A CHI SERVE L’APPALTO PER LA VILLA DI VIA COMPAGNA?

LA COMMISSIONE STRAORDINARIA CONTINUA A INDEBITARE I CITTADINI ARZANESI PER SCOPI INUTILI

E’ il caso di dire che la perseveranza nell’errore non manca alla Commissione straordinaria che governa Arzano.

Dopo una singolare determina a firma di un vigile urbano del luglio scorso, con la quale si decideva di utilizzare la villa di via Compagna per fare un altro ufficio comunale, ecco il desiderio trasformato in realtà.

Nulla ci sarebbe da dire se non da sorprendersi per la velocità degli atti, visto che gli arzanesi accusati di essere camorristi stanno ancora aspettando l’abbattimento degli abusi edilizi dei capoclan nella 167 di Arzano.

Nulla ci sarebbe da dire se effettivamente gli uffici comunali di piazza Cimmino, di via Pecchia e di via Ferrara risultassero pieni di dipendenti, di uffici e di archivi funzionanti, ma purtroppo è sotto gli occhi di tutti la quantità di stanze chiuse e vuote di persone e di servizi.

Nulla ci sarebbe da dire se ci fossero stati finanziamenti straordinari calati dall’alto, senza esborso da parte dei cittadini.

Ma la parte più bella della deliberazione è proprio questa!

La Commissione Straordinaria delibera di trasformare una villa privata in uffici comunali, senza aver bisogno di nuovi uffici comunali e senza avere i soldi per farlo.

Infatti, si impegnano subito 210.000,00 euro ma se ne hanno solo 86.545,68, pertanto si dovranno “reperire” dalle tasche dei cittadini la bellezza di 123.454,32 euro!

Morale della favola, si indebita il futuro degli arzanesi insieme ai debiti già cospicui che si stanno accumulando visto che da quando si è insediata la commissione straordinaria non paga acqua, luce, gas e telefoni.

E, siccome a pensar male spesso si indovina, la domanda dei cittadini è la seguente: ”A chi serve questo appalto?”

Filly Filandica

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.