Resta sintonizzato

Afragola

I tentacoli della Camorra nei ristoranti del centro di Roma: 13 arresti e sequestro da 4 milioni di euro

Pubblicato

il

TENTACOLI DELLA CAMORRA NEI RISTORANTI DEL CENTRO DI ROMA.

CARABINIERI ARRESTANO 13 PERSONE PER ESTORSIONE E INTESTAZIONE FITTIZIA DI BENI.

IN MANETTE ANGELO E LUIGI MOCCIA CAPI DELL’OMONIMO CLAN.

SEQUESTRI PER 4 MILIONI DI EURO.

Roma – Alle prime luci dell’alba, nelle province di Roma e Napoli, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, coadiuvati dai Comandi dell’Arma territorialmente competenti, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 13 persone, di cui 8 in carcere e 5 ai domiciliari, indagate a vario titolo per i reati di estorsione e fittizia intestazione di beni [artt. 629, 512 bis c.p.], con l’aggravante dal metodo mafioso [art. 416 bis 1 c.p.], nonché esercizio abusivo di attività creditizia [art. 132 del T.U.B.]. Tra gli arrestati anche Angelo e Luigi Moccia, a capo dell’omonimo clan camorristico.

Il clan Moccia di Afragola (NA) è una storica organizzazione camorristica, protagonista di accese faide tra la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90. Tuttora è operante nei comuni della provincia partenopea di Afragola, Casoria, Arzano, Caivano, Cardito, Crispano, Frattamaggiore e Frattaminore nonché, negli ultimi anni, anche sul territorio romano. Fulcro di tale associazione era MOCCIA Gennaro, assassinato il 31 05.1976 in un agguato dovuto ai contrasti tra la sua egemonia e il contrapposto clan GIUGLIANO che, all’epoca, controllava il territorio di Afragola. In seguito la famiglia fu retta dall’odierno indagato Angelo MOCCIA che, al termine della prima e della seconda guerra di camorra, dopo gravi vicende di sangue, fu destinatario di una condanna all’ergastolo per i procedimenti penali che ne scaturirono. A seguito di tale condanna, Angelo decise di costituirsi nel 1992, presso la Casa Circondariale de L’Aquila, affermando di essere intenzionato a troncare il proprio passato criminale ed intraprendere la strada della cosiddetta “dissociazione”. In tale occasione lo stesso aveva dichiarato che non avrebbe accusato nessuno, ma soltanto riconosciuto le proprie responsabilità.

A partire dal 2010, i nuclei familiari di Angelo Moccia e del fratello Luigi si trasferirono a Roma; dal 2016, a seguito della sua scarcerazione, Angelo Moccia si riunì ai propri familiari a Roma, domiciliando in zona Parioli.

Il provvedimento cautelare odierno si basa sulle risultanze acquisite dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Via in Selci, nell’ambito dell’indagine sviluppata tra gennaio 2017 e ottobre 2018, che ha permesso di:

– accertare il reinvestimento di capitali illeciti nel campo della ristorazione romana da parte dello storico clan Moccia di Afragola (NA);

– documentare le fasi della richiesta estorsiva e della riscossione di 300.000 euro posta in essere da esponenti di spicco del citato sodalizio criminale in danno di imprenditori inseriti nel settore della ristorazione, i quali avevano ottenuto dal Tribunale di Roma – Sezione Misure Patrimoniali – la gestione di quattro locali dislocati nel centro della Capitale tra Castel Sant’Angelo, Quirinale e Piazza Navona, oggetto di un precedente sequestro di prevenzione operato per evasione fiscale nei confronti di un noto manager romano del settore, riconducibile, all’esito della presente indagine, al capoclan Angelo Moccia;

– individuare una rete di imprenditori e faccendieri che, al fine di favorire il clan camorristico e di eludere le investigazioni patrimoniali, si intestavano fittiziamente società nel campo della ristorazione, beni mobili e immobili riconducibili ai sodali;

– accertare l’abusiva attività finanziaria svolta dagli esponenti apicali del clan Moccia tramite prestiti di ingenti somme di denaro contante in favore di 3 imprenditori, uno dei quali figlio di un noto personaggio dello spettacolo.

Le attività investigative dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, avviate nel 2017, poco tempo dopo la scarcerazione di Angelo Moccia, hanno documentato l’operatività di costui e del fratello Luigi nella commissione dei reati oggetto di misura cautelare, confermandone l’invariata condotta criminale. In particolare, da un canto è emerso come la forza intimidatrice profusa dal clan Moccia sia riuscita a far breccia nel tessuto imprenditoriale e commerciale della Capitale, riuscendo ad assoggettare onesti imprenditori, dall’altro è stato rilevato come diversi insospettabili professionisti siano entrati in “affari” con il sodalizio mafioso de quo e si siano messi a disposizione del capo indiscusso Angelo Moccia, vincolandosi a rispettare le regole e le riverenze imposte dal sodalizio. L’imponente liquidità in possesso del clan veniva reinvestita dai Moccia, oltre che nelle attività commerciali, anche esercitando un’attività abusiva di esercizio del credito. Venivano, infatti, concessi prestiti a una serie di soggetti pretendendo dagli stessi interessi variabili, allo stato non ancora determinati.

Le risultanze investigative hanno consentito di ricostruire e individuare parte del patrimonio del clan, del valore complessivo di circa 4 milioni di euro, consentendo al G.I.P. di emettere un decreto di sequestro preventivo, anche ai fini di confisca, dei seguenti beni, in quanto corpo, prezzo o prodotto del reato:

– una società con sede legale a Roma, in zona Pantheon, che all’epoca dei fatti gestiva un ristorante ivi ubicato, fittiziamente intestata a persona compiacente;

– una società, con sede legale a Roma, in zona Castel Sant’Angelo, che all’epoca dei fatti gestiva un ristorante nelle vicinanze, fittiziamente intestata a persona compiacente;

– immobile di lusso ubicato a Roma, in via Filippo Civinini, riconducibile ad Angelo Moccia;

– tre autovetture riconducibili ad alcuni degli indagati.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Afragola

AFRAGOLA. Si dimette l’Ass. alle Politiche Sociali Francesco Di Micco

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Altra gatta da pelare per il Sindaco Antonio Pannone. Stamattina al protocollo sono arrivate le dimissioni formali ed irrevocabili dell’Assessore Francesco Di Micco.

Dopo il bilancio, un altro settore molto delicato, soprattutto dopo la querelle legata alla nomina del Direttore dell’Azienda Speciale per le Politiche Sociali, resta senza delegato all’interno dell’esecutivo.

Personali o indotte, ufficiosa o ufficiale la motivazione non si sa. Fatto sta che anche nel settore più “redditizio”, dopo quello dell’urbanistica, opportunamente blindato dal Presidente del Consiglio Biagio Castaldo, ci sarà una corsa all’occupazione della poltrona. Vi terremo aggiornati.

Continua a leggere

Afragola

Napoli. Interruzione idrica su tutto il territorio comunale durante la notte

Pubblicato

il

Il presente messaggio e-mail, e gli allegati allo stesso, sono indirizzati esclusivamente ai soggetti indicati come destinatari, sia che si tratti di destinatari diretti, sia che si tratti di destinatari a cui il messaggio è inviato per conoscenza. Solo i soggetti destinatari, autorizzati alla ricezione, possono effettuare il trattamento del presente messaggio e degli allegati nonché il trattamento dei dati in esso contenuti.

Il contenuto del messaggio e degli allegati può avere natura confidenziale e/o privilegi legali. I dati personali contenuti nel messaggio e negli allegati devono essere trattati conformemente al Reg. n. 679/2016 UE (GDPR) del D.lgs. 196/2003, come modificato dal D.lgs.101/2018. È pertanto illecito il trattamento da parte di soggetti non autorizzati ed è illecita, in particolare, la comunicazione e la diffusione dei dati personali in violazione delle disposizioni del GDPR e della

Normativa interna di adeguamento. Il soggetto non destinatario che, per errore, riceva il presente messaggio è tenuto a non leggere, non copiare, non inoltrare e non archiviare il messaggio medesimo.

È tenuto altresì a darne immediata comunicazione al mittente, anche inviando un messaggio di ritorno all’indirizzo e-mail del mittente medesimo, nonché a eliminare integralmente il messaggio dal proprio sistema informatico, server e client.

Continua a leggere

Afragola

AFRAGOLA. Non passa la mozione di sfiducia al Presidente del Consiglio. Castaldo resta al suo posto.

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Si è appena conclusa la votazione in Consiglio Comunale sulla sfiducia al Presidente del Consiglio Biagio Castaldo.

Risultato non tanto scontato, visto che le fibrillazioni in maggioranza non erano poche e proprio da esse ne è scaturita la mozione di sfiducia.

Quattordici contro dodici il risultato della votazione fa si che Biagio Castaldo possa continuare ad indossare la sua tanto “amata” fascia giallorossa. I conti, come già detto non erano scontati.

Chi ha presentato la sfiducia contava sui voti dei dissidenti Raffaele Iazzetta, Giuseppe Migliore e Benito Zanfardino ’86 che insieme alle vicissitudini, anche personali, patite nei confronti del Presidente del Consiglio e del dominus indiscusso da parte di Arcangelo Ausanio, Antonio Lanzano e ultimo ma non per ultimo Giuseppe Affinito – reduce da dimissioni presentate da Presidente della Seconda Commissione “Bilancio – Programmazione – Finanze – Patrimonio” proprio per un diverbio avuto con il Presidente del Consiglio perché accusato di essere troppo autarchico sulle distribuzioni dei temi da discutere nelle commissioni – si poteva sperava in altro risultato.

Una vittoria risicata quella del leader di Fratelli d’Italia cittadino visto che nei quattordici voti è compreso il suo di voto più quello del Sindaco, quest’ultimo scontato visto che doveva essere la sua maggioranza a dover dimostrare di essere compatta.

Il dato politico che esce fuori è comunque allarmante visto che ogni votazione, per i consiglieri afragolesi, rappresenta sempre una nuova trattativa, un nuovo accordo, un continuo accreditarsi l’alzata di mano e lo dimostra molto esplicitamente il comportamento di Giuseppe Affinito che prima, insieme all’opposizione, solleva un caso Castaldo e poi vota a favore.

Una cosa è certa nell’Amministrazione Pannone a regnare è sempre l’incoerenza.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante