Resta sintonizzato

Attualità

Napoli. Sequestrati due stabilimenti balneari a “Marechiaro”

Pubblicato

il

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sottoposto a sequestro, sullo scoglio di Marechiaro, numerose attrezzature balneari utilizzate da due soggetti di nazionalità italiana che occupavano abusivamente un’area demaniale marittima esercitando di fatto attività di noleggio di lettini e sedie.

In particolare, le Fiamme Gialle del 1° Nucleo Operativo Metropolitano di Napoli, con l’ausilio della Stazione Navale, nel corso dell’accesso sullo scoglio, raggiungibile solo via mare, hanno riscontrato che gli stabilimenti balneari stessero operando senza alcun tipo di autorizzazione e concessione ed hanno provveduto a sottoporre a sequestro 240 lettini e oltre 50 sedie depositate sugli scogli.

Inoltre, presso il luogo di partenza delle c.d. “navette” da e verso gli stabilimenti abusivi, sono stati scoperti due lavoratori “in nero” che svolgevano anch’essi illecitamente attività di trasporto marittimo di alcuni bagnanti.

Nei confronti del datore di lavoro dei barcaioli è stata richiesta la sospensione dell’attività commerciale e proposta la c.d. “maxisanzione”, che va da 1.800 a 10.800 euro per ciascun dipendente non in regola.

Sono state poi elevate sanzioni, fino ad un massimo di 11.000 euro, per le due imbarcazioni che effettuavano senza autorizzazione il trasporto di persone a
pagamento.

I titolari del lido sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria e dovranno rispondere di occupazione abusiva di spazio demaniale, ai sensi del Codice della Navigazione, mentre sono in corso approfondimenti per valutare l’entità dell’evasione fiscale.

L’intervento, che rientra nell’ambito dell’intensificazione dell’azione di contrasto all’economia illegale e sommersa sul finire della stagione estiva, testimonia l’impegno della Guardia di Finanza di Napoli nell’arginare comportamenti illeciti sull’utilizzo del pubblico demanio marittimo, che rischia di creare situazioni di sopruso su alcuni cittadini e bagnanti costituendo, altresì, una forma di concorrenza sleale nei confronti degli operatori del
settore che rispettano le regole.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Napoli. Rissa nella zona della movida napoletana. Ferito un 16enne è grave

Pubblicato

il

Rissa nella zona della movida di Napoli. Un minorenne è stato ferito a Napoli nella serata di ieri con colpi di coltello da un coetaneo. Il ragazzo, 16 anni, non è in pericolo di vita.

Il fatto è accaduto in Via Arcoleo intorno alle 23 in prossimità della zona del Lungomare in una delle aree della movida.


Secondo quanto riferito dalla polizia all’origine dell’accoltellamento vi sono futili motivi. Il responsabile è stato identificato dagli agenti: è un 17enne.


Ha colpito il 16enne al braccio e al fianco sinistro. Il ferito è stato portato nell’ospedale Pellegrini dove è ricoverato in attesa di ulteriori accertamenti

Continua a leggere

Attualità

Covid. I dati dei contagi delle ultime 24 ore

Pubblicato

il

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 10.176 nuovi casi di coronavirus a fronte di 338.436 tamponi effettuati (venerdì erano stati segnalati 10.554 casi su 328.612 test). Il tasso di positività si attesta al 3%, in calo rispetto al 3,2% del giorno precedente. I decessi sono stati 224, contro i 207 di venerdì. Guarite 17.394 persone.

Continua a leggere

Attualità

NAPOLI. Chiudono i centri vaccinali di Capodichino e della Mostra d’Oltremare: ecco quando riapriranno

Pubblicato

il

Lunedì, martedì e mercoledì mattina saranno chiusi i due centri vaccinali più grandi dell’Asl Napoli1, quello dell’hangar di Capodichino e quello della Mostra d’Oltremare, che apriranno quindi mercoledì pomeriggio.

Come aveva già annunciato il Presidente De Luca, i due centri vaccinali hanno praticamente finito le dosi di Pfizer a disposizione e bisognerà attendere mercoledì mattina con 214.000 dosi in arrivo, circa 11.000 in più del previsto, come già la scorsa settimana, nell’ambito del piano di recupero delle 200.000 dosi mancanti alla Campania.

Da lunedì lavoreranno i centri di Museo Madre, Fagianeria di Capodimonte e Stazione Marittima.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante