Resta sintonizzato

Attualità

“Ero negativo al tampone, solo dopo mi hanno detto dei 14 giorni di incubazione”. Il racconto di un 26enne contagiato

Pubblicato

il

Le precauzioni non sono mai troppe, è vero ma se si dice ad un ragazzo che il tampone è risultato negativo e può uscire, tralasciando un “particolare” non da poco, quale è quello dei 14 giorni di incubazione, le cose sono molto gravi.

Questo è quello che è accaduto ad un 26enne che è stato in vacanza in Sardegna e che poi si è recato a Cortina per continuare la sua villeggiatura. Ma questo è quello che sta succedendo ovunque, anche in Campania e che nessuno racconta.

I ragazzi tornano dall’estero o dalla Sardegna, fanno il test, risultano negativi e magari dopo neanche 24 ore sono in piscina o a fare un aperitivo con gli amici. Ed i 14 giorni di incubazione?! Bhè, quelli sono stati dimenticati da tutti!

E’ così che uno tra i tanti, un ragazzo 26enne tornato a Cortina dopo la vacanza in Sardegna, ha abbracciato la nonna 93enne, i familiari ed ha anche partecipato al “Cortina Summer Party”. Peccato poi che le cose sono peggiorate e che com’è ovvio che possa accadere, il giovane sia risultato positivo solo dopo e che ora è in ospedale, ricoverato con una polmonite interstiziale nel reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale di Belluno.

In un’intervista su Il Messaggero il ragazzo, preoccupato per il rischio di aver contagiato la sua famiglia e chissà quanti altri, ha raccontato la sua storia: «Sono stato in vacanza nella Baia di Porto Istana, tra San Teodoro e Porto Rotondo, con un gruppo di amici. Quanti? Macché dieci, almeno 75, è una piccola baia, ci arrivano da tutta Italia, una sorta di raduno, un bel 15 per cento è positivo».

Continuando «La notte prima dell’esito del test l’ho passata da amici. Quando poi mi hanno avvertito che ero negativo, era il 19, ho pensato: “che bello, ora comincia la vacanza, posso andare ad abbracciare e baciare la nonna”. Ho trascorso le giornate tra gite e soste nei bar. Il 20 ho partecipato al Cortina Summer Party, dove devo dire che tutte le precauzioni erano state adottate, ma certo se sapevo di essere positivo non avrei dato la mano a nessuno, non sarei andato in giro».

Qualche giorno dopo ha iniziato però ad avere la febbre e una sua cara amica, che era stata con lui in Sardegna, lo ha chiamato per dirgli che era positiva, così ha chiamato l’Asl ed è iniziata una lunga trafila burocratica fino a quando il padre non lo ha accompagnato a fare il tampone ed è risultato negativo: «mi hanno ricoverato: sono stabile ma non grave, un paziente covid asintomatico con polmonite da pneumococco».

Dopo i medici gli hanno spiegato che anche con un tampone negativo il tempo di incubazione del virus è sempre di 14 giorni:  «È un’informazione vitale, la gente non lo sa, in Veneto non danno informazioni vitali: non scrivere negativo se non sono passati 14 giorni dall’ultimo contatto. Mi sarei evitato due giorni di polmonite dentro casa mettendo a rischio tutta la lista di centinaia di persone con cui sono stato a contatto».

Così come il 26enne di Cortina sono tantissimi i ragazzi rientrati in Italia che hanno fatto il tampone e dopo essere risultati negativi sono andati in giro. Magari sono stati superficiali, ma non saranno stati altrettanto superficiali anche le Asl, i medici e le istituzioni che hanno “superficialmente omesso” un dettaglio vitale, ovvero quello dei 14 giorni di incubazione?

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Arrestato in casa durante un controllo: nascondeva circa 2 kg di hashish

Pubblicato

il

Gli agenti della Squadra Mobile di Caserta, hanno arrestato questa mattina un 35enne di Portico di Caserta, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio. In particolare, i poliziotti della Narcotici, hanno deciso di effettuare una perquisizione presso l’abitazione dell’uomo, dove hanno rinvenuto dodici panetti e tre involucri sferici contenenti hashish, pronti per essere venduti. Tuttavia, soltanto le successive verifiche, hanno consentito di stabilire con certezza che si trattasse di hashish, per un peso complessivo di 2 kg.

Continua a leggere

Attualità

Minaccia e aggredisce i poliziotti: in manette 50enne di Qualiano

Pubblicato

il

Nel pomeriggio di ieri, gli agenti del Commissariato Pianura, hanno sottoposto a controllo due persone a bordo di un’auto, in via Provinciale Montagna Spaccata. Ad un certo punto, uno dei due, è andato in escandescenze minacciando e aggredendo fisicamente i poliziotti, che alla fine sono riusciti a bloccarlo. Pertanto, Francesco Palmieri, 50enne di Qualiano con precedenti di Polizia, è stato arrestato per resistenza, violenza e minaccia a Pubblico Ufficiale.

Continua a leggere

Attualità

Napoli, incidente in galleria: camion scarica detriti distruggendo la pavimentazione

Pubblicato

il

Incredibile episodio avvenuto questa mattina, all’interno della Galleria Principe di Napoli, dove un camion che stava trasportando detriti nei locali, oggetto di lavori di ristrutturazione, ha rovinato la pavimentazione della galleria, andando a sfondare la griglia che si trova all’ingresso di uno dei locali storici, dove un tempo sorgeva l’ex Tesoreria del Banco di Napoli.

Secondo le prime informazioni, la ruota del mezzo, carico di detriti, è rimasta incastrata: gli operai, hanno tentato di tirare fuori il veicolo, richiedendo anche l’ausilio di un’automobile per trainarlo. A tal proposito, è intervenuto anche il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, ecco le sue dichiarazioni:

Incredibile. Invece di tutelare il nostro patrimonio storico, lo distruggiamo. Chiediamo di conoscere l’entità dei danni, se sono previsti interventi di restauro in tempi brevi e soprattutto di verificare le responsabilità dell’accaduto. È possibile mai che ad un mezzo così pesante, fosse consentito di accedere ai locali? Vogliamo risposte”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante