Resta sintonizzato

Afragola

Il voto degli afragolesi non è servito a nessuno per entrare nelle istituzioni che contano

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Dodici candidati al Consiglio Regionale. Hanno perso tutti. Ha perso Afragola e tutto l’hinterland a nord di Napoli. Afragola ha dimostrato che in queste lande desolate vige il personalismo più becero. Quel protagonismo che impedisce la visione di comunità, dove ognuno si crede migliore dell’altro e dove ogni occasione è buona per innescare una nuova competizione.

Così l’hinterland a nord di Napoli non solo non avrà il suo rappresentante al Consiglio Regionale ma quel poco che c’era l’abbiamo pure perso. Non è che però quando ce l’aveva si viveva meglio, anzi, però fa sempre campanilismo sapere di avere un concittadino nelle istituzioni.

Così in una due giorni di elezioni scendono dagli scranni i due Tommaso, Casillo con i suoi seppur tanti ma inutili 12133 voti e Malerba con i suoi 2278 consensi. Il primo perde per aver dato poche risposte sul territorio in cinque anni alla vicepresidenza del Consiglio regionale e per aver fatto la parte dell’uomo solo al comando nella sua città e il secondo per non aver fatto nulla, neanche intestarsi una lotta che sia anche innocua, in Consiglio regionale. Entrambi visti dai più come i soliti politici che entrano nelle istituzioni per interessi personali.

Facendo un focus sui voti presi da Tommaso Casillo tra Afragola e Casoria, diciamo che il suo fallimento porta due nomi: Enzo De Stefano e Luisa Marro. Il primo illuso e deluso da un altro fallimento politico Nicola Marrazzo – 10772 voti non entra in Consiglio regionale per l’enorme depauperamento del partito democratico – si tuffa tra le braccia di Giovanni Porcelli portando in casa di Tommaso Casillo il proprio antagonista in Campania Libera, riuscendo così a scippare 468 voti degli afragolesi e 89 preferenze dei casoriani. Luisa Marro, invece, da sempre fedelissima dell’ex vicepresidente del consiglio regionale, stavolta delusa dal comportamento del Casillo che l’ha sempre relegata ai margini delle proprie decisioni, ha deciso di mettersi in proprio in questa tornata elettorale e di appoggiare la candidatura di Paola Raia in De Luca Presidente, riuscendo a farle guadagnare sul territorio casoriano la bellezza di 529 preferenze, era tutto grasso che colava per Tommaso Casillo ma forse la convinzione di avere potere solo ed esclusivamente per meriti propri l’ha portato a fare delle scelte sbagliate e le urne gli hanno presentato il conto.

Altra debacle da registrare è quella dell’ex sindaco afragolese Domenico Tuccillo che con i suoi 7647 voti si classifica solo undicesimo nelle file del PD. Noi di Minformo gliel’avevamo detto e scritto che ad Afragola la sezione cittadina non lo appoggiava, eppure l’ex deputato ebbe anche la presunzione di farci smentire dal suo fido scudiero segretario cittadino. Vani sono stati i tentativi dei soli Tania Cuccurese e Crescenzo Russo. L’ex sindaco pur collezionando 1654 voti nella sua città natia ha dovuto cercare fortuna altrove. Peccato però che non l’abbia trovata. Sarà per il prossimo listino bloccato. Forse.

La chimera Salvatore Iavarone non poteva non restare tale. Anche se nessuno si aspettava l’exploit a cinque cifre di Francesco Emilio Borrelli, comunque 2020 voti restano sempre pochi per tentare il colpaccio. La sua magra consolazione saranno sicuramente i 677 racimolati ad Afragola. Anche se c’è da dire che la competizione comunale è un’altra storia e c’è da sottolineare inoltre il fallimento casoriano essendo lui, adesso, un Consigliere comunale in quel territorio che si è fatto scavalcare dal capolista arrivato da Napoli.

Bene invece le new entry Izzo e Mosca. La prima non può che essere soddisfatta del risultato ottenuto. Per una ragazza di poco più di vent’anni che alla prima candidatura riesce a diventare Consigliera comunale e alla prima esperienza regionale colleziona 1102 voti non può che essere una vittoria. Per Mosca invece i quasi 4300 voti sono da annotare. Un giovane imprenditore che sbaraglia tutto e tutti dal punto di vista della Comunicazione, attirando oltre che consensi su di lui anche parecchie invidie, specialmente dagli addetti ai lavori professionisti del fango, non si fa prendere dal panico né dalle voci, tira dritto per la sua strada e si classifica terzo nella sua lista alle spalle del primo Peppe Barra, ex sindaco di Cardito che pure tanto ha fatto bene in questa campagna elettorale. Peccato per i due che a Noi Campani non è scattato il seggio.

Ma non solo gli afragolesi hanno fatto male, anche quelli che sponsorizzavano i big venuti da altre città. Una su tutte Lucia Fortini che ad Afragola era sponsorizzata dal sindaco, dalla sua amica Sofia Flauto presidente della cooperativa Eco, la cooperativa che detiene l’80% degli appalti erogati dall’Ambito n°19 e da un imprenditore locale. Quest’ultimo alla fine, dopo il tanto dato da farsi, scopre che la Fortini ha collezionato solo i voti dei dipendenti della sua amica Sofia Flauto. Infatti per una città di 65000 abitanti collezionare solo 211 voti è un fallimento per chi durante la campagna elettorale si è appuntato la spilla “Lucia Fortini” in petto, specie se riusciamo a scorgere che l’elemento maschile per cui si è scelto di contarsi, ha preso solo 116 voti. Salvo poi perdersi tra le strade di Sant’Anastasia e Caivano pur di inventarsi un successo – questa è solo per gli addetti ai lavori – fino a contarsi solo 33 consensi a Cardito.

Insomma aveva ragione l’Assessore Affinito quando diceva che ad Afragola ci sono 70mila sindaci, ma noi di Minformo abbiamo scoperto che in realtà ad Afragola vive anche un grande statista.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Afragola

Afragola: Droga e armi nel trolley. 36enne arrestata dai Carabinieri

Pubblicato

il

Un bagaglio da non portare con sé in aereo, non avrebbe superato alcun controllo.
Un trolley pieno di armi e droga, nascosto in un vano ricavato ad arte sotto al balcone di casa.
I carabinieri della stazione di Afragola lo hanno sequestrato ad Anna Maiello*, 36enne del posto già nota alle forze dell’ordine. Per questo motivo è finita in manette per detenzione di droga a fini di spaccio, detenzione abusiva di armi clandestine ed è ora in carcere, nel penitenziario femminile di Pozzuoli.

Prima di varcare la soglia della cella, la donna ha ricevuto la visita dei carabinieri. Durante un’accurata perquisizione, i militari hanno trovato in una valigia 3 pistole e stupefacenti sufficienti a confezionare centinaia di dosi. Una Beretta 92FS cal. 9×21: la pistola aveva la matricola abrasa e completava un trio con 2 scacciacani con tappo rosso e relativo munizionamento. Poi 30 grammi di cocaina, 700 di hashish, 92 di marijuana e 4 bilancini per pesare le dosi. Infine in un marsupio ben 3570 euro che i militari hanno sequestrato perché ritenuti provento illecito. Maiello è in carcere, in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Afragola

AFRAGOLA. Si dimette l’Ass. alle Politiche Sociali Francesco Di Micco

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Altra gatta da pelare per il Sindaco Antonio Pannone. Stamattina al protocollo sono arrivate le dimissioni formali ed irrevocabili dell’Assessore Francesco Di Micco.

Dopo il bilancio, un altro settore molto delicato, soprattutto dopo la querelle legata alla nomina del Direttore dell’Azienda Speciale per le Politiche Sociali, resta senza delegato all’interno dell’esecutivo.

Personali o indotte, ufficiosa o ufficiale la motivazione non si sa. Fatto sta che anche nel settore più “redditizio”, dopo quello dell’urbanistica, opportunamente blindato dal Presidente del Consiglio Biagio Castaldo, ci sarà una corsa all’occupazione della poltrona. Vi terremo aggiornati.

Continua a leggere

Afragola

Napoli. Interruzione idrica su tutto il territorio comunale durante la notte

Pubblicato

il

Il presente messaggio e-mail, e gli allegati allo stesso, sono indirizzati esclusivamente ai soggetti indicati come destinatari, sia che si tratti di destinatari diretti, sia che si tratti di destinatari a cui il messaggio è inviato per conoscenza. Solo i soggetti destinatari, autorizzati alla ricezione, possono effettuare il trattamento del presente messaggio e degli allegati nonché il trattamento dei dati in esso contenuti.

Il contenuto del messaggio e degli allegati può avere natura confidenziale e/o privilegi legali. I dati personali contenuti nel messaggio e negli allegati devono essere trattati conformemente al Reg. n. 679/2016 UE (GDPR) del D.lgs. 196/2003, come modificato dal D.lgs.101/2018. È pertanto illecito il trattamento da parte di soggetti non autorizzati ed è illecita, in particolare, la comunicazione e la diffusione dei dati personali in violazione delle disposizioni del GDPR e della

Normativa interna di adeguamento. Il soggetto non destinatario che, per errore, riceva il presente messaggio è tenuto a non leggere, non copiare, non inoltrare e non archiviare il messaggio medesimo.

È tenuto altresì a darne immediata comunicazione al mittente, anche inviando un messaggio di ritorno all’indirizzo e-mail del mittente medesimo, nonché a eliminare integralmente il messaggio dal proprio sistema informatico, server e client.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante