Solo grazie al senso del dovere dei Presidenti dei seggi elettorali, oggi ad Arzano è possibile votare.

Sì, perché l’organizzazione comunale è letteralmente implosa: requisite le scuole, messe le indicazioni fuori alle porte, finito il lavoro. Tutto il necessario per la tornata elettorale è rimasto nella sede di via Pecchia: registri, schede, liste, verbali, urne, matite, tutto, proprio tutto giaceva alla bella e meglio nei corridoi dell’ufficio elettorale.

Ovviamente, ci si chiede come mai? Chi tra i dipendenti comunali aveva il dovere di predisporre il lavoro e non l’ha fatto pur incassando lo straordinario elettorale? Dove era il Segretario comunale, l’ennesimo sostituto, e cosa ha fatto da quando è arrivato ad Arzano?
E i Commissari cosa sovrintendono se neppure riescono a far funzionare un meccanismo più che collaudato?

Insomma, dopo una lunga fila, ogni Presidente ha ritirato il materiale del proprio seggio sostituendosi allo Stato.

Grazie Presidenti!

      FillyFilandica

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.