Resta sintonizzato

Cronaca

Fallimento della Yele Spa: 29 indagati e sequestro preventivo di beni per oltre 20 milioni di euro

Pubblicato

il

L’operazione ‘Piazza Pulita’ svolta, nei giorni scorsi, dalla Guardia di Finanza di Salerno, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, ha fatto luce sul fallimento della Yele S.p.a., società pubblica tra le più importanti della Campania nel settore della gestione dei rifiuti.

La s.p.a. aveva creato un “buco” di oltre 30 milioni di euro nei bilanci, con grave pregiudizio per i creditori e l’Erario.

In tutto sono 29 gli indagati tra amministratori, componenti degli organi di vigilanza e consulenti, e ben 45 le ipotesi di reato contestate, che spaziano dalla bancarotta fraudolenta, alla frode fiscale, al peculato, fino al falso in bilancio.

A distanza di anni, è così stata disvelata la difficile situazione economica della società consortile, costituita nel 1998 per svolgere il servizio d’igiene urbana in 49 Comuni del basso Cilento. Più dell’8O% del capitale sociale della Yele era infatti detenuto dal “Co.Ri.Sa/4”, consorzio nato per fronteggiare l’emergenza rifiuti in Campania.

Per vent’anni l’azienda ha curato, direttamente o tramite cooperative da essa organizzate e coordinate, la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti in un territorio di 1.352 Km2, diventando una delle realtà lavorative di maggior rilievo nel Salernitano, tanto che, tra il 201O ed i primi mesi del 2017, vantava un organico di 263 unità, tra personale amministrativo e addetti all’attività di raccolta dei rifiuti.

Già a partire dal 2013, però, aveva iniziato a registrare un sensibile aumento dell’esposizione debitoria, in gran parte determinata dalla mancata riscossione, mediante adeguate azioni esecutive, dei crediti – divenuti poi inesigibili – nei confronti dei Comuni fruitori del servizio di nettezza urbana. lndebitamento, questo, destinato a riflettersi anche nei confronti dell’Amministrazione Finanziaria, a causa delle ricorrenti omissioni sia nel versamento delle imposte dovute sia delle previste ritenute – d’acconto, previdenziali ed assistenziali.

Non a caso, fino al 2014 la Yele aveva regolarmente approvato il bilancio d’esercizio e provveduto al rituale deposito, limitandosi invece, negli anni successivi, ad elaborare i dati contabili, senza mai renderli noti con atti “esterni”, in maniera tale da celare ai soci e ai terzi la ma/a gestio e la scarsa solidità patrimoniale.

La profonda instabilità finanziaria ha così condotto la società dapprima alla liquidazione, disposta dal Tribunale di Napoli nel mese di luglio 2018, e successivamente al fallimento, dichiarato con sentenza del Tribunale di Vallo della Lucania il successivo 30 ottobre.

Le vicende societarie sono state oggetto di accertamento nell’ambito di 33 diversi procedimenti penali, poi riuniti in un’unica indagine affidata da questa Procura della Repubblica alle Fiamme Gialle vallesi, che si sono subito concentrate sull’esame dell’imponente mole di documentazione contabile ed extracontabile acquisita durante apposite perquisizioni presso le sedi del consorzio Co.Ri.Sa/4, della s.p.a. e delle cooperative di servizi operanti per conto della stessa.

Dalle risultanze investigative è emersa la sistematica inadempienza anche degli obblighi verso istituti di credito e finanziarie che avevano erogato la cd. “cessione del quinto” ai dipendenti della Yele, che invece tratteneva tali spettanze per scopi propri.

Per non parlare di quanto scoperto in merito a fatture relative a lavori di manutenzione: veicoli di proprietà di alcuni dipendenti riparati interamente a spese della società. Avendo ormai perso i requisiti di regolarità contributiva prescritti per la contrattazione pubblica, affidava inoltre parte dei propri servizi, in subappalto, a cooperative create ad hoc, senza la preventiva autorizzazione da parte delle stazioni appaltanti, facendo fronte ai debiti erariali maturati attraverso l’indebita compensazione di crediti inesistenti o comunque non spettanti.

La massa debitoria accertata dai Finanzieri ammonta ad oltre 30 milioni di euro, ai quali devono poi aggiungersi i 10 relativi alle condotte distrattive poste in essere in pregiudizio dei creditori (lavoratori dipendenti, fornitori ed Erario).

