Resta sintonizzato

Boscoreale

Discarica abusiva in provincia di Napoli: scatta il sequestro dei Carabinieri

Pubblicato

il

BOSCOREALE: DISCARICA ABUSIVA SEQUESTRATA DAI CARABINIERI. 61enne denunciato

I Carabinieri della Stazione di Boscoreale, nell’ambito dei servizi di controllo riguardanti il fenomeno “Terra dei Fuochi”, hanno individuato e sequestrato una discarica abusiva di oltre mille e duecento metri quadrati, realizzata su un terreno privato.

La discarica era a ridosso della via Promiscua, prospicente il Parco Nazionale del Vesuvio.

Nell’area erano stati illecitamente sversati componenti di motori di auto, scarti di lavorazioni edili, vecchi mobili in legno e altre suppellettili in metallo. Tra i rifiuti speciali abbandonati sul terreno e senza alcuna protezione dalle intemperie, vari elettrodomestici ed anche un tapis roulant.

Il proprietario del terreno, un 61enne del posto, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per sversamento illecito dei rifiuti.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Boscoreale

Boscoreale, muore travolto da un carico di aglio

Pubblicato

il

Una vera e propria tragedia ha sconvolto la comunità di Boscoreale dove, nella mattinata di ieri, un 76enne di Scafati, Vincenzo Bifulco, è stato travolto dal carico di un camion, che trasportava aglio, perdendo così la vita.

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo stava passeggiando in via Sardoncelli quando, per cause in via di accertamento, le cassette d’aglio perse da un camion in transito lo hanno travolto. L’autotrasportatore si sarebbe fermato tempestivamente per soccorrere l’uomo ma, purtroppo, non c’è stato nulla da fare.

Nemmeno l’intervento dei sanitari del 118 è servito a salvare la vita di Vincenzo. Poco dopo sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia municipale di Boscoreale per effettuare i rilievi del caso ed avviare le indagini. Stando a quanto rende noto ‘Il Mattino’ la Procura di Torre Annunziata ha aperto un’inchiesta. Per la salma sarà disposta l’autopsia.

Continua a leggere

Attualità

Covid, a Caivano chiusi tutti gli uffici delle politiche sociali e l’isola ecologica

Pubblicato

il

La quarta ondata fa salire a 134 il numero dei positivi a Caivano, mentre sono stati chiusi tutti gli uffici delle politiche sociali, situati sul Corso Umberto I.

Off limits anche l’isola ecologica di via Rosselli, a causa della positività al Covid-19 di un dipendente.

Gli uffici resteranno chiusi al pubblico fino a nuove disposizioni, mentre sono stati già disposte le misure precauzionali per pulizia e sanificazione straordinaria di tutti i locali.

E’ necessario vaccinarsi e continuare a mantenere comportamenti prudenti – afferma il sindaco Enzo Falco – indossando correttamente la mascherina e rispettando sempre tutte le norme igienico-sanitarie anticovid. Abbiamo stanziato 300 mila euro per le disinfestazioni anticoronavirus”.  

Inoltre 23.192 di persone, pari al 72% della popolazione, hanno effettuato la seconda dose di vaccino (72 % popolazione) e 6.786 hanno completato la terza dose di vaccino (21 % popolazione).

Continua a leggere

Boscoreale

Boscoreale. Prende in prestito 3.000 euro ma ne restituisce 39.000: usuraia 63enne in manette

Pubblicato

il

Nella mattinata di oggi, mercoledì 18 agosto, i militari della Stazione di Boscoreale hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere mssa dal G.I.P. del Tribunale di Torre Annunziata nei confronti di una donna 63enne, gravemente indiziata in ordine ai reati di usura ed estorsione.

L’attività di indagine, condotta dai Carabinieri e condotta da questa Procura della Repubblica, ha permesso di riscontrare la denuncia presentata dalla persona offesa, la quale, dopo aver ricevuto dall’indagata, nel 2015 un prestito di 3.000 euro, è stata costretta a versare mensilmente interessi a tassi usurari fino al novembre del 2020 per un importo complessivo pari a circa 39.000 euro.

Gli inquirenti, attraverso l’assunzione di una serie di testimonianze e l’acquisizione dei relativi riscontridocumentali, hanno ricostruitol’intera sequenza degli eventi, dall’accordo iniziale fino al momento in cui la vittima, ormai incapace di far fronte alle continue richieste estorsive correlate alla restituzione del prestito usuraio, ha denunciato con dovizia di particolari le continue intimidazioni patite per circa 5 anni e dirette anche nei confronti dei suoi stretti familiari.

L’indagata, già gravata da precedenti penali della stessa specie, è stata tradotta presso la Casa Circondariale di Pozzuoli.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante