territori di allearsi con coalizioni civiche alle prossime amministrative ma i grillini caivanesi hanno posto una condizione inaccettabile, quella che la sintesi della coalizione dovesse essere rappresentata dal loro candidato sindaco Pasquale Penza. Con tutto il rispetto per il poliziotto caivanese ma per ambire ad una carica di candidato sindaco in una coalizione dove è rappresentata, è vero da nuove facce ma anche da gente che ha un passato politico e consensi personali che vanno ben oltre l’essere solo il nuovo che avanza e sotto la guida di due padri nobili come l’ex senatore e l’ex sindaco, ci vuole ben altro che essere solo persona perbene, quanto meno sul piatto della bilancia bisogna porre consensi e competenze in amministrazione pubblica.

Finito l’incontro di ieri sera, i commensali si sono dati appuntamenti a martedì sera per cercare di stringere un accordo e chissà se quella sede sarà anche ideale per conoscere il nome dell’antagonista di Enzo Falco. Vi terremo aggiornati.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.