Il premier Giuseppe Conte, in un videomessaggio indirizzato al Festival del Lavoro 2020, si è soffermato sulle ultime manovre del governo. “L’Italia riparte dal lavoro è il tema intorno a cui si snoda la vostra riflessione. Il lavoro è una priorità che oggi – dopo diversi mesi di sofferenza – necessita di uscire da una dimensione squisitamente difensiva, per divenire invece strumento di dinamico riscatto collettivo”

“Nella Legge di Bilancio – ha illustrato il presidente del Consiglio – abbiamo puntato su misure che insistono, direttamente e indirettamente, sul mercato del lavoro: ampliamento del contratto di espansione, decontribuzione triennale per le assunzioni degli under 35 in tutta Italia, fiscalità di vantaggio – che diventa a regime – per chi investe nelle regioni del Sud, taglio del cuneo fiscale e conferma della Cassa integrazione nei settori che hanno registrato pesanti perdite. E ancora un fondo da 4 miliardi di euro per ristorare gli imprenditori dei settori maggiormente danneggiati dalla pandemia”.

Sul lockdown: “Dobbiamo scongiurare un secondo lockdown generalizzato, per questo rimaniamo vigili e pronti a intervenire dove necessario. C’è crescente preoccupazione per l’aumento dei contagi in Europa e in Italia. Siamo ancora dentro la pandemia, dobbiamo tenere ancora l’attenzione altissima: forti dell’esperienza vissuta della scorsa primavera dobbiamo contenere il contagio puntando a evitare l’arresto dell’attività produttiva e lavorativa, la chiusura degli uffici pubblici, come la chiusura delle scuole”.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.