Resta sintonizzato

Cronaca

Coronavirus, Meloni: “I Decreti Governativi mancano di credibilità”

Pubblicato

il

MELONI: “I DECRETI GOVERNATIVI MANCANO DI CREDIBILITÀ”

di Carmine D’Argenio

La leader di Fratelli D’Italia Giorgia Meloni, pone domande al Governo sulla credibilità dei Decreti attuati e conclude il suo intervento alla Camera negando l’appoggio, non volendo passare alla storia come complice di idiozie che si stanno scrivendo nel nostro Paese:

Le risposte che arrivano dal Governo mancano di concretezza e credibilità. I fondi del Recovery Fund – affonda la deputata – saranno 80 miliardi di euro iniziali e non 200 come si vuol far credere; che d`altronde per chi non sa neanche come spenderli, non possono far essere ottimisti.

Con queste linee guida per il Recovery, continueremo ad avere milioni di disocuppati, perché non ci sono progetti seri. D’altronde ci ritroviamo oggi ad essere aiutati così dall’Europa, perché i parametri oggettivi cui la sinistra ha ridotto l’ Italia negli ultimi 15 anni, sono disastrosi.

E adesso dobbiamo essere popolo gradito all’Europa, e che vuol dire gradito? – incalza la Meloni tra l’interrogativo ed il sarcastico – Il popolo italiano dovrebbe chiederselo: vuol dire asserviti. La Polonia e l’Ungheria sono meno potenti di noi, ma le ammiro perché difendono e difenderanno con il veto la propria radicalità territoriale e libertà.

I Decreti presentano troppi interrogativi, mancanti di credibilità. Manderete – rivolta al Presidente Conte – la polizia a casa per controllare le feste, ma non nelle strade per controllare gli spacciatori, che continueranno indisturbati le loro attività.

Quale sarà la velocità in chilometri orari che determinerà se si tratti di attività motoria o corsa? La chiusura dei locali a mezzanotte, perché il Covid è nottambulo? Il divieto di somministrazione di bevende dopo le 21 vuol dire che stiamo combattendo la cerrosi epatica o il Coronavirus? Dal momento che ho visto fare feste anche in pochi, una festa si misura allora in grado di allegria o tristezza?“.

Con queste domande Giorgia Meloni chiude il suo intervento alla Camera.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Città

Napoli. Controlli taxi e Ncc a Capodimonte oltre venti sanzioni

Pubblicato

il

Ventuno tassisti sono stati sanzionati dalla Polizia Municipale all’aeroporto di Capodimonte per violazione comunale e al codice della strada. E’ il bilancio dei controlli effettuati dai vigili urbani che hanno verificato la posizione di 110 taxi e 25 veicoli N.C.C. sanzionando oltre ai 21 tassisti anche il conducente di un veicolo N.cc perchè il suo certificato di abilitazione professionale era scaduto. Gli agenti hanno individuato e sanzionato 5 vetture private utilizzate per il trasporto pubblico non di linea: tra questi è stato multato un noleggiatore abusivo che si era accordato per trasportare una famiglia di 5 persone in una località del Cilento dietro il pagamento di una cifra di 90 euro ciascuno

Continua a leggere

Città

Napoli. Commerciante cinese denuncia di essere stato vittima di razzismo

Pubblicato

il

Un commerciante cinese di 22 anni è stato denunciato a Frattamaggiore per resistenza a pubblico ufficiale e per non aver esibito il permesso di soggiorno o altro documento di riconoscimento. Il video del fermo è diventato subito virale. Il giovane, infatti, ha denunciato di essere stato vittima di violenza ingiustificata e, in un post, ha raccontato la propria versione dei fatti.

La versione del commerciante di origine cinese, ma che rivendica di essere nato in Italia, è affidata ai social. “Ieri una signora ha rotto un accessorio di proposito nel mio negozio, non voleva pagarlo, ha chiamato la polizia di Frattamaggiore. Mi hanno chiesto i documenti, che non avevo con me, ma a casa, avevo soltanto la foto sul cellulare, non l’hanno voluto dicendo che i documenti sul cellulare degli stranieri possono essere falsificati. Sarei entrato in auto senza esitare se non mi fosse stata esplicitata una differenza razziale. Sono stato aggredito e costretto con le manette ad entrare in auto, neanche avessi commesso chissà quale reato”.

Continua a leggere

Cronaca

Tragedia in strada, 21enne travolto e ucciso da un’autocisterna: la situazione

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta nella zona degli Archi ad Ancona, dove un 21enne somalo è stato travolto e ucciso da un’autocisterna.

In particolare, il giovane era fermo di fianco alla fermata dell’autobus, quando sarebbe stato agganciato e trascinato per alcuni metri da un’autocisterna in transito. Sul posto, sono intervenuti gli agenti della Polizia Municipale e i sanitari del 118, ma il ragazzo è morto poco dopo per le gravi ferite riportate.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante