Resta sintonizzato

Bacoli

Controlli anti-Covid della GdF in provincia di Napoli: ristoranti chiusi, sanzioni e denunce

Pubblicato

il

GUARDIA DI FINANZA NAPOLI. NEL FINE SETTIMANA 688 CONTROLLI SULLE PERSONE E SUGLI ESERCIZI COMMERCIALI. 23 SANZIONI, TRA VIOLAZIONI ANTICOVID, DENUNCE ALL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA E SEGNALAZIONI AL PREFETTO

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha rafforzato anche in questo fine settimana il dispositivo dei controlli volti a verificare il rispetto delle misure di contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2.

In totale, tra venerdì e domenica, sono state controllate su tutta la provincia 551 persone e 137 attività commerciali, 23 le sanzioni complessive, tra violazioni per il contenimento della diffusione del COVID-19, denunce all’Autorità Giudiziaria e segnalazioni al Prefetto.

In particolare, la Tenenza di Baia ha intimato la chiusura per 5 giorni a due ristoranti di Bacoli dopo aver constatato la presenza, in quattro distinte cerimonie (tre “prime comunioni” ed un “battesimo”) di circa 120 invitati; sanzionati i 2 titolari.

Il Gruppo di Nola ha riscontrato che in un panificio non era stato installato il termoscanner per la rilevazione della temperatura dei clienti e una dipendente non utilizzava la mascherina. Nell’ambito di un ulteriore controllo presso un lounge bar dell’area nolana, sono stati rilevati due lavoratori irregolari.

Il 2° Nucleo operativo Metropolitano, nel capoluogo, tra i quartieri Vomero e Chiaia, ha sanzionato una ditta di gestione di parcheggi che non aveva mai effettuato la sanificazione dei locali e non disponeva del registro per il rilevamento della temperatura del personale dipendente. Scoperti anche 2 lavoratori in nero.

Inoltre, come spesso succede, dai controlli anti-Covid sono emerse anche situazioni illecite tipicamente d’interesse delle Fiamme Gialle, come lavoro “nero”, contrabbando di sigarette, contraffazione marchi, uso personale e spaccio di sostanze stupefacenti.

Al riguardo, la Compagnia di Ottaviano ha sequestrato a Terzigno un opificio tessile di 45 m2 gestito da un soggetto di origine cinese; al suo interno sono stati rinvenuti macchinari per la produzione e confezionamento di capi d’abbigliamento, 200 gomitoli di cotone, 1500 accessori, 1200 semilavorati e 23 sacchi di rifiuti contenenti scarti di lavorazione del peso complessivo di 690 kg. Il responsabile è stato denunciato per violazioni in materia ambientale e sulla Sicurezza sul Lavoro.

Il Gruppo Pronto Impiego, tra il capoluogo, quartieri San Lorenzo e Secondigliano, e San Giuseppe Vesuviano, ha sequestrato, in quattro distinti interventi, quasi 21.000 capi di abbigliamento, tra scarpe, giubbini, felpe ed etichette contraffatte di note griffe, nonché 2 kg. di t.l.e. di contrabbando. Denunciati 5 responsabili, un cinese e quattro napoletani, uno di quali risultato, peraltro, percettore del Reddito di Cittadinanza e segnalato all’INPS per la revoca del beneficio.

La Compagnia di Giugliano in Campania, tra il medesimo Comune metropolitano e Melito di Napoli, ha sottoposto a sequestro diverse centinaia di grammi fra hashish e sigarette di contrabbando segnalando al Prefetto e denunciando all’Autorità Giudiziaria nel complesso 2 responsabili.

Infine, la Compagnia di Torre Annunziata, unitamente al Commissariato e alla Polizia Locale, ha effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio in via Piombiera e via Vittorio Veneto, zone tipicamente interessate dalla “Movida”, sequestrando due slot machine in un’attività priva di autorizzazioni e denunciando il titolare per esercizio di gioco d’azzardo. Denunciato anche il titolare di una sala giochi poiché raccoglieva scommesse in forma abusiva e un avventore per partecipazione a gioco d’azzardo.

Sanzionate infine 5 persone che si trovavano all’esterno di un locale per inosservanza del rispetto del distanziamento sociale.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Troppi contagi nel comune campano: il Sindaco chiude strade e piazze

Pubblicato

il

A causa della vertiginosa impennata dei contagi, il Sindaco di Bacoli, Josi Gerardo Della Ragione, ha deciso di chiudere strade e piazze nel weekend.

Troppi i contagi nel comune dell’area flegrea e così il primo cittadino ha optato per una drastica decisione: la chiusura.

Sabato 6 e Domenica 7 marzo saranno così interdetti la pista ciclabile del lago Fusaro, i parchi giochi di Baia e Cuma, l’area panoramica di Bellavista, la Villa Comunale e le piazze pubbliche tra il centro storico e le aree adiacenti Marina Grande. Sarà sospesa anche la fiera settimanale tra via Lungolago e Miseno.

Nei prossimi giorni partirà la vaccinazione degli agenti di polizia municipale.

La decisione del primo cittadino è arrivata dopo il vertice con i responsabili del Coc e dell’Asl Napoli2 Nord. Dal report del monitoraggio sull’andamento della pandemia è emerso che la percentuale di positivi negli ultimi giorni è salita all’11,5%: un dato che preoccupa in quanto superiore alla media regionale che ieri era attestata all’11,2%.

A Bacoli per i contagi dal virus sono già chiusi da tre giorni gli uffici comunali per tre casi di positività riscontrati tra i dipendenti.

Oggi, intanto, è stata effettuata la sanificazione straordinaria di tutte le strade e le piazze di Bacoli: dall’alba, ogni frazione, è stata attraversata dagli automezzi del Comune.

Si è partiti da Miliscola “dove nelle ultime ore, è stata verificata la presenza di diversi piccoli focolai di contagio” ha spiegato il Sindaco.

Concludendo “Stiamo seguendo con attenzione l’evoluzione, in sinergia con l’Asl. Inoltre, al fine di provvedere alla pronta riapertura al pubblico del Municipio, si sta provvedendo a far effettuare i tamponi a tutti i dipendenti comunali. Fino ad allora, gli uffici comunali resteranno operativi, ma chiusi. Vi chiedo massimo senso di responsabilità. Non abbassiamo la guardia“.

 

 

Continua a leggere

Attualità

A San Valentino l’Amore è ovunque: musica e balli al centro vaccinale

Pubblicato

il

Una bellissima iniziativa quella presa dai medici del centro vaccinale al Fusaro di Bacoli: balli e musica per chi è in attesa di fare il vaccino.

A San Valentino (e non solo) l’amore è ovunque, nelle case, nei negozi, per le strade, e allora perché non portarlo anche nei centri vaccinali?

E’ così che questa mattina i medici hanno deciso di intrattenere gli anziani in attesa della somministrazione delle dosi del vaccino anti-Covid.

Un modo, nel giorno di San Valentino, per donare amore e far sentire la propria vicinanza in un momento in cui, a causa di restrizioni e distanziamento, c’è bisogno di calore umano.

E’ accaduto all’interno del Parco del Fusaro, dove è ubicato il centro. Accanto alla Casina Vanvitelliana, l’Asl Napoli 2 Nord ha deciso di allestire padiglioni rivolti ai cittadini che devono ricevere le dosi.

I nostri anziani, spesso preoccupati per il vaccino, vengono accolti con la musica, la melodia, i sorrisi, il calore di una grande e bella famiglia. Nel Sito Reale Borbonico, i medici, in un attimo di riposo, seduti al pianoforte, accolgono i nonnini di Bacoli e Monte di Procida” ha scritto il Sindaco di Bacoli, Gerardo Della Ragione, sulla sua pagina Facebook.

Continuando “E c’è di più. Si è spontaneamente creata una rete di ristoratori cittadini che, ad ora di pranzo, per omaggiare il personale sanitario, fa arrivare alla Casina Vanvitelliana pranzi gratuiti per tutti. Si danno il turno, facendo così anche assaporare gli aromi della nostra gastronomia. Presto passeremo alla vaccinazione per altre fasce d’età, altre categorie. A partire dal mondo della scuola. Sempre qui, al Fusaro“.

Concludendo “Si sta creando un clima davvero bello. Di vera squadra. Godetevi queste immagini. Viva la bellezza, la cultura, la sanità pubblica. Andiamo a vincere”.

Continua a leggere

Attualità

Al via ‘la più grande vaccinazione di massa’. Lavori in corso al Fusaro

Pubblicato

il

Annunciata da poco come la “più grande vaccinazione di massa“. Partirà a breve, lavori permettendo, la controffensiva alla pandemia nella nostra regione, che tutto sommato in termini numerici sembra procedere regolarmente con le dosi somministrate.

Al Parco Vanvitelliano del Fusaro avrà luogo l’iniziativa, luogo che ospiterà la sanità pubblica delle comunità di Bacoli e Monte di Procida.

L’ASL Napoli 2 Nord in sinergia con la Regione Campania, la Protezione Civile e i due comune flegrei ha accettato la proposta del sindaco di Bacoli, Josi Gerardo Della Ragione.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante