Resta sintonizzato

Attualità

“Non respiro, ti voglio bene”. Le ultime parole della piccola Malak e la richiesta di giustizia del padre

Pubblicato

il

Non respiro, ti voglio bene!“. Sono state queste le ultime parole della 14enne Malak, morta tra le braccia del papà disperatissimo.

Ed è proprio il papà, oggi, a chiedere giustizia perchè è troppo ingiusto che quell’albero si sia abbattuto proprio sulla loro tenda, quella in cui dormivano le due sorelline.

Ho visto le mie due figlie sdraiate sul lettino dell’obitorio una accanto all’altra: sembravano due angeli addormentati. Io lo so, andranno sicuramente in paradiso. Ma intanto spero che qui sulla terra sia fatta giustizia, perché quell’albero non doveva cadere addosso a loro. Era tutto marcio e doveva essere tagliato prima. Io non voglio accusare nessuno, ci sono le indagini per questo. Chiedo solo giustizia e verità”. Queste le parole di Licham Lassiri, il papà che ha perso le due figlie mentre erano in vacanza.

Nell’intervista riportata su “La Stampa” ha raccontato anche gli attimi in cui il suo mondo è crollato: “Ci ha svegliato il rumore del vento. Un boato. Dopo pochi secondi è caduto l’albero. Jannat, la piccolina, non la vedevo. Mi sono avvicinato a Malak che aveva un taglio sulla fronte e mi diceva ‘Papà non riesco a respirare, non ce la faccio’. Io le ho risposto: ‘Non mi lasciare, ti prego non mi lasciare’ ma lei mi ha guardato e ha detto ‘Non posso. Vi voglio bene’. Queste sono state le sue ultime parole. Poi è svenuta e non si è più svegliata”.

Lassiri ha spiegato anche di non sentirsela “di tornare al campeggio e vedere i giochi e i vestiti sparpagliati delle bambine. Ci sono tornato domenica pomeriggio per riprendere mio figlio che avevamo lasciato lì in compagnia mentre io e mia moglie eravamo all’ospedale. Siamo arrivati alle 4 e ho visto che stavano tagliando alcuni alberi. Allora mi chiedo: forse quegli alberi andavano tagliati prima? Forse anche l’albero che è caduto addosso alle mie figlie andava tagliato prima? Non c’è stata una tromba d’aria, solo un vento forte. Spero che si scopra la verità. Ora io mi domando: si può morire per un albero?“.

Perchè giustizia sia fatta e per capire lo stato di quell’albero, dalla procura è stato conferito l’incarico formale a un agronomo forestale per una perizia.

Quest’ultima servirà per definire “le condizioni dell’albero e se era prevedibile o meno che potesse cadere in caso di maltempo“, ha specificato il procuratore capo di Massa Carrara Piero Capizzoto.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Si introducono abusivamente a bordo di uno yacht, consumando cibo e bevande: due giovani nei guai

Pubblicato

il

Nella mattinata di ieri, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, sono intervenuti al molo Luise in via Mergellina, per la segnalazione di alcune persone che si erano introdotte abusivamente a bordo di uno yacht. I poliziotti, una volta giunti sul posto, sono stati avvicinati dal capitano dell’imbarcazione il quale, ha riferito di alcuni ragazzi saliti a bordo senza permesso e che hanno anche consumato cibi e bevande, lasciando briciole, cenere e mozziconi di sigarette a prua, danneggiando inoltre, in vari punti, la zona del tetto. Tuttavia, grazie alle informazioni fornitegli, gli agenti, sono riusciti a rintracciare due giovani romani di 17 e 20 anni, già noti alle forze dell’ordine, che li hanno denunciati per violazione di domicilio.

Continua a leggere

Attualità

Napoli, scippo a Corso Umberto: due giovani rubano il cellulare ad una ragazza

Pubblicato

il

Nella serata di ieri, i Falchi della Squadra Mobile di Napoli, nel transitare in Corso Umberto, hanno sorpreso due giovani a bordo di uno scooter, mentre rubavano un cellulare dalle mani di una ragazza, dandosi poi alla fuga. Da qui, l’inseguimento, che ha visto i poliziotti riuscire a bloccarli in via Pietro Colletta, trovandoli in possesso del telefonino appena scippato. Pertanto, i due, entrambi napoletani di 18 anni, sono stati arrestati per furto con strappo e sanzionati per mancato utilizzo del casco protettivo; inoltre, il conducente, è stato sanzionato per guida senza patente poiché mai conseguita e il motociclo, è stato sequestrato.

Continua a leggere

Attualità

Grecia, violenta scossa di terremoto 6.1 sull’isola di Creta: almeno un morto

Pubblicato

il

Una violenta scossa di terremoto di magnitudo 6.1 della scala Richter, è stata registrata sull’isola di Creta, in Grecia. Il sisma, è avvenuto intorno alle 8 di questa mattina e ha portato con sé una vittima. Si tratta di un operaio che stava lavorando all’interno di una chiesa, il cui tetto è crollato dopo la scossa. Sul posto, è arrivato il Ministro della Protezione Civile Christos Stylianidis, insieme ai Vigili del Fuoco che, hanno definito la situazione come ‘molto difficile’, visto che ci sono altre tre persone rimaste intrappolate all’interno delle loro case.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante