Resta sintonizzato

Cronaca

SANT’ANTIMO. Incandidabilità dell’ex Sindaco Aurelio Russo. Siamo sicuri che giustizia è stata fatta?

Pubblicato

il

SANT’ANTIMO – Due indagini, due giudici diversi ma soprattutto diversi magistrati. La cosa che salta subito agli occhi sulla vicenda dello scioglimento del Consiglio Comunale di Sant’Antimo per ingerenza della criminalità organizzata è che gli organi inquirenti della Magistratura non dialogano tra di loro né prendono in considerazione le documentazioni prodotte dall’altra parte se no non si spiegherebbe un’incongruenza simile del giudizio sull’incandidabilità confermata all’ex sindaco Aurelio Russo.

È bene ricordare che lo scioglimento avvenuto a Sant’Antimo è antecedente alla pubblicazione della relazione sulle misure cautelari dell’inchiesta “Antemio” e pertanto il Ministero degli Interni, tra l’altro, ha potuto solo basare la propria decisione sulla relazione redatta dalla Commissione d’Accesso che ha ritenuto valide e veritiere le informative prodotte da quei carabinieri che mesi dopo sono stati arrestati per infedeltà proprio in merito all’inchiesta che ha visto altri 59 arresti e 103 indagati sul territorio santantimese.

Quindi dallo scioglimento sono partiti due filoni, uno, quello in ambito civile dove si è discusso dell’incandidabilità di alcuni esponenti politici dell’ultima amministrazione tra cui l’ex sindaco Aurelio Russo e il secondo, quello penale, inchiesta condotta dalla DDA di Napoli dove si è potuto stabilire che al Comune c’era commistione tra macchina burocratica e clan egemoni del territorio.

Noi di Minformo ci siamo occupati della questione dello scioglimento, così come fatto anche per altre città che hanno subito la stessa onta, perché amanti della verità e siccome siamo consapevoli che essa si trovi sempre nel mezzo, amiamo discernerla e illustrarla. In questo nostro articolo (leggi qui) sono riportati alcuni passaggi della Relazione dell’inchiesta “Antemio” dove il sindaco Aurelio Russo viene descritto come unico argine alla camorra e al Sistema messo su dai clan egemoni grazie alla connivenza del tecnico Claudio Valentino.

Oggi invece scopriamo che la Dott.ssa Paola Bonavita in qualità di Presidente del Collegio dei giudici del Tribunale Napoli Nord sentenzia che l’ex Sindaco Aurelio Russo debba essere incandidabile perché “ha comunque conferito il ruolo di primo piano quale responsabile del settore degli appalti pubblici, notoriamente esposto, per evidenti ragioni economiche, alle infiltrazioni criminali, con ciò dando continuità a quell’azione amministrativa inquinata dalle contaminazioni del centro di potere affaristico- clientelare di stampo camorristico, finendo per esaudire le istanze provenienti dalla locale organizzazione criminale e dunque per favorirne gli interessi. In questo senso, infatti, decisivo è risultato il contributo dell’ing. Valentino nel manovrare, in cambio di compensi economici, l’assegnazione delle gare d’appalto verso imprese riconducibili alla locale consorteria criminale”.

Insomma, è vero che una relazione di un giudice delle indagini preliminari non determina ancora la verità assoluta ma non si possono non prendere in considerazioni fatti oggettivi scaturiti da mesi e mesi di indagini. Non si può non tenere conto che la relazione dello scioglimento sia anche stata redatta in base a delle informative false e non si può non tenere conto del fatto che un sindaco per quanto perspicace non può elevarsi a giudice e sollevare completamente dal suo posto di lavoro un tecnico senza avere in mano le stesse prove che può avere la magistratura con il conseguente adente del dirigente e la responsabilità su un eventuale danno erariale che possa scaturire dal contenzioso.

Un altro fatto oggettivo sono le parole scritte nella relazione dell’inchiesta “Antemio” dove si descrive il sindaco Aurelio Russo unico argine alla camorra sul territorio. L’unico politico che ha dimostrato, dicendoglielo in faccia, di sollevare dall’incarico clou della macchina burocratica il tecnico che poi si è rivelato connivente con i clan egemoni.

Di seguito riportiamo le dichiarazioni dell’ex Sindaco Aurelio Russo rilasciate a mezzo social: “GIUSTIZIA È FATTA? Io nutro una sincera fiducia verso i giudici e credo nella Giustizia. Non è una frase di rito. Nella mia storia di Sindaco Incandidabile, però, non so più a quale credere:se a quella PENALE di Napoli, per la quale sono un Amministratore coraggioso che ha fatto da argine alla Criminalità Organizzata, rischiando più volte la propria incolumità personale;oppure a quella CIVILE di Aversa, per la quale, invece, sono uno che ha realizzato poco o nulla contro la Camorra, anzi si è attivato per favorirla!Poco importa se le informative su cui si basa la proposta della Prefettura siano state scritte da due sottufficiali poi arrestati nella operazione “Antemio” perché vicini alla Camorra santantimese, che li ha usati per discreditarmi. Poco importa se quella stessa consorteria criminale abbia pagato 6.000 euro un consigliere comunale, per farlo dimettere e far finalmente decadere dalla carica l’odiato Sindaco. Evidentemente sono tesi inconciliabili e, come ho già detto in varie occasioni, se non fosse il mio sangue ed il mio buon nome ad essere messo in gioco, sarei anche curioso e divertito nell’aspettare i titoli di coda di questa vicenda. Naturalmente esiste il giudizio d’appello nel quale spero di far valere civilmente (è davvero il caso di dirlo) le mie ragioni; ma in questa vicenda un po’ mi sento sempre più, senza averne la statura morale e sicuramente la notorietà, Enzo Tortora. Tortora (la storia la conoscono tutti), fu accusato nel 1983 di gravi reati, ai quali in seguito risultò totalmente estraneo, sulla base di accuse formulate da soggetti provenienti da contesti criminali. La sua innocenza fu dimostrata e riconosciuta dopo tre anni, il 15 settembre 1986, quando venne definitivamente assolto dalla Corte d’Appello di Napoli. Alla fine, su tutto, comunque resterà il giudizio che i cittadini hanno di me, della mia onestà e della mia caratura morale, pensiero che, negli anni ‘80, ha evidentemente sempre sorretto anche il giornalista Genovese. Ed è proprio questo che mi darà la forza per continuare questa battaglia”.

Cronaca

Addio a Olivia Newton-John, la Sandy di ‘Grease’: aveva 73 anni

Pubblicato

il

Ha fatto sognare intere generazioni, grazie alla sua semplicità e leggerezza, al suo fascino senza tempo, protagonista insieme a John Travolta, di uno dei film-musical cult per eccellenza. Stiamo parlando di Olivia Newton-John, la Sandy di ‘Grease’, morta all’età di 73 anni a causa di un cancro al seno, contro cui lottava da oltre 30 anni.

Ad annunciarlo, è stato il marito John Easterling, con questo post su Instagram:

“Si è spenta serenamente nel suo ranch nel sud della California, circondata da familiari e amici. Olivia è stata un simbolo di trionfi e speranza per oltre 30 anni, condividendo il suo viaggio con il cancro al seno. La sua ispirazione curativa e la sua esperienza pionieristica con la fitoterapia, continuano con il Fondo Olivia Newton-John Foundation, dedicato alla ricerca sulla fitoterapia e sul cancro”.

Toccante il ricordo del suo ‘partner artistico’ John Travolta, che ha così dichiarato:

“Mia cara Olivia, hai fatto così tanto per rendere le nostre vite migliori. Il tuo impatto è stato incredibile. Ti ho amato tanto. Ci rivedremo ancora lungo il cammino e saremo di nuovo uniti, di nuovo insieme. Sono sempre stato tuo, dal primo momento che ti ho vista, e lo sarò sempre. Il tuo Danny, il tuo John”.

Continua a leggere

Cronaca

Omicidio-suicidio nel Veneziano: uomo ferisce l’ex moglie e poi si toglie la vita

Pubblicato

il

Violenza di genere nel Veneziano, presso l’abitazione di Torre di Mosto, dove Michele Beato, 56enne ex guardia giurata, ha prima tentato di uccidere l’ex moglie, Rosa Silletti, 51 anni, per poi togliersi la vita con una balestra.

Stando ad una prima ricostruzione, dopo la separazione, la donna si era trasferita nel comune vicino di San Stino di Livenza, ma quel giorno si era recata al suo lavoro di addetta alle pulizie, presso un negozio di barbiere di Torre di Mosto. Tuttavia, l’ex marito, l’avrebbe aspettata fuori dall’esercizio commerciale, per poi colpirla dopo che ella era salita in auto.

Convinta di averla uccisa, Beato si sarebbe diretto verso casa, togliendosi la vita nel suo garage. Al momento, la donna è sotto osservazione in ospedale. Indagini in corso!

Continua a leggere

Cronaca

Follia a Varcaturo, si rifiuta di pagare il conto al ristorante e minaccia di morte il titolare: arrestato

Pubblicato

il

Attimi di follia nel pomeriggio di ieri, presso un lido balneare in via Marina di Varcaturo a Giugliano, dove un cliente ha dato in escandescenze per futili motivi.

In particolare, l’uomo aveva consumato un pasto insieme alla famiglia, presso il ristorante dello stabilimento, per poi tornare in spiaggia senza pagare il conto. A quel punto, il titolare ha chiesto spiegazioni all’uomo, il quale ha iniziato a inveire contro di lui e poi a minacciarlo di morte con un coltello, asserendo di appartenere ai clan criminali della zona.

Tuttavia, sono intervenuti sul posto gli agenti del Commissariato Giugliano-Villaricca, che non senza difficoltà, sono riusciti a bloccare l’aggressore rinvenendo il coltello con il quale aveva perpetrato la minaccia. Si tratta di un 44enne napoletano con precedenti di Polizia, arrestato per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso, minacce e resistenza a Pubblico Ufficiale, nonché per porto d’armi od oggetti atti ad offendere.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante