Resta sintonizzato

Attualità

Napoli. Linee bus sospese dal 1° luglio. E’ caos

Pubblicato

il

Sarà un’estate di caos a Napoli per quanto riguarda i trasporti pubblici: l’Anm ridurrà i servizi, già non molto efficienti, a causa delle ferie dei dipendenti.

Il programma dell’azienda prevede la sospensione di cinque linee: C12, C13, C33, C18 e 139, sostituite da 612, 618, 633 e 639. Saranno istituite navette bus 621, in sostituzione della Funicolare di Mergellina che chiuderà, e la 622 che da Capo Posillipo arriverà a Marechiaro. Resteranno sospesi i servizi notturni.

Dopo i problemi per il Coronavirus, che hanno già comportato una forte riduzione dei servizi con la sospensione di bus scolastici e universitari, sono in arrivo ulteriori tagli alle corse di circa il dieci per cento. Il piano dei trasporti per l’estate partirà il prossimo 1° luglio e durerà fino al 1° settembre, ma sarà diviso in due tranche, con la prima che si concluderà il 21 luglio.

Si tratta, quindi, di una piccola riduzione, considerato che il servizio di trasporto a Napoli è già stato ridotto per il Covid19 e non era poi così funzionale già prima.

E’ previsto martedì un incontro tra l’Anm e i sindacati per discutere il piano trasporti estivo 2020 e non sono escluse quindi modifiche dell’ultimo minuto. In estate, infatti, molti autisti andranno in ferie. Ci saranno però, in compenso, 15 nuovi bus Citymood in strada appena arrivati all’Anm.

Anche la funicolare di Mergellina, che aveva riaperto solo un mese fa e solo per mezza giornata, sarà sospesa. Era il 21 maggio scorso quando l’impianto è stato riattivato, dopo i tre mesi di stop per i lockdown del Coronavirus. Adesso, chiuderà per altri due mesi. In sostituzione dal 1° luglio sarà attiva la navetta bus 621, che con due vetture dedicate, dalle ore 7 alle 21 che assicurerà il servizio di trasporto senza interruzione con corse ogni 20 minuti.

Sempre dal 1° luglio al 31 agosto sarà istituita la navetta pollicino 622 che collega il Capo Posillipo con Marechiaro. Dovrebbe essere attivo dalle ore 10 alle 18, con corse ogni 30 minuti.

Nino Simeone, il presidente della commissione comunale Trasporti, ha però commentato polemicamente la decisione dell’Anm: “I trasporti sono già al minimo. Così non si può andare avanti, bisogna garantire ai viaggiatori un servizio sostitutivo di trasporto pubblico. A Napoli ci sarà un sacco di gente che non andrà in vacanza e non avrà il trasporto pubblico”.

Anche Edvige Mariani, presidente commissione Mobilità della Municipalità Fuorigrotta Bagnoli ha commentato “È paradossale assistere al taglio del trasporto pubblico su gomma, in questa Municipalità ed in questo particolare periodo estivo post Covid-19, considerato l’aumento dei flussi turistici e soprattutto dei bagnanti che si recano a Coroglio, Bagnoli e Pozzuoli lato Via Napoli. Faccio appello al buonsenso di tutti”.

E’ arrivata ovviamente anche la forte critica da parte dei sindacati. Marco Sansone, dell’Unione Sindacale di Base ha infatti commentato la scelta dicendo: “Anche quest’anno l’Anm taglia in modo importante il servizio estivo senza nessun confronto preventivo con i sindacati. Dal 1° luglio, infatti, verranno ulteriormente isolate intere zone della periferia di Napoli, già ampiamente denigrate dal servizio ordinario. Non viene ripristinato il servizio notturno e vengono limitare le cosiddette linee principali, costringendo così i cittadini a raddoppiare le attese sotto le cocenti fermate ed aumentando i carichi di lavoro per gli autisti. Tutto questo ancora senza alcuna comunicazione alla cittadinanza”.

 

 

 

 

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Napoli, la Polizia ferma la movida del centro storico: elevate numerose sanzioni

Pubblicato

il

Durante la scorsa serata e per l’intera nottata, i carabinieri del Comando Provinciale di Napoli, hanno concentrato i loro sforzi nel centro storico della città, dove l’allentamento delle misure di contenimento ha dato nuova vita alla movida.

In particolare, gli agenti, sono intervenuti nel centralissimo Largo San Giovanni Maggiore, dove hanno allontanato e disperso circa 500 ragazzi. Intorno all’una erano 250 quelli che si erano assembrati in Largo Banchi Nuovi. Uno dei giovani, complice lo stato d’ebbrezza, è stato denunciato per oltraggio a Pubblico Ufficiale.

Nel complesso, sono state comminate 52 sanzioni per Covid e diffidati 2 bar in Largo san Giovanni Maggiore.


Continua a leggere

Attualità

Pozzuoli, 150 giovani senza mascherina sorpresi a fare aperitivo in spiaggia: scattano le sanzioni

Pubblicato

il

Nella prima serata di ieri, i carabinieri della Sezione Radiomobile di Pozzuoli, hanno sorpreso circa 150 giovani, senza rispettare il distanziamento e senza mascherine, mentre consumavano drink e ballavano sulla spiaggia. A quel punto, i militari, per evitare problemi di ordine pubblico, hanno sgomberato il locale e sanzionato i gestori dello stesso, la cui attività sarà sospesa per 5 giorni.

Continua a leggere

Attualità

Napoli. Rissa nella zona della movida napoletana. Ferito un 16enne è grave

Pubblicato

il

Rissa nella zona della movida di Napoli. Un minorenne è stato ferito a Napoli nella serata di ieri con colpi di coltello da un coetaneo. Il ragazzo, 16 anni, non è in pericolo di vita.

Il fatto è accaduto in Via Arcoleo intorno alle 23 in prossimità della zona del Lungomare in una delle aree della movida.


Secondo quanto riferito dalla polizia all’origine dell’accoltellamento vi sono futili motivi. Il responsabile è stato identificato dagli agenti: è un 17enne.


Ha colpito il 16enne al braccio e al fianco sinistro. Il ferito è stato portato nell’ospedale Pellegrini dove è ricoverato in attesa di ulteriori accertamenti

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante