Resta sintonizzato

Attualità

“La solitudine ammazza le persone!”. La commovente lettera di un 76enne in cerca di compagnia

Pubblicato

il

Nessuno si salva da solo” è il titolo di un celebre libro di Margaret Mazzantini, dal quale è stato poi tratto un film, omonimo, ad opera di Sergio Castellitto, ed è proprio vero: “nessuno ha più il coraggio di fare la cosa più semplice, mettere a fuoco la propria vita. Quello che gli uomini hanno fatto da sempre come unica via possibile, lottando, rischiando tutto, a noi sembra una fatica inutile“.

E’ una fatica inutile chiedere aiuto? Sentirsi soli o magari trovare la forza di urlare al mondo che si ha bisogno di qualcuno con cui semplicemente parlare? A volte i più forti si rivelano essere proprio coloro che all’apparenza sono più deboli: è realmente forte solo chi è in grado di accettare e condividere le proprie debolezze.

E così, per un bisogno d’amore, di compagnia o semplicemente di condivisione che un anziano signore di 76 anni ha trovato la forza di scrivere una lettera e lasciarla in un’aiuola, magari proprio lì dove è solito sedersi tutti i pomeriggi tra tante persone, perchè a volte, o meglio spesso, si è soli anche quando si è tra tanta gente.

Ho 76 anni, sono vedovo e vivo da solo. Sono privo di amicizie, cerco signora anziana che come me si sente sola, perchè la solitudine ammazza le persone” ha scritto l’anonimo signore, affidando le sue parole ad un’aiuola di via Scarlatti al Vomero.

Lo scopo di questa lettera è poter comunicare con qualcuno e sentirci meno soli per cui se sei nella mia condizione, non esitare a chiamarmi” ha concluso teneramente il 76enne, lasciando timidamente il suo numero di telefono in fondo alla lettera.

Ma com’è possibile che nell’era dei “social” ci sia carenza di comunicazione? Sarà che a volte basterebbe semplicemente una telefonata per essere meno soli, qualche parola buttata giù tanto per “compagnia”, basterebbe semplicemente essere meno superficiali e rendersi conto che in un mondo “social” forse si sono perse le piccole cose, quelle fondamentali come l’essere cordiali, spontanei e soprattutto l’accorgersi di chi ci cammina accanto piuttosto che focalizzare l’attenzione su una foto di qualcuno, scattata a kilometri di distanza e che magari non si conosce neppure.

 

 

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Napoli. Rissa nella zona della movida napoletana. Ferito un 16enne è grave

Pubblicato

il

Rissa nella zona della movida di Napoli. Un minorenne è stato ferito a Napoli nella serata di ieri con colpi di coltello da un coetaneo. Il ragazzo, 16 anni, non è in pericolo di vita.

Il fatto è accaduto in Via Arcoleo intorno alle 23 in prossimità della zona del Lungomare in una delle aree della movida.


Secondo quanto riferito dalla polizia all’origine dell’accoltellamento vi sono futili motivi. Il responsabile è stato identificato dagli agenti: è un 17enne.


Ha colpito il 16enne al braccio e al fianco sinistro. Il ferito è stato portato nell’ospedale Pellegrini dove è ricoverato in attesa di ulteriori accertamenti

Continua a leggere

Attualità

Covid. I dati dei contagi delle ultime 24 ore

Pubblicato

il

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 10.176 nuovi casi di coronavirus a fronte di 338.436 tamponi effettuati (venerdì erano stati segnalati 10.554 casi su 328.612 test). Il tasso di positività si attesta al 3%, in calo rispetto al 3,2% del giorno precedente. I decessi sono stati 224, contro i 207 di venerdì. Guarite 17.394 persone.

Continua a leggere

Attualità

NAPOLI. Chiudono i centri vaccinali di Capodichino e della Mostra d’Oltremare: ecco quando riapriranno

Pubblicato

il

Lunedì, martedì e mercoledì mattina saranno chiusi i due centri vaccinali più grandi dell’Asl Napoli1, quello dell’hangar di Capodichino e quello della Mostra d’Oltremare, che apriranno quindi mercoledì pomeriggio.

Come aveva già annunciato il Presidente De Luca, i due centri vaccinali hanno praticamente finito le dosi di Pfizer a disposizione e bisognerà attendere mercoledì mattina con 214.000 dosi in arrivo, circa 11.000 in più del previsto, come già la scorsa settimana, nell’ambito del piano di recupero delle 200.000 dosi mancanti alla Campania.

Da lunedì lavoreranno i centri di Museo Madre, Fagianeria di Capodimonte e Stazione Marittima.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante