Oggi nel nostro amato appuntamento con “Il Piatto della Settimana”, ci spostiamo in una delle Regioni più belle e amate di tutt’Italia, soprattutto in questo periodo.

La Puglia, tacco del nostro stivale, è rappresentata alla perfezione nell’arte culinaria: le orecchiette alle cime di rape sono un vanto della cucina pugliese e, ormai, sono famose in tutto il mondo.

Ma da dove deriva questa pasta fresca? Chi scoprì questa deliziosa ricetta? Per saperne di più bisogna fare un viaggio nel tempo e ritornare al periodo della dominazione normanno-sveva.

Siamo tra il XII e il XII secolo, nella zona di Sannicandro di Bari. Risale, infatti, all’epoca la prima produzione di pasta artigianale dalla forma circolare e incavata al centro con la pressione di un pollice. Una volta pronta la pasta era essiccata per periodi più o meno lunghi, così da essere conservata sulle navi dove partiva. Furono poi gli Angioini a dare alla pasta il nome che oggi conosciamo. Dalla Puglia fecero il giro del mondo in poco tempo e col passare dei secoli rimane una delle bontà vegetariane più squisite di tutto il mondo.

Delle orecchiette alle cima di rape esistono varie sfaccettature. In Campania si è soliti aumentare l’apporto calorico del piatto, aggiungendo la salsiccia. Il mix di verdure, pasta fresca e carne è davvero qualcosa di unico al mondo. Non perdetevi le orecchiette con le cime di rape, in Puglia o da qualsiasi parte del mondo vi troviate.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.