Resta sintonizzato

Cronaca

Sciolto il Comune di Sant’Antimo. Incandidabili l’ex Sindaco Russo e l’Assessore Pedata

Pubblicato

il

Il Tribunale di Napoli Nord, su proposta del Ministero dell’Interno, ha dichiarato incandidabili l’ex Sindaco di Sant’Antimo Aurelio Russo ed l’Assessore appartenente alla sua giunta, Teresa Pedata. E’ stata invece “assolto” l’altro Assessore, Ivana Tarantino.

Il tribunale di Napoli Nord, accolto parzialmente il ricorso con decisione in camera di consiglio dello scorso 10 settembre, ha dichiarato «Aurelio Russo e Teresa Pedata incandidabili alle elezioni regionali, provinciali, comunali e circoscrizionali limitatamente al primo turno elettorale successivo allo scioglimento del Comune di Sant’Antimo e alla presente pronuncia».

E’ stato invece rigettato il ricorso nei confronti di Ivana Tarantino. L’ex sindaco e l’ex assessore Pedata dovranno invece effettuare anche il pagamento delle spese del giudizio.

L’ex Sindaco aveva già commentato in passato l’eventuale scioglimento del Comune di Sant’Antimo, asserendo «Ho già detto che, pur avendone la possibilità, non ricorrerò al Tar contro il provvedimento di scioglimento per infiltrazione del Consiglio Comunale. I motivi li ho già spiegati: la democrazia a Sant’Antimo è malata da vent’anni. Occorrono poteri straordinari per farla guarire, che un Sindaco di certo non ha. Due anni sono lunghi, i Commissari non possono limitarsi a fare gli Ispettori, oppure ridursi ad incutere paura ai cittadini ed agli impiegati: durante l’intervento di bonifica, c’è bisogno di “tenere vivo” il paziente. La città deve essere rianimata. In questo momento, dopo un anno di gestione commissariale, è moribonda»

I due Assessori, l’una incandidabile, l’altra invece no erano rispettivamente Teresa Pedata assessore all’Igiene Urbana della lista Insieme, incarico revocato dall’ex sindaco Russo nel marzo 2019 a seguito di dissapori ed Ivana Tarantino, eletta consigliera comunale nella lista civica Nuovo Pensiero a sostegno del candidato di centrodestra Corrado Chiariello, passò poi in maggioranza ed entrò in giunta nell’aprile del 2019 con le deleghe all’Igiene, Cimitero, Protezione Civile, Servizi Demografici e Pon.

I fatti hanno avuto inizio quando il Ministero dell’Interno, in seguito agli accertamenti effettuati dalla commissione d’accesso e quella straordinaria, sentito il prefetto di Napoli, decise di chiedere l’incandidabilità nei confronti dell’ex primo cittadino e di due esponenti della sua giunta rifacendosi al comma XI de D.lgs 267/2000.

Quest’ultimo, infatti, recita: “Fatta salva ogni altra misura interdittiva ed accessoria eventualmente prevista, gli amministratori responsabili delle condotte che hanno dato causa allo scioglimento di cui al presente articolo non possono essere candidati alle elezioni per la Camera dei deputati, per il Senato della Repubblica e per il Parlamento europeo nonché alle elezioni regionali, provinciali, comunali e circoscrizionali, in relazione ai due turni elettorali successivi allo scioglimento stesso, qualora la loro incandidabilità sia dichiarata con provvedimento definitivo. Ai fini della dichiarazione d’incandidabilità il Ministro dell’interno invia senza ritardo la proposta di scioglimento di cui al comma 4 al tribunale competente per territorio, che valuta la sussistenza degli elementi di cui al comma 1 con riferimento agli amministratori indicati nella proposta stessa”.

Cronaca

Mattarella ricorda Aldo Moro: presente in via Caetani a 43 anni dalla sua uccisione

Pubblicato

il

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, è intervenuto in Via Caetani per commemorare l’Onorevole Aldo Moro, deponendo una corona di fiori sotto la sua lapide in occasione del 43 esimo anniversario della sua uccisione. Lo stesso Mattarella, nel corso di un’intervista a La Repubblica, ha rilasciato queste dichiarazioni:

“Il terrorismo non è riuscito a realizzare l’ambizione di rappresentare una cesura, uno spartiacque nella storia d’Italia. Il disegno cinico di destabilizzare la giovane democrazia è stato isolato e cancellato”. Negli Anni di Piombo, è la statura della nostra democrazia, è la Repubblica ad aver prevalso contro l’eversione che aveva nel popolo il proprio nemico. Tuttavia, ci sono ancora ombre, spazi oscuri, complicità, non pienamente chiarite e l’esigenza di completa verità è molto sentita dai familiari. Ma è anche un’esigenza fondamentale per la Repubblica”.

Sono stati anni molto sofferti, in cui la tenuta istituzionale e sociale del nostro Paese, è stata messa a dura prova. Oltre quattrocento le vittime in Italia, di cui circa centosessanta per stragi. L’origine? Certamente non dalla contestazione del ’68, al contrario. Le stagioni delle lotte sindacali, come quelle delle manifestazioni studentesche, sviluppatesi alla fine degli anni ’60 del Novecento, hanno rappresentato forti stimoli allo sviluppo di modelli di vita ispirati a maggiore giustizia e coesione sociale. Il bersaglio era la giovane democrazia parlamentare, nata con la Costituzione repubblicana, per approdare a una dittatura, privando gli italiani delle libertà conquistate nella lotta di Liberazione. Esattamente il contrario di quanto proclamava il terrorismo rosso, quando parlava di Resistenza tradita”. E il terrorismo nero, è stato spesso strumento, più o meno consapevole, di trame oscure, che avevano l’obiettivo politico di rovesciare l’asse politico del Paese interrompendo il percorso democratico”.

Infine, ringrazia il Presidente Macron: “Con la sua decisione ha confermato amicizia per l’Italia e manifestato rispetto per la nostra democrazia. Mi auguro che possa avvenire lo stesso per quanti si sono sottratti alla giustizia italiana e vivono la loro latitanza in altri paesi”.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, muore Gennaro Morgese. Il ricordo di De Magistris: “Compagno di tante lotte, non ti dimenticheremo”

Pubblicato

il

Grave lutto nella città di Napoli per la scomparsa di Gennaro Morgese, militante ANPI molto noto in città e figlio della grande Maddalena Cerasuolo, eroina delle Quattro Giornate di Napoli e medaglia di bronzo al valor militare.

Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, ha voluto ricordarlo con queste parole: “Il Covid si è portato via anche Gennaro Morgese, un compagno di tante lotte, militante ANPI, figlio di Maddalena Cerasuolo, a cui la città ha intitolato il ponte che lei difese, nelle gloriose Quattro Giornate di Napoli del 1943, dai nazisti che volevano farlo esplodere per interrompere i collegamenti tra il centro e Capodimonte. Con Gennaro abbiamo fatto tante cose, progetti, mostre, stavamo per realizzare il Museo delle donne delle Quattro Giornate. Gennaro, mi mancherà molto la tua dolcezza e la tua tenacia, la tua voglia di resistere e di combattere per gli ideali di libertà. Non ti dimenticheremo“.

Si aggiunge al cordoglio anche la V Municipalità Arenella Vomero, che si è così espressa: “La comunità collinare piange la scomparsa di Gennaro Morgese; uomo buono e attivo divulgatore della memoria di sua madre Maddalena Cerasuolo, di lei amava dire: ‘Ci ha educato alla libertà e alla giustizia ma, soprattutto, ci ha cresciuto a pane e Quattro Giornate’. Rip“.

Continua a leggere

Cronaca

Impatto fatale nel salernitano. Perde la vita un 18 enne, grave un 17 enne

Pubblicato

il

Tragico scontro nella notte ai semafori di via Rea, a Nocera Inferiore. Il violento impatto, ha coinvolto un motorino e un’Audi Q3 di colore nero. Uno dei due ragazzi che erano a bordo dello scooter ha perso la vita, nonostante il disperato tentativo dei medici di salvarlo con un intervento chirurgico d’urgenza.

La vittima aveva 18 anni, era di origini ucraine ma residente da tempo a Nocera Inferiore. L’altro giovane coinvolto invece, è ora ricoverato in gravi condizioni, si tratta di un 17 enne del posto, che per fortuna non sarebbe in pericolo di vita. Anche il conducente dell’auto, è ora sotto osservazione presso l’ospedale Umberto I.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante