Resta sintonizzato

Attualità

Lite tra vicini finita male: è caccia all’assassino

Pubblicato

il

Simone Cogoni, allevatore 44enne, è stato ucciso la notte scorsa con un colpo di fucile al petto a Solemis, in provincia di Cagliari.

Il delitto sarebbe avvenuto lungo la strada comunale per Monte Arrubiu.

Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri intervenuti sul posto, sembra che l’omicidio sarebbe avvenuto al termine di una lite per futili motivi di vicinato.

Il killer è fuggito e ha fatto perdere le sue tracce ma i carabinieri lo stanno cercando setacciando tutta la zona.

I due avrebbero litigato per problemi di vicinato e non sarebbe stata nemmeno la prima volta.

Questa volta però la discussione è degenerata tanto che l’assassino ha imbracciato un fucile e ha esploso un colpo che ha centrato al petto il 44enne.

Sul posto sono giunti i carabinieri della Compagnia di Dolianova e del Nucleo investigativo del Comando Provinciale di Cagliari e un’ambulanza del 118 che ha trasportato il ferito in ospedale: era ancora vivo quando lo hanno trovato, ma è morto un’ora dopo.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Strage sul litorale di Roma: killer muore suicida nella sua abitazione

Pubblicato

il

Trovato morto poco fa nella sua abitazione, l’uomo che questa mattina, ha ucciso un anziano e due bambini, ad Ardea, vicino Roma. Il killer, 34 anni, si era barricato in casa dopo l’omicidio. Pare che nonostante le insistenze delle forze dell’ordine, non volesse uscire di casa, minacciando di sparare chiunque si fosse avvicinato a lui. Dopo una lunga trattativa, le forze speciali dei carabinieri, hanno fatto irruzione in casa trovandolo morto. Secondo le prime informazioni, l’uomo, si sarebbe suicidato con un colpo alla testa.

Continua a leggere

Attualità

Campania, parla De Luca: “Contrario al mix di vaccini. Stop ad AstraZeneca”

Pubblicato

il

Nella giornata di ieri, il Comitato Tecnico-Scientifico, aveva raccomandato lo stop ad AstraZeneca per gli over 60 e predisposto una vaccinazione eterologa, vale a dire con un vaccino diverso da quello somministrato nella prima dose qualora la stessa, fosse stata con AstraZeneca. Pare che proprio quest’aspetto, non convinca pienamente Vincenzo De Luca. il quale ha voluto dire la sua sulla questione:

Le vicende degli ultimi giorni relative all’uso del vaccino Astrazeneca, cambiano in modo radicale il livello di fiducia, le sensibilità e la stessa disponibilità dei cittadini in relazione alla campagna vaccinale. Occorre dunque, ricostruire il rapporto di fiducia verso lo Stato, oggi fortemente compromesso. A tal fine, sarebbe irresponsabile ogni atteggiamento di minimizzazione dei problemi. La realtà, è che da oggi, cambia completamente la programmazione vaccinale. E’ indispensabile, allora, una radicale semplificazione. Si chiariscano i ruoli. Si riconduca la funzione del Commissario a un lavoro esclusivamente tecnico-operativo, relativo alla distribuzione dei vaccini”.

Si riconduca la comunicazione medico-scientifica al solo Ministero della Salute, che deve assumersi la responsabilità di fornire gli orientamenti, facendo parlare una sola persona incardinata nel ministero stesso. Davvero il livello di confusione esistente, rischia di pregiudicare lo stesso prosieguo della campagna vaccinale”. Pertanto, la Regione Campania, ritiene necessario fare scelte chiare.

1) Da oggi, non somministreremo più dosi di vaccino a vettori virali, a nessuna fascia di età.
2) Prosegue la vaccinazione di massa con vaccini Pfizer e Moderna.
3) Chi ha fatto la prima dose di Astrazeneca sopra i 60 anni, può completare il ciclo con una seconda dose Astrazeneca.
4) Per i soggetti sotto i 60 anni (tranne che per chi è alla dodicesima settimana) non si procede alla somministrazione di vaccini diversi dalla prima dose, sulla base di preoccupazioni scientifiche che invieremo al Governo, e rispetto alle quali sollecitiamo risposte di merito, in mancanza delle quali, manterremo la nostra linea di rifiuto del mix vaccinale
“.

Continua a leggere

Attualità

Estero. Pescatore inghiottito da una balena, salvato da un colpo di tosse

Pubblicato

il

Un colpo di tosse che ti salva la vita. Questo quanto accaduto ad un pescatore professionista del Massachusetts, il quale è stato inghiottito da una balenottera azzurra, per poi essere letteralmente sputato dal mammifero che ha tossito.

All’improvviso ho sentito una spinta e un secondo dopo era tutto nero: ero interamente all’interno della balena. Ho pensato che sarei morto”. Questo quanto dichiarato da Micheal Packard dopo l’incidente.


   

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante