E’ con il cuore colmo di dolore che vi informo che la mia bellissima moglie Kelly ha perso la sua battaglia lunga due anni contro il cancro al seno“.

E’ così che inizia lo struggente messaggio d’addio alla moglie scritto su Instagram da John Travolta, il cui cuore torna nuovamente a spezzarsi dopo la dolorosissima perdita del figlio Jett.

Sua moglie Kelly Preston è morta all’età di 57 anni dopo anni di battaglie contro il tumore al seno. E’ quresto il secondo grave lutto vissuto dall’attore di Pulp Fiction: solo pochi anni fa, nel 2009, la coppia perse il loro primo figlio all’età di sedici anni: Jett Travolta.

Il famosissimo attore di Hollywood ha poi continuato il suo post ringraziando i medici che in questi anni si sono presi cura della moglie “Ha combattuto una lotta coraggiosa con l’amore e il sostegno di tanti. La mia famiglia ed io saremo sempre grati a medici e infermieri del MD Anderson Cancer Center, a tutti i centri che l’hanno aiutata, così come ai suoi molti amici e persone care che sono state al suo fianco. L’amore e la vita di Kelly saranno ricordati per sempre“.

Kelly Preston era nata a Honolulu nel 1962 e aveva esordito come modella a soli 16 anni. Dopo alcuni ruoli in serie televisive, il debutto cinematografico con “Dieci minuti a mezzanotte“. Prima del grande amore con il protagonista di “Grease“, Kelly Preston era stata sposata con l’attore Kevin Gage, per poi legarsi a Charlie Sheen.

Il legame d’amore con Travolta fu coronato dal matrimonio nel 1991. Insieme hanno avuto tre figli: Jett, Ella Bleu nata nel 2000 e Benjamin nato nel 2010.

E’ proprio a questi ultimi che l’indimenticabile attore de “La febre del sabato sera” ha dedicato l’ultima parte del suo messaggio d’amore: “Mi prenderò un po’ di tempo per stare accanto ai miei figli che hanno perso la mamma, quindi perdonatemi in anticipo se non ci sentiremo per un po’. Ma sappiate che sentirò il vostro amore nelle settimane e nei mesi a venire, mentre supereremo il dolore. Con tutto il mio amore“.

 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.