Resta sintonizzato

Cronaca

Coronavirus, l’infettivologo Galli: “Stiamo vivendo un déjà vu. Speravo di sbagliarmi, invece…”

Pubblicato

il

Massimo Galli, Primario Infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano e docente all’università Statale del capoluogo lombardo, intervistato da La Repubblica, ha parlato della situazione Coronavirus, prevedendo un ritorno all’emergenza vissuta a marzo:

Guardi, siamo nella peste. Sto cercando di occuparmi di tutti i pazienti che ho qui. Mi pare una tragico déjà vu. Lo temevo già da agosto, speravo di sbagliarmi e invece…

È vero, l’Italia sta ancora meglio rispetto ad altri Paesi europei stretti nella morsa di Covid-19, ma è inutile ragionare con i dati di ieri. Dobbiamo guardare le proiezioni, che purtroppo hanno poche probabilità di fallire. Tra 15 giorni saremo come la Francia, la Spagna, il Regno Unito.

La situazione a Milano si sta facendo molto allarmante, al limite della saturazione. E ci sono forti criticità anche altrove. Abbiamo assoluto bisogno di far funzionare le indicazioni del decreto del Governo. Diversamente, la strada già tracciata è quella degli altri Paesi europei.

Abbiamo una distribuzione dei contagi in tutto il territorio. E quando cominci a vedere la realtà nelle aree dove la prima ondata ha colpito meno, sai che il rimescolamento delle carte di quest’estate creerà grossi problemi perché si tratta di aree che non hanno vissuto questa esperienza e non hanno strutture attrezzate.

Lockdown a Natale? All’amico Crisanti è scappata questa idea, è preoccupato come lo sono io. Ma forse qualche segnale importante per dire che stiamo andando a sbattere dobbiamo pure darlo. Non so se ci sarà un lockdown di Natale e non me lo auguro, dobbiamo lavorare strenuamente per evitarlo. 

Il lockdown è la misura più semplice perché non hai bisogno di lambiccarti il cervello a trovare altre soluzioni, ma anche la più drammatica perché le conseguenze sarebbero inevitabili. Poi se qualcuno si ostina a darci delle Cassandre si assumerà le responsabilità.

Positivi asintomatici? Questa estate in vacanza, positivi giovani; a settembre ritorno a casa, positivi giovani; poi il contagio in famiglia, l’età cresce. Adesso tornano ad essere colpiti gli anziani. E dunque cresce la paura, la sintomatologia, il ricorso alle cure ospedaliere, le terapie intensive. Le vittime, ormai lo sappiamo, le vedremo più in là“.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Strage sul litorale di Roma: killer muore suicida nella sua abitazione

Pubblicato

il

Trovato morto poco fa nella sua abitazione, l’uomo che questa mattina, ha ucciso un anziano e due bambini, ad Ardea, vicino Roma. Il killer, 34 anni, si era barricato in casa dopo l’omicidio. Pare che nonostante le insistenze delle forze dell’ordine, non volesse uscire di casa, minacciando di sparare chiunque si fosse avvicinato a lui. Dopo una lunga trattativa, le forze speciali dei carabinieri, hanno fatto irruzione in casa trovandolo morto. Secondo le prime informazioni, l’uomo, si sarebbe suicidato con un colpo alla testa.

Continua a leggere

Cronaca

Dramma alle cascate, una persona morta e l’altra ferita: i particolari

Pubblicato

il

Drammatico incidente avvenuto poco dopo mezzogiorno alle cascate dell’Acquafraggia, in Val Bregaglia. Secondo le prime informazioni, una donna di 42 anni e un uomo di 36 anni, sarebbero scivolati da un sentiero del parco, precipitando da un’altezza di decine e decine di metri, per poi finire nell’acqua ghiacciata del sottostante bacino. I Vigili del Fuoco di Mese e Sondrio insieme al soccorso alpino, li hanno recuperati, accertando la morte di uno dei due. L’altro, è stato trasportato in ospedale con l’elisoccorso.

Continua a leggere

Cronaca

Tragedia nella notte a Giugliano: 40 enne muore in un incidente, ferito l’altro passeggero

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta questa notte a Giugliano, dove un 40 enne del posto, ha perso la vita in seguito ad un’incidente. Erano le 3, quando la Fiat Punto sulla quale viaggiava l’uomo insieme ad un’altra persona, è finita improvvisamente fuori strada ribaltandosi più volte. Ancora da chiarire la dinamica dell’incidente, sulla quale indagano i carabinieri della stazione di Varcaturo. Pare che l’uomo, sia morto sul colpo, mentre l’auto è andata completamente distrutta. Ferito gravemente l’altro passeggero, ora ricoverato in ospedale.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante