Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ospite alla festa annuale de “Il Fatto Quotidiano” è stato intervistato da Peter Gomez e Antonio Padellaro.

Ad aprire l’intervista è il Direttore Gomez e la prima domanda riguarda la situazione di Silvio Berlusconi, ricoverato dopo essere risultato positivo al Coronavirus.

Conte risponde “L’ho chiamato io la sera in cui ho saputo che aveva contratto il virus. E’ stata una breve telefonata in quanto ho disturbato durante l’orario di cena e ovviamente gli ho rappresentato i migliori auguri di pronta guarigione“.

Continuando “Io credo nelle mie regole non scritte: quando una persona è ricoverata ci si astiene da valutazioni personali. De Benedetti ha espresso anche un giudizio negativo nei miei confronti. Lui è un imprenditore, come qualsiasi cittadino privato è giusto che esprima anche critiche molto aspre al Presidente del Consiglio in carica. Il Presidente del Consiglio in carica si astiene dall’esprimere un giudizio sulle sue qualità imprenditoriali“.

La discussione poi si snoda sui verbali del comitato tecnico scientifico, ad intervenire questa volta è Padellaro: “Ci sono degli omissis. Cosa riguardano? Resteranno tali? Il 9 marzo lei ha proclamato il lockdown, la curiosità è di capire bene, questa decisione l’ha presa consultandosi con chi? Quale era il suo stato d’animo?“.

Il Premier risponde “Per quanto riguarda i verbali ho sempre detto sin dall’inizio questo Governo gestirà questa fase molto critica del nostro Paese, questa pandemia, avendo ben chiari alcuni valori e alcuni principi. Tra essi vi è quello di trasparenza. Il fatto che i verbali siano rimasti riservati sin qui non significa che siano stati mai secretati. Tant’è vero che adesso li abbiamo resi tutti pubblici. Quindi tutti i cittadini potranno verificare ciò che ritenevano gli esperti e ciò che abbiamo deciso noi“.

Continuando “Sono rimasti riservati perchè quando si prendono decisioni molto importanti che hanno un impatto in termini di ordine pubblico, di allarmi sociali, è bene che si lavori in modo riservato, ma non segreto. Gli omissis, quando ci sono, è per privacy, si tratta di nominativi ma è stato un fatto tecnico che hanno gestito gli uffici, non io“.

Per quanto riguarda il lockdown, il giorno 8 viene pubblicato in gazzetta il D.P.C.M. che io firmo la sera del 7 alle 2 di notte, che dispone il lockdown della Lombardia e delle varie province collegate, quelle del Nord in cui veramente la situazione era drammatica. Purtroppo c’è stata una fuga di notizie nei lavori, ricordo che nonostante il D.P.C.M. mi venga attribuito è controfirmato da vari ministri competenti e acquisisce il parere dei rappresentanti degli enti locali. Quindi i soggetti coinvolti sono tantissimi: ci fu una fuga di notizie che determinarono gli spostamenti. Questo determinò in poche ore una completa alterazione della curva epidemiologica, dopodichè a distanza di 24 ore, consultandoci anche con i Presidenti delle Regioni del Centro e del Sud, si decise il lockdown totale. Il giorno 10 il C.P.S. si riunisce e formalizza nella piena condivisione di questa decisione” ha spiegato poi il Presidente.

Continuando “Quasi tutte le decisioni le ho prese anche con i capi dell’opposizione ed il Presidente della Repubblica. Quando si parla di opposizione si parla di un Centrodestra con tre partiti che hanno ovviamente dei caratteri e dei temperamenti diversi. Con Forza Italia il dialogo è costante, molto istituzionale, molto nel rispetto dei ruoli. Con Giorgia Meloni anche. Con Salvini ho qualche difficoltà perchè quando gli lascio un messaggio non vengo richiamato“.

Interviene poi Gomez: “C’è una cosa che io non ho capito. Il 3 marzo il comitato interviene e propone di fare la famosa zona rossa. Poi lei dice in un’intervista che la sera del 5 lei viene a conoscenza dei fatti e conferma l’opportunità della zona rossa. Intanto si erano già schierati i militari. Poi leggo sui giornali che lei spiegherà ai magistrati che lei quel comitato non l’ha mai letto. Giusto per la storia, come sono andate le cose?

Conte risponde “In realtà io non ho mai rivisto le mie dichiarazioni. All’intervista de ‘Il Fatto’ che lei ha citato io ho dichiarato un fatto storico: il verbale del c.t.s del 3 marzo, non ho detto l’ho letto, l’ho ricevuto. Quel verbale è stato comunicato al Ministro Speranza che ha nominato i componenti e ha lavorato con essi. Dopodichè il giorno 4 Speranza si reca in Lombardia, incontra Fontana e Gallera ed acquisisce ulteriori informazioni. Il giorno 5 al Consiglio dei Ministri parliamo e mi riferisce dei contenuti di questo c.t.s. Lo stesso giorno questo documento viene trasmesso al Segretario Generale di Palazzo Chigi. A me non è stato direttamente trasmesso”.

Spiegando “Ne discutiamo, anche con la Ministra Lamorgese, e nasce l’esigenza perchè comunque eravamo fuori dai focolai iniziali, c’era già una diffusione del contagio in Lombardia e non solo. Ecco perchè nasce l’esigenza di un approfondimento. Il professor Brusaferro fa un parere che completa la notte del 5. Speranza doveva andare a Bruxelles per incontrarsi con gli altri Ministri e così dico che vado io personalmente al C.t.s. e incontro gli esperti e risolviamo la situazione, avendo già disposto lo strumento normativo per cinturare le zone di Alzano e Nembro“.

L’esigenza più importante che maturai io stesso sin dall’inizio era che per gestire questa pandemia occorreva capire e confrontarsi direttamente. Arrivano i dati del 5 del contagio e gli esperti decidono di impoorre la zona rossa a tutta la Lombardia. Loro tornano a riunirsi il 6 ed il 7 arriva il verbale per il lockdown in Lombardia” ha precisato il Presidente del Consiglio.

Se ragioniamo di opinioni, se chiudiamo ‘perchè chiudiamo?’ se teniamo aperto ‘perchè teniamo aperto?’ diciamo che il Governo nel confronto con gli esperti maturò la convinzioni che la zona rossa iniziale fosse per isolare la diffusione del contagio ma intanto poi le cose peggiorarono“.

La discussione prosegue poi parlando della situazione attuale “Ieri è stata data notizia di un record storico del numero dei contagiati. Questo è succeso perchè c’è stato anche un corrispondente record del numero dei tamponi. Non mi risulta che altri paesi siano giunti a questa soglia. In questo momento il numero dei contagi è cresciuto, è l’effetto, dicono gli esperti, dei contagi agostani. Gli italiani ancora una volta sono stati responsabili e disciplinati. Il percorso che abbiamo in mente è di implementare il numero dei controlli. Dobbiamo predisporci poi per interventi mirati“.

Noi abbiamo un sistema di monitoraggio molto sofisticato elaborato sulla base di 21 parametri e abbiamo la possibilità con questo sistema di conoscere non solo l’andamento della curva ma anche la soglia di criticità. Aggionando questo sistema, se proprio andrà male, saremo nella condizione di dover intervenire in modo mirato per misure molto circoscritte sul piano territoriale” ha spiegato il capo del Governo.

In merito al vaccino spiega “Sicuramente stiamo incrementando notevolmente i test che costano e devono essere accessibili a tutti. Abbiamo investito molti miliardi per la ricerca del vaccino. L’Italia è tra i primi paesi al mondo che sta partecipando ai più significativi progetti di ricerca. Quello che in questo momento è forse in fase più avanzata è quello dell’Università di Oxford è una delle ricerchè più accreditate e l’Italia come altri paesi ha sponsorizzato questa ricerca. Abbiamo fatto in modo che anche gli altri cittadini europei ne abbiano disponibilità“.

Stiamo finanziando queste ricerche e le abbiamo già finanziate, per quanto riguarda il Mes non bisogna pensare che chiedendo 36/38 miliardi verranno investiti nella sanità perchè se così fosse i nostri conti e la nostra finanza pubblica andrebbe a rotoli. Se avremo bisogno di ulteriori finanze andrò in parlamento e decideremo” ha spiegato Conte in merito al Mes.

L’intervista prosegue poi con un argomento alquanto ‘scottante’, quello della controversa riapertura delle scuole, in merito alla quale il Presidente del Consiglio sostiene “Il 14 settembre molte scuole riapriranno. Alcune Regioni hanno deciso di ritardare questo inizio. Andrà male cosa significa? Ci sarà qualche caso positivo? Diamolo per scontato. Abbiamo predisposto un meccanismo, linee guida, se necessario arriveremo ad una quarantena per tutta la classe. Se lavoreranno con la didattica a distanza non vuol dire che il Governo abbia lavorato male“.

Continuando “Il problema più grosso con cui ci stiamo confrontando è il distanziamento. Abbiamo investito da gennaio a oggi 7 miliardi nella scuola, una parte degli interventi è destinato all’edilizia scolastica per consentire il distanziamento. Stiamo monitornado scuola per scuola, aula per aula. E’ un grande sforzo collettivo. In più il Governo garantirà, unico in Europa, 11 milioni di mascherine distribuite gratuitamente a tutto il personale della scuola e a tutti i ragazzi“.

Per quanto riguarda il Referendum Conte sostiene “Questa è una Riforma Costituzionale che è stata votata dalla stragrande maggioranza parlamentare. Si tratta solo che ciascun cittadino esprimerà la propria opinione. Il Presidente del Consiglio rimane un libero cittadino che va a votare e l’opinione è che se si passa da 945 a 600 parlamentari, non si compromette la funzionalità del Parlamento. Io credo che coloro che saranno eletti con le nuove regole sentiranno ancora di più la responsabilità del proprio ruolo“.

In merito alla riapertura degli stadi il Presidente è molto diretto: “La pandemia è ancora in corso. So che ci sono persone che pensano che la pandemia non esista alle quali rispondiamo con i numeri. Per quanto riguarda gli stadi se dobbiamo convivere con la pandemia dobbiamo privilegiare le attività più importanti come la scuola. Ecco perchè il Governo, contrariamente a quanto si è detto, non ha mai aperto le discoteche. Le Regioni, nell’ambito dei loro poteri, hanno consentito l’apertura. Per quanto mi riguarda con la presenza allo stadio dove ci si siede vicini e si entra e si esce tutti insieme, l’apertura è impossibile al momento“.

Riguardo alle discoteche il problema non è stato che le regioni non abbiano adottato protocolli di sicurezza ma che concretamente è difficile rispettarli“continua il Presidente.

Continuando poi a parlare della possibile riforma in Parlamento “Auspico che si pervenga presto a una legge elettorale come quella che è stata frutto dell’accordo di maggioranza perchè bisogna introdurre una soglia di sbarraento, bisogna adattare il meccanismo della legge elettorale a quello che potrebbe essere il contesto dopo il referendum. Ogni sistema ha dei pro e dei contro. Il principio però a me piace: i cittadini scelgono direttamente chi inviare in Parlamento“.

Continuando “Io ho un’abitudine da quando mi sono insediato: faccio incontri istituzionali. E’ chiaro che con 209 miliardi può esserci la tentazione, non me ne occupo io perchè il lavoro di 209 miliardi è ai piani e ai progetti, lo sento, ci sono dei contesti di potentati che potrebbero avere molto da suggerire per la spesa dei 209 miliardi. Draghi è una persona di valore, quando c’è stata la formazione europea e si lavorò per formare la squadra, tra le candidature successive, io stesso ho proposto Draghi come Presidente della Commissione Europea ma non l’ho mai detto. Così diradiamo tutti gli equivoci. L’ho incontrato perchè non volevo spendere il suo nome invano. Mi disse che era stanco dell’esperienza fatta, voleva riposarsi, e non si sentiva disponibile per questo incarico“.

In merito alle prossime elezioni regionali, il Presidente del Consiglio parla poi del suo appello: “E’ stato un appello al dialogo tra forze di maggioranza, si auspica quindi una continuità di questo dialogo anche a livello territoriale. Bisogna avere il coraggio di poter cambiare opinione dopo un franco confronto. Le forze di maggioranza è chiaro che siano in difficoltà in questa competizione elettorale. Ma è ovvio. Abbiamo un Centrodestra che si presenta unito e che riesce a farsi trovare puntuale agli appuntamenti elettorali mentre abbiamo forze che sostengono il Governo che viaggiano in ordine sparso. E’ una lotta impari. Io ritengo che non avrà un’incidenza sul Governo“.

Riguardo poi alla collaborazione con la Lega il Presidente del Consiglio chiarisce “Il Governo con la Lega, non essendoci alternative (il PD non si era reso disponibile), è stata l’unica soluzione in quel contesto per consentire di interpretare la voglia di cambiamento che i cittadini italiani avevano espresso. Oggi, questo Conte 2, si è sviluppato nell’ambito di un contesto ben differente, sensibilità differenti. Io ho contribuito personalmente a definire quel programma, lo sento molto più mio. Non è più un contratto che cerca di mettere insieme istanze, anche differenti, di due forze politiche“.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.