Il risparmio derivante dal mancato pagamento delle imposte e delle ritenute veniva peraltro utilizzato dalla società per “auto-finanziarsi”, continuando, per anni, una gestione pro domo sua, con la liquidazione di elevati importi per consulenze legali e tecniche e per collaborazioni occasionali, anche non necessarie.

Essenziali, ai fini della puntuale ricostruzione delle condotte stigmatizzate nei capi d’accusa, le indagini tecniche svolte dai militari, dalle quali si evince, tra l’altro, come, il Presidente del Consiglio d’Amministrazione, pur avendo rassegnato le dimissioni, avesse di fatto continuato, occultamente, ad amministrare la YELE S.p.a., dando disposizioni a dipendenti e dirigenti anche in ordine a tempistiche e pagamenti.

Le indagini hanno permesso di denunciare 29 responsabili, perlopiù professionisti con ruoli direttivi o di consulenza; nei confronti di 14 di essi, il G.I.P. del Tribunale alla sede ha disposto il sequestro preventivo di beni per equivalente fino alla concorrenza di 20.443.892 euro.

Allo stato, sono stati cautelati quasi 100 beni immobili, tra fabbricati e terreni, 25 veicoli e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro. Sono tutt’ora in corso le indagini finalizzate all’individuazione e al sequestro, presso gli intermediari finanziari, di eventuali ulteriori liquidità riconducibili agli indagati.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Casoria

CASORIA. Truffa dello specchietto: occhio a quest’auto

Pubblicato

il

Arrivano altre segnalazioni in merito alla consueta truffa dello specchietto.

In tutta l’area a Nord di Napoli è, ormai, un continuo succedersi di occasioni simili, in cui le povere vittime si vedono costrette a “regalare” soldi con la falsa scusa di aver provocato danni ad uno specchietto(di solito), per evitare l’aumento annuale dei costi assicurativi.

A CASORIA, si sta cercando di riconoscere due “ladri” che a bordo di una Volkswagen Golf di colore bianco avrebbero più volte affiancato auto in transito e, con la solita scusa dell’urto e quindi del danneggiamento avrebbero tentato di racimolare soldi dagli autisti in transito. Se vi dovessero capitare circostanze simili, evitate di fermarvi e denunciate l’accaduto.

Continua a leggere

Cronaca

Aggressione al neomelodico Pino Franzese. La decisione del GIP di Napoli

Pubblicato

il

 Il gip di Napoli ha scarcerato il rapper Armando Di Pinto, 21 anni, e lo zio, Giuseppe Emanuele Di Pinto, 27 anni, accusati di avere aggredito, picchiato e derubato lo scorso 3 maggio a Napoli, il cantante neomelodico Pino Franzese, al secolo Ben Salah Giuseppe, e un suo amico, mentre erano in auto insieme con due ragazze, una ex fidanzata del rapper.
   

Come riportato anche dall’ANSA, il giudice ha disposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria ritenendo non sussistenti i gravi indizi di colpevolezza in relazione alla rapina che, invece, sono sussistenti in relazione all’accusa di lesioni volontarie.

Gli stessi indagati hanno confermato, infatti, il movente di gelosia e la lite scaturita quella sera, ma nessuno dei testimoni ascoltati ha confermato sulla sottrazione di oggetti preziosi, così come si evince dall’accusa.

Continua a leggere

Cronaca

Denuncia carabiniere per violenza sessuale in caserma ma viene condannata: i particolari

Pubblicato

il

Condannata per calunnia una 37 enne residente a Ravenna, che aveva denunciato un carabiniere di Napoli lamentando una violenza sessuale subita in caserma. Tuttavia, secondo i giudici, la violenza non si è mai verificata. La donna, processata con rito abbreviato, si è vista infliggere un anno e quattro mesi di pena sospesa. Inoltre, ella, dovrà pagare al militare una provvisionale di 5 mila euro.

La Procura, aveva chiesto l’assoluzione, ritenendo che nelle parole della donna potesse non esserci dolo. La vicenda, risale alla mezzanotte tra il 10 e l’11 gennaio 2018, quando il militare aveva fatto entrare al Comando Provinciale due donne conosciute poco prima in un bar, tra cui la 37 enne. Da qui, la donna, aveva fatto riferimento a due episodi: quello in caserma e un secondo approccio che il militare avrebbe tentato a casa sua. Ad escludere la violenza erano stati due elementi: la testimonianza dell’amica presente e quella del piantone della caserma. Tuttavia, per i fatti avvenuti quella notte, il carabiniere è stato condannato di recente a 11 mesi con pena sospesa, per truffa e forzata consegna.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante