Resta sintonizzato

Pozzuoli

Pozzuoli, infermiera contagiata all’ospedale: chiuso il S.Maria delle Grazie

Pubblicato

il

Dopo che il tampone su di lei ha dato esito positivo sono scattate le misure di sicurezza come da protocollo all’ospedale di Pozzuoli.

Chiusura temporanea e sanificazione dei locali. L’infermiera avrà commesso qualche leggerezza nell’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Basta un minimo errore e il virus non perdona. Ha colpito ancora e ora si teme per l’incolumità di tutte le altre persone nel reparto e dei pazienti.

Oggi arriveranno i responsi dei tamponi a tutte le persone venute a contatto con la donna, che nel frattempo e in isolamento con sintomi lievi presso la sua abitazione a Pozzuoli.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Rissa in strada. Ferisce un ragazzo a colpi di sedia: arrestato un 26enne di Pozzuoli

Pubblicato

il

Un 26enne di Pozzuoli è stato arrestato a Verona dopo che, nel corso di una rissa, ha aggredito un ragazzo con una sedia.

La lite furibonda è scoppiata nella serata di ieri, venerdì 30 aprile, in piazza Erbe, nel centro di Verona.

Gli agenti, intervenuti in supporto alla Polizia locale che pattuglia i luoghi della “movida” per evitare assembramenti, ieri sera hanno fermato tre persone, ma una è risultata completamente estranea ai fatti, mentre un 25enne di Termoli  è la vittima dell’aggressione compiuta dall’arrestato, che gli ha strappato la polo, e si è riservato di presentare denuncia.

Il 26enne arrestato è accusato di lesioni finalizzate alla resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio e minacce a pubblico ufficiale.

Completamente ubriaco, si era allontanato dal luogo della rissa ma è stato individuato dai poliziotti che lo hanno dovuto accompagnare al Pronto soccorso perché era ferito: i medici lo hanno dimesso con una prognosi di otto giorni.

Una volta in Questura il 26enne ha continuato a tenere un comportamento minaccioso e aggressivo, finche’ gli sono state formalizzate le accuse.

Il processo, con rito direttissimo, è fissato per domani.

Continua a leggere

Ambiente

Terremoti. Le cause della microsismicità dei Campi Flegrei

Pubblicato

il

Le variazioni nei parametri sismici e geochimici dell’area della Solfatara e di Pisciarelli ai Campi Flegrei (Pozzuoli – Napoli) sarebbero causate dalla pressione cui è sottoposta a struttura presente nel sottosuolo della Solfatara.

Questi i risultati dello studio multidisciplinare condotto dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGVHydrothermal pressure-temperature control on CO2 emissions and seismicity at Campi Flegrei (Italy) appena pubblicato sul ‘Journal of Volcanology and Geothermal Research’.

«Negli ultimi anni nei Campi Flegrei, in particolare nella zona della Solfatara e di Pisciarelli, è stata osservata una più frequente attività sismica e un aumento delle stime di temperatura e pressione basate sulla composizione dei gas emessi dalle fumarole campionate. La variazione di questi parametri ci ha indotto ad analizzare insieme tutti i dati disponibili dell’area, per dare una interpretazione complessiva del fenomeno» ha affermato Giovanni Chiodini, ricercatore dell’INGV e primo autore dello studio.

Continuando «Analizzando i dati abbiamo osservato che parametri completamente indipendenti, come quelli geochimici e sismici, sono nel tempo variati insieme. Fra i parametri analizzati c’è il flusso diffuso di anidride carbonica (CO2) dai suoli dell’area. Dall’elaborazione risulta un aumento della quantità di CO2 emessa che dalle circa 1500 tonnellate al giorno nel periodo ante 2017 è passata alle circa 3500 tonnellate al giorno nel periodo successivo. Questa variazione di emissione di anidride carbonica è contemporanea all’aumento della sismicità».

Inoltre, la maggior parte degli ipocentri dei piccoli terremoti sono avvenuti nella parte superficiale di una struttura verticale che è stata individuata tramite tecniche di magnetotellurica.

Tale struttura è stata interpretata come un plume di gas: lo stesso che alimenta il flusso di CO2 misurato nei suoli della Solfatara e che è stato oggetto dell’aumento della stima di pressione e temperatura.

Questa coincidenza, sia temporale che spaziale, ha suggerito ai ricercatori che le variazioni osservate sono causate dalla pressurizzazione della struttura presente nel sottosuolo della Solfatara. 

Chiodini ha poi spiegato «Le novità dello studio sono la raccolta di una enorme mole di dati multidisciplinari, la maggior parte già pubblici, e l’utilizzo di una tecnica statistica, la Principal Component Analysis, che ha consentito di comprendere gli elementi comuni delle differenti variabili analizzate. Lo studio ha evidenziato che le variazioni osservate trovano nell’aumento di pressione dei fluidi la loro comune causa».

Il ricercatore ha concluso «Il prossimo passo della ricerca potrebbe essere l’esecuzione di studi specifici per definire con maggiore accuratezza la geometria della struttura presente sotto la Solfatara dove il gas, accumulandosi, innesca sismicità e alimenta l’emissione in superficie. In altre parole, lo studio, al momento, si riferisce ad una sezione 2D mentre l’obiettivo sarebbe di avere un modello 3D, ovvero una vera tomografia dei primi chilometri del sottosuolo della Solfatara».

Continua a leggere

Campania

Piazza di spaccio in casa: Carabinieri arrestano 4 persone nel napoletano

Pubblicato

il

Pozzuoli: Piazza di spaccio in casa. Carabinieri arrestano 4 persone e ne denunciano 2

I Carabinieri della sezione operativa della compagnia di pozzuoli hanno arrestato per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti 4 persone e denunciato per lo stesso reato altri 2, un 30enne e una 17enne.

Gli arrestati, 2 coniugi – rispettivamente di 49 e 48 anni – il loro figlio 27enne e una sua amica 26enne, l’unica tra l’altro nota alle forze dell’ordine, sono tutti di pozzuoli.
I carabinieri avevano notato nei giorni scorsi dei movimenti sospetti e troppe persone aggirarsi in contrada la schiana. Per accertare se fosse attiva una piazza di spaccio, la compagnia di pozzuoli ha predisposto dei servizi di osservazione: l’attività illecita esisteva e probabilmente avveniva all’interno dell’abitazione dei 2 coniugi con la partecipazione di altre 6 persone.

I carabinieri questa notte sono intervenuti. Hanno fermato e perquisito un giovane “cliente” che era appena uscito da casa sospetta ed hanno trovato la prova a riscontro dei loro dubbi: una dose di cocaina. Sono poi entrati in casa ed hanno trovato le 6 persone. Scattata la perquisizione domiciliare, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 12 grammi di cocaina pura e 12 dosi della stessa sostanza già “tagliata” e pronte alla vendita.

Sequestrate anche 23 stecche di hashish, una dose di marijuana, un bilancino di precisione e alcuni fogli riportanti i dati della contabilità relativa all’attività illecita. Durante la perquisizione, i militari dell’arma hanno rinvenuto e sequestrato 500 euro in contanti provento del reato e un impianto di videosorveglianza

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante