Hamad Hasan, il Ministro della Salute libanese ha lanciato l’allarme, sostenendo che dopo l’esplosione non si puo’ restare a Beirut: l’aria è tossica. Hasan ha così consigliato, a chiunque possa, di lasciare quanto prima la città.

Deflagrazioni devastanti, registrate dai sismografi come un terremoto di magnitudo 3.3 e un’esplosione che, vista dal mare, appare come un fungo atomico alto chilometri.

Beirut è una città deserta all’indomani delle due devastanti esplosioni che hanno causato oltre cento morti e 4000 feriti. Il bilancio, essendo le ricerche ancora in corso, è ovviamente al momento provvisorio.

Il Ministro degli Interni Mohammed Fahmi ha riferito che da una prima ricostruzione nel magazzino vi era il nitrato d’ammonio, posto lì dopo esser stato sequestrato da una nave mercantile nel 2014.

Testimoni hanno riferito di aver visto una nuvola arancione come quella che appare quando viene rilasciato gas tossico di biossido di azoto dopo un’esplosione che coinvolge nitrati e nel Paese e’ forte la preoccupazione anche per le tossine presenti ora nell’aria.

Il Ministro della Salute ha lanciato l’appello ai media locali, sostenendo che i materiali pericolosi sprigionatisi nell’aria dopo le deflagrazioni potrebbero avere effetti a lungo termine mortali.

Sono almeno tre, secondo l’emittente Al Jazeera, gli ospedali distrutti dalle esplosioni avvenute nel porto di Beirut, in Libano, e due quelli gravemente danneggiati, mentre sale di ora in ora il numero delle vittime.

Secondo il presidente libanese Aoun a provocare le esplosioni che hanno devastato Beirut è stato un incendio in un deposito del porto dove erano immagazzinate 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, ma dirigenti militari Usa pensano ad un attentato.

Intanto oggi è stato proclamato lo stato d’emergenza per due settimane e per oggi il lutto nazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.