Resta sintonizzato

Attualità

La Malasanità. Bimba di 18 mesi, con febbre alta, lasciata in macchina per 8 ore in attesa del tampone

Pubblicato

il

I bambini andrebbero curati e tutelati per la loro fragilità e proprio per quest’ultima in ospedale andrebbe data loro assoluta priorità.

Purtroppo, nel nostro Paese, lì dove tutto è lasciato il balìa del più totale caos, anche la Sanità che in questo periodo dovrebbe essere più efficiente che mai, si trasforma in “Malasanità”, causando problemi soprattutto ai più fragili e ai più piccoli.

E’ così che a Palermo una bambina di soli 18 mesi, che da giorni aveva la febbre alta, è stata lasciata in auto in  attesa dei risultati del tampone per ben otto ore.

La piccola da giorni aveva la febbre a 38.5 e così la mamma, Roberta Sorgi, che ha denuniato quanto accaduto, ha deciso di portarla in ospedale. Giunta all’Ospedale “Bambini” di Palermo, avendo una temperatura alta, la piccola necessitava di un ricovero.

Mia figlia aveva la temperatura a 38.5° da quattro giorni e si è reso necessario il ricovero. Prima però il medico di turno nella tenda triage, posizionata all’ingresso dell’ospedale, ha fatto il tampone a entrambe e quindi siamo state invitate a spostarci in una saletta attigua destinata proprio a questo scopo” ha raccontato la donna che tra l’altro è anche un avvocato.

Spiegando poi che “Dal Cervello è arrivato un bambino sospetto Covid e per precauzione ci hanno fatto uscire dall’area grigia. Siccome non c’erano altri posti dove poter attendere, ci siamo sistemate in auto con la promessa che l’esito del test sarebbe stato consegnato entro un paio d’ore. E invece dalle 14.30 sono rimasta in macchina fino alle 22.30 con la bambina in quelle condizioni. Alla fine, per fortuna, il tampone è stato consegnato ed era negativo e siamo entrate in reparto. Ma forse chi è al vertice non ha una percezione di ciò che accade realmente”.

Per fortuna alla fine la vicenda si è conclusa positivamente e la piccola è stata sottoposta alle cure di cui necessitava ma chissà quante altre mamme hanno dovuto attendere tante ore in condizioni simili e non hanno avuto neppure il coraggio di denunciare l’accaduto come ha invece fatto mamma Roberta.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

I crimini ambientali nell’Unione Europea: una minaccia per l’ecosistema e la società

Pubblicato

il

UNIONE EUROPEA – I crimini ambientali sono una delle maggiori minacce non solo per gli ecosistemi e le specie protette, ma anche per la nostra economia e la nostra società. Danneggiano le attività economiche, l’integrità dei territori e delle comunità che vi abitano, minacciando l’esistenza stessa di habitat già fragili.

Nonostante l’Unione Europea sia una delle principali destinazioni e snodi di transito per il commercio illegale legato ai crimini ambientali e una regione soggetta ad un incremento dei crimini ambientali all’interno del suo territorio, la mancanza di attenzione da parte dei responsabili politici e della autorità di enforcement, unitariamente ad un’azione efficace, coerente e integrata, rappresentano i due principali ostacoli per il debellamento del fenomeno.

Il fattore che maggiormente impedisce di contrastare i crimini ambientali è la mancanza di una definizione condivisa: non esiste una delimitazione esaustiva di cosa siano i crimini ambientali, né a livello globale ed europeo, né, nella maggior parte dei casi, a livello nazionale. E, quindi, i provvedimenti amministrativi per contenere azioni illegali risultano limitate nella loro efficacia.

Ogni Paese adotta sistemi di diritto diversi sul tema (alcuni propri del ramo amministrativo, altri del settore penale), e perciò spesso uno stesso reato viene punito in modo significativamente diverso da un Paese all’altro. È anche difficile collegare il reato a chi lo ha commesso, perché i reati avvengono su terreni privati o aree montane, e a questo si aggiunge una natura spesso transnazionale del reato.

Continua a leggere

Attualità

Capri e Anacapri: visita del Generale di Corpo d’Armata Andrea Rispoli

Pubblicato

il

CAPRI (NA) – Il Generale di Corpo d’Armata Andrea Rispoli, Comandante Interregionale Carabinieri “Ogaden”, competente nelle regioni Campania, Basilicata, Puglia, Abruzzo e Molise, ha visitato le Stazioni Carabinieri di Capri e Anacapri, incontrando i militari in servizio nell’isola.

Il Generale ha avuto modo di apprezzare l’importante lavoro svolto dai Carabinieri dei due reparti per garantire la sicurezza in tutte le sue declinazioni dei cittadini e dei numerosi turisti presenti in questo periodo estivo.

Il Comandante di vertice ha ricordato l’importanza di continuare a svolgere il servizio istituzionale con determinazione, impegno e costante vicinanza alla popolazione, per perseguire la legalità e fornire costante supporto in caso di bisogno e difficoltà.

Continua a leggere

Attualità

Covid, Campania: il bollettino di oggi, 11 giugno 2022

Pubblicato

il

CAMPANIA – Questo il bollettino di oggi diramato dall’unità di crisi della Regione Campania contenente i dati della pandemia da Covid-19 sul territorio regionale (dati aggiornati alle 23.59 di ieri).

Positivi del giorno: 2.571

di cui:

Positivi all’antigenico: 2.442

Positivi al molecolare: 129

Test: 14.621

di cui:

Antigenici: 11.909

Molecolari: 2.712

​Deceduti: 4*

(*) nelle ultime 48 ore; 2 deceduti in precedenza ma registrati ieri

Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 575

Posti letto di terapia intensiva occupati: 25

Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (*)

Posti letto di degenza occupati: 468

(*) Posti letto Covid e Offerta privata.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